Molza, Francesco Maria

1489 - 1544

Bibliografia
EI
Poesie Seleziona tutti
1 Agno puro di Dio, che gli alti campi sonetto
2 Alla onorata vostra e santa spada sonetto
3 Allo apparir del viso almo e sereno sonetto
4 Alma che già nella tua verde etade sonetto
5 Alma città, che sovra i sette colli sonetto
6 Alma cortese, che con dolci accenti sonetto
7 Alma fenice a cui dal cielo è dato sonetto
8 Alma fenice, che dal sacro nido sonetto
9 Alma real, che le gran membra sparte sonetto
10 Alta fiamma amorosa e ben nate alme sonetto
11 Altera fronde, che lo incolto crine sonetto
12 Altero fiume, che a Fetonte involto sonetto
13 Altero sasso, lo cui giogo spira sonetto
14 Alto silenzio, che a pensar mi tiri sonetto
15 Amor, che vedi i più chiusi pensieri sonetto
16 Angiol divino, che pur dianzi al cielo sonetto
17 Angiol terren, che Policleto e Apelle sonetto
18 Anima bella e di quel numero una sonetto
19 Anima bella, entro un bel velo involta sonetto
20 Anime belle, che vivendo, essempio sonetto
21 Anni ventuno ha già rivolto il cielo sonetto
22 Ben ebbe il cielo allo onorato impero sonetto
23 Ben ebbe il ciel sereno e queti i venti sonetto
24 Benedetta la mano ballata
25 Ben fu nemico il mio destin fatale sonetto
26 Ben furon stelle fortunate e chiare sonetto
27 Candida perla, e nata in dura parte sonetto
28 Caro, che quanto scopre il nostro polo sonetto
29 Cedi pur giorno, e men volgendo altero sonetto
30 Che non abbi sofferto che in un solo sonetto
31 Chi parlerà di voi, occhi lucenti sonetto
32 Cingi di muri adamantini, o Giove sonetto
33 Coi desir tutti ai patrii lidi intenti sonetto
34 Come cerva, cui sete in sulla aurora sonetto
35 Come, della alta sua bellezza, Iddio sonetto
36 Come il mar, se né vento od aura il fiede sonetto
37 Come pastor sovra spedito scoglio sonetto
38 Come stella che fuor dello oceano sonetto
39 Come testo di vaghi e lieti fiori sonetto
40 Come uom che ai raggi del pianeta intento sonetto
41 Cortese aspira ai desir nostri, o Giove sonetto
42 Dalla più ricca vena il più pregiato sonetto
43 Dapoi che portan le mie ferme stelle canzone
44 Da sette alte eccellenzie in lei raccolte sonetto
45 Degno sete, signor, a cui lo freno sonetto
46 Del grave foco in che io mi struggo e pero sonetto
47 Dietro un bel cespo di fioretti adorno sonetto
48 Di scabro sasso e di ogni intorno roso sonetto
49 Dolce, quel benedetto foco ardente sonetto
50 Dolci, ben nati, amorosetti fiori sonetto
51 Doman vedrò, se io non mi inganno, o sole sonetto
52 Donna, che ogni felice e chiaro ingegno sonetto
53 Donna, che per sanar le aspre ruine sonetto
54 Donna, che pieno il bel virginal chiostro sonetto
55 Donna gentil, nelle cui labbra il nido sonetto
56 Donna, nel cui splendor chiaro e divino sonetto
57 Dormiva Amor entro il bel seno accolto sonetto
58 Due continenti in forma umana volti sonetto
59 È pur caduta la tua gloria, ahi, lasso sonetto
60 Eterno foco e più di ogni altro grato sonetto
61 Felice pianta e per sostegno eletta sonetto
62 Fra il bel paese il cui fiorito seno ottava
63 Fra le sembianze onde di lunge avrei canzone
64 Fuggite madri, e i cari vostri pegni sonetto
65 Gandolfo, che lontan dal natio nido sonetto
66 Gigli, rose, viole, amomo, acanti sonetto
67 Gite, coppia gentil, e il bel sommesso sonetto
68 Gli alti sepolcri e le mirabil spoglie sonetto
69 Gli occhi leggiadri e di luce ebbri, ardente sonetto
70 Guidiccion, che con saldo, invitto piede sonetto
71 Il cangiar dolce del celeste viso sonetto
72 Il dì che costei nacque, che mi fiede sonetto
73 Il dolce suon, di che suoi strali affina sonetto
74 Il giorno riede che lasciando sparte sonetto
75 Il nodo di che Amor, né il più tenace sonetto
76 Il sangue, che fu già caldo e fervente sonetto
77 I miei lieti, felici e dolci amori sonetto
78 Invido sol, se le due chiare stelle sonetto
79 Io che i danni saldar avea pensato sonetto
80 Io pur doveva il mio bel sole io stesso sonetto
81 Io son del mio bel sol tanto geloso sonetto
82 La altezza dello obbietto, onde a me lice sonetto
83 La bella donna che dal sonno desto sonetto
84 La bella donna di cui già cantai sonetto
85 La nobil pianta che le prime prove sonetto
86 Le fresche guance e il bel sembiante umile sonetto
87 Leggiadra rete aveva ordito Amore sonetto
88 Licida acceso e Filli di un amore sonetto
89 Lo altero augel che le saette a Giove sonetto
90 Lo atto avante avrò sempre, in che onestade sonetto
91 Lo aurato pomo, la cui pianta cinse sonetto
92 Lo schietto drappo di cui gire altero sonetto
93 Lucente globo, e della notte raro sonetto
94 Mentre Fortuna, ai bei desir molesta sonetto
95 Mentre io men gia da Amor libero e sciolto sonetto
96 Mentre me verso il bel gorgoneo fonte sonetto
97 Motta gentil, se la tua donna altera sonetto
98 Né giglio posto ad un bel rio vicino sonetto
99 Nella settima idea, per cui dovea sonetto
100 Nello apparir del giorno canzone
101 Né mai racemi, né lo estivo ardore sonetto
102 Non piango te Signor, che eterna pace sonetto
103 Novello sole, in cui si uniro i raggi sonetto
104 O bella man, che in me il gran foco accolto sonetto
105 Oh se di quanto già, sotto questo orno sonetto
106 Ombra gentile, a cui di Italia spento sonetto
107 O nata fra gli Amori, o novo fiore sonetto
108 O te, qual dea debbiam chiamarti omai sonetto
109 Perché nel mare ogni suo rivo altero sonetto
110 Perché tornar non veggio canzone
111 Per farsi bella nei vostri occhi Morte sonetto
112 Per formar Zeusi una beltade eletta sonetto
113 Per trovar coi begli occhi vostri pace sonetto
114 Piangi secol noioso e di orror pieno sonetto
115 Poi che, a gran torto, il mio vivace sole sestina doppia
116 Poi che al veder di chi nel sommo regno sonetto
117 Poi che la vite onde Israel fioria sonetto
118 Poi che le stelle a miei desir nemiche sonetto
119 Poi che pascer dei cieli il grande erede sonetto
120 Poscia che qui la mia ninfa si giacque sonetto
121 Potrà di marmi e ben lodati segni sonetto
122 Qual si vede cader dal ciel repente sonetto
123 Qual vaghezza o furor ti prese, o Morte sonetto
124 Qual vago fior che sottil pioggia ingombra sonetto
125 Quando fra le altre donne altera giunge sonetto
126 Quando mi tiene il mio distin diviso sonetto
127 Quando, Riccio, sarà che al vostro monte sonetto
128 Quel che infinito biasmo ad altri fora sonetto
129 Questa nella alma imagin bella e viva sonetto
130 Qui dove piano e camin destro invita sonetto
131 Sacri pastor, perché alla vostra cura canzone
132 Saggio signor, che alla età nostra solo sonetto
133 Santa, sacra, celeste e sola imago sonetto
134 Sante, sagge, leggiadre, alme divine sonetto
135 Schietti arboscelli, e voi, bei lochi aprici sonetto
136 Scipio, che lunge dal tuo patrio lido sonetto
137 Scopri le chiome di oro e fuor delle onde sonetto
138 Se agli anni piu maturi ed alla etate sonetto
139 Se allor che stretto allo Oriente il freno sonetto
140 Se alor che grave servitute oppresse sonetto
141 Se a poco ferme e non vivaci carte sonetto
142 Se ciò che non è in voi, donna, vi spiace sonetto
143 Se fra le Sirti allor che irato fiede sonetto
144 Se il dolce nome di costei mi ancide sonetto
145 Se il mondo inanzi tempo il suo bel sole sonetto
146 Se il sol tra quanto il suo bel carro gira sonetto
147 Se io il dissi che dal ciel sovra me scenda sonetto
148 Se per finir questa mia carne ardita sonetto
149 Se per vertù della onorata spada sonetto
150 Se quella viva ed onorata parte sonetto
151 Se rotta la asta del crudel tiranno sonetto
152 Sette miei almi ed onorati monti sonetto
153 Sì come augel coi suoi graditi accenti sonetto
154 Si come augelli semplicetti e puri sonetto
155 Sì come fior che per soverchio umore sonetto
156 Sì come ramo leggiadretto e lento sonetto
157 Signor già per salvarne in cielo eletto sonetto
158 Signor, lasciarsi il destrier vostro i venti sonetto
159 Signor, le piaghe onde il tuo vago aspetto sonetto
160 Signor, quel dì, che con intoppo altero sonetto
161 Signor, se agli onorati e bei desiri sonetto
162 Signor, se miri alle passate offese sonetto
163 Signor, se per unire alla alta impresa sonetto
164 Signor, sotto il cui fermo e santo impero sonetto
165 Soranzo, che ora in seggio altero assiso sonetto
166 Spirto gentile, il cui valor non doma sonetto
167 Splendor ben nato, che spuntar solevi sonetto
168 Sprezzava il mondo ogni real costume sonetto
169 Su questo lido e questa istessa arena sonetto
170 Talor madonna folgorando muove sonetto
171 Tinto in rosso il Danubio e rotto il corso sonetto
172 Torbida imago e nello aspetto scura sonetto
173 Torna Amore allo aratro e i sette colli sonetto
174 Tosto che in questa breve e fragil vita sonetto
175 Tu, che al ciel tolto gloriosa sede sonetto
176 Uditemi, madonna madrigale
177 Vago monte superbo, ove Quirino sonetto
178 Vibra pur la tua sferza e mordi il freno sonetto
179 Vincerà chiaro sole il vostro raggio sonetto
180 Visto avea il Tebro Giulia, in cui Natura sonetto
181 Voce, che scossa del bel velo umano sonetto
182 Voi, cui Fortuna lieto corso aspira sonetto
183 Voleva in ciel di voi far una stella sonetto
Poesie di <Molza, Francesco Maria> con diversa attribuzione
1 VE1547-RD 2/1 [39] Vibra pur la tua sferza e mordi il freno Caro, Annibale sonetto
2 VE1547-RD 2/1 [40] Nello apparir del giorno Caro, Annibale canzone
3 VE1547-RD 2/1 [420] I miei lieti, felici e dolci amori Autore incerto sonetto
4 VE1547-RD 2/1 [434] Di scabro sasso e di ogni intorno roso Autore incerto sonetto
5 VE1548-RD 2/2 [39] Vibra pur la tua sferza e mordi il freno Caro, Annibale sonetto
6 VE1548-RD 2/2 [40] Nello apparir del giorno Caro, Annibale canzone
7 VE1548-RD 2/2 [405] I miei lieti, felici e dolci amori Autore incerto sonetto
8 VE1548-RD 2/2 [419] Di scabro sasso e di ogni intorno roso Autore incerto sonetto
9 VE1550-RD 3 [227] Novello sole, in cui si uniro i raggi Susio, Giovanni Battista sonetto
10 VE1550-Spirituali 1 [316] Anime belle, che vivendo, essempio Colonna, Vittoria sonetto
11 BO1551-RD 4 [139] Come, della alta sua bellezza, Iddio Baroncini, Giuseppe sonetto
12 BO1551-RD 4 [140] Poi che, a gran torto, il mio vivace sole Baroncini, Giuseppe sestina doppia
13 VE1558-Fiori /1 [80] Vibra pur la tua sferza e mordi il freno Caro, Annibale sonetto
14 VE1558-Fiori /1 [81] Nello apparir del giorno Caro, Annibale canzone
15 VE1565-AT 1 [10] Nello apparir del giorno Caro, Annibale canzone
16 VE1565-AT 1 [11] Vibra pur la tua sferza e mordi il freno Caro, Annibale sonetto
17 VE1565-AT 1 [252] Qual si vede cader dal ciel repente Cenci, Giacomo sonetto
18 VE1565-AT 1 [253] Qual vaghezza o furor ti prese, o Morte Cenci, Giacomo sonetto
Poesie di altri autori attribuite a <Molza, Francesco Maria>
1 VE1547-RD 2/1 [23] Sacro Signor, che da superni giri Rainerio, Antonio Francesco canzone
2 VE1548-RD 2/2 [23] Sacro Signor, che da superni giri Rainerio, Antonio Francesco canzone
3 VE1556-Rime_raccolte /2 [99] Sacro Signor, che da superni giri Rainerio, Antonio Francesco canzone
4 VE1558-Fiori /1 [398] Sacro Signor, che da superni giri Rainerio, Antonio Francesco canzone
5 VE1565-AT 1 [193] Così di primavera eterna guida Cappello, Bernardo sonetto
6 VE1565-AT 1 [194] Signor, la cui virtute e il grave aspetto Cappello, Bernardo sonetto
7 VE1565-AT 1 [195] Poscia che il mondo vi confessa aperto Cappello, Bernardo sonetto
8 VE1586-RS 1/4 [99] Sacro Signor, che da superni giri Rainerio, Antonio Francesco canzone