Medici, Lorenzo de', il Magnifico

1449 - 1492

Bibliografia
EI
Poesie Seleziona tutti
1 Cerchi, chi vuol, le pompe e gli altri onori sonetto
2 Chi è quel, che io veggo dentro agli occhi belli sonetto
3 Chi ha la vista sua così potente sonetto
4 Come lucerna alla ora matutina sonetto
5 Condotto Amor mi avea sino allo estremo sonetto
6 Felici ville, campi e, voi, silvestri sonetto
7 Il cor mio lasso in mezzo allo angoscioso sonetto
8 Io non so ben, chi mi è maggior nimico sonetto
9 Io sento crescer più di giorno in giorno sonetto
10 Io son sì certo, Amor, di tua incertezza sonetto
11 Io ti lasciai pur qui, quel lieto giorno sonetto
12 La anima afflitta mia, fatta lontana sonetto
13 Lascia la isola tua tanto diletta sonetto
14 Lasso a me, quando io son là dove sia sonetto
15 Lasso, che sento io più mover nel petto? sonetto
16 Lasso, già cinque corsi ha volto il sole sonetto
17 Lasso, ogni loco lieto al cor mi adduce sonetto
18 "Lasso, or la bella donna mia che face? sonetto
19 Lasso, ormai non so più che far mi deggia sonetto
20 Mille duri pensier pur nel cor mova sonetto
21 Ohimè, che acque tenere fur quelle sonetto
22 Ove madonna volge gli occhi belli sonetto
23 O veramente felice e beata sonetto
24 Più dolce sonno, o placida quiete sonetto
25 Poi che tornato è il sole al corso antico sonetto
26 Poscia che il bene, aventurato core sonetto
27 Quando la ora aspettata si avicina sonetto
28 Quei begli occhi leggiadri, che Amor fanno sonetto
29 Quei dolci primi miei pensieri, onde io sonetto
30 Se Amor agli occhi mostra il lor bel sole sonetto
31 Se il fortunato cor, quando è più presso sonetto
32 Sì bella è la mia donna e in sé raccoglie sonetto
33 Sì dolcemente la mia donna chiama sonetto
34 Soavissimo sonno, omai ne vieni sonetto
35 Spesso mi torna a mente, anzi giamai sonetto
36 Tante vaghe bellezze ha in sè raccolto sonetto
37 Tu non sarai mai più crudele dio sonetto
38 Un acerbo pensier talor mi tiene sonetto