VE1545-RD 1/1

p. 110 [150] Scipio, che lunge dal tuo patrio lido Molza, Francesco Maria (4)
p. 110 [151] CARO che quanto scopre il nostro polo Molza, Francesco Maria (5)
p. 111 [152] Il cangiar dolce del celeste viso Molza, Francesco Maria (6)
p. 111 [153] Qual vago fior, che sottil pioggia ingombra Molza, Francesco Maria (7)

© Pavia, Biblioteca Universitaria