VE1564-RS 2/2

Di m. Antonio Terminio
p. 7 [1] Ai mal accorto Cor, troppo sovente (1) sonetto
p. 8 [2] Per trarmi al regno suo possente et fero (2) sonetto
p. 8 [3] O lieto e dolce mio stato primiero (3) sonetto
p. 9 [4] Misero me, da qual tanto furore (4) sonetto
p. 9 [5] Tutte sue forze la Ragione ardita (5) sonetto
p. 10 [6] Quel dolce acerbo mio caro nemico (6) sonetto
p. 10 [7] Securo già de le tue frodi, Amore (7) sonetto
p. 11 [8] Cugin, mentre al tuo mal porger aita (8) sonetto
p. 11 [9] Tu che cantasti con sì dolci accenti (9) sonetto
p. 12 [10] Se generoso et bel desio vi preme (10) sonetto
p. 12 [11] La strada occolta, faticosa, et erta (11) sonetto
p. 13 [12] Tacer non posso il gran piacer, che sento (12) sonetto
p. 13 [13] O de l'egro mio cor vital conforto (13) sonetto
p. 14 [14] Segui l'altera impresa, e 'l bel lavoro (14) sonetto
p. 14 [15] Amor, ch'ogni pensier del Cor mi rade (15) sonetto
p. 15 [16] Altri la prima età, le crespe bionde (16) sonetto
p. 15 [17] Alma mia Fiamma, che con dolci et nuove (17) sonetto
p. 16 [18] Dolci mi sono i Ceppi, ove m'havete (18) sonetto
p. 16 [19] Caro, leggiadro, et pretioso Laccio (19) sonetto
p. 17 [20] Se ben havesse il fil de la mia vita (20) sonetto
p. 17 [21] Alma ben nata, cui per gratia elesse (21) sonetto
p. 18 [22] Di fior vermigli adorna in bianchi panni (22) sonetto
p. 18 [23] Vedendo il Rè sovran, che al fin del giorno (23) sonetto
p. 19 [24] Tu dunque Fiamma mia vivace et lenta (24) sonetto
p. 19 [25] Se per voi mille volte il giorno soglio (25) sonetto
p. 20 [26] Strano Animal tra gli altri in Terra nasce (26) sonetto
p. 20 [27] Per veder dunque le reliquie antiche (27) sonetto
p. 21 [28] Mosso forse à pietà del fiero ardore (28) sonetto
p. 21 [29] Lagrime false, se voi molli feste (29) sonetto
p. 22 [30] Non bastava con atti iniqui e crudi (30) sonetto
p. 22 [31] Fieri messi d'Amor, Pensieri ardenti (31) sonetto
p. 23 [32] Scemo due volte il volto, e due ripieno (32) sonetto
p. 23 [33] Com'è beato un huom, che in vita serba (33) sonetto
p. 24 [34] A dir l'altrui mal fortunato amore (34) sonetto
p. 24 [35] Poi c'hebbe ardir quell'empia Donna ingrata (35) sonetto
p. 25 [36] Quando nel mar d'Amor mia Navicella (36) sonetto
p. 25 [37] Dopò l'havermi tante volte in tanti (37) sonetto
p. 26 [38] Questo mio fido Cor, semplice, et puro (38) sonetto
p. 26 [39] Almo, placido Dio, queto, et soave (39) sonetto
p. 27 [40] Poi che interrotto m'era ogni altro scampo (40) sonetto
p. 27 [41] Ecco, che mi vedrete un'altra volta (41) sonetto
p. 28 [42] Qual à stanchi Nocchier di afflitta Nave (42) sonetto
p. 28 [43] Vedi, se sta pur dura et ostinata (43) sonetto
p. 29 [44] Come se per città cui mano hostile (44) sonetto
p. 29 [45] Misero, afflitto cor, poi che ti spoglia (45) sonetto
p. 30 [46] Lagrime mie, sì dura et salda pietra (46) sonetto
p. 30 [47] Sì mi si ponta ognihor superba et fiera (47) sonetto
p. 31 [48] Se più di te sia visso in duri affanni (48) sonetto
p. 31 [49] Tu che à covrir quella leggiadra e bella (49) sonetto
p. 32 [50] Contra rigor di Donna aspro e inhumano (50) sonetto
p. 32 [51] Poi che di Voglie pretiose carca (51) sonetto
p. 33 [52] Non è questo il beato almo terreno (52) sonetto
p. 33 [53] Contra l'empio figliuol commossa à sdegno (53) sonetto
p. 34 [54] Chi fosse stato fermo al bel soggiorno (54) sonetto
p. 34 [55] Amor, se gli occhi son tuo proprio oggetto (55) sonetto
p. 35 [56] Sonno; che al mio pensier tu rappresenti (56) sonetto
p. 35 [57] Per discovrir la piaga aspra fatale (57) sonetto
p. 36 [58] Vissi gran tempo in duro foco ardente (58) sonetto
p. 36 [59] Donna vedeste già, come repente (59) sonetto
p. 37 [60] Le superbe ricchezze instabil sorte (60) sonetto
p. 37 [61] Donna, dal cui bel viso ampia dolcezza (61) sonetto
p. 38 [62] Come ad arder da lunge incominciai (62) sonetto
p. 38 [63] Se cosi in alte rime io nuovamente (63) sonetto
p. 39 [64] Credea, che forza al mio debile ingegno (64) sonetto
p. 39 [65] O di beltà felice unico Mostro (65) sonetto
p. 40 [66] Io già conosco ben fra tanti alteri (66) sonetto
p. 40 [67] Prosontuoso e temerario ardire (67) sonetto
p. 41 [68] In dubbio del mio stato, hor ardo, hor tremo (68) sonetto
p. 41 [69] Mentre la bella Donna, à cui le vere (69) sonetto
p. 42 [70] Rime infelici, ond'io lieto pensai (70) sonetto
p. 42 [71] Che fan più meco i vostri ornati canti (71) sonetto
p. 43 [72] Dive che d'Helicona i sacri fonti (72) sonetto
p. 43 [73] Pensiero, a che il mio cor misero e stanco (73) sonetto
p. 44 [74] Quando (e ben mille volte il dì m'aviene) (74) sonetto
p. 44 [75] Queste repulse gravi, acerbe, e fiere (75) sonetto
p. 45 [76] Potrete voi vietar, ch'io non v'adori (76) sonetto
p. 45 [77] Quanti vestì di pelo unque Natura (77) sonetto
p. 46 [78] Chiome di fino e sottilissimo Oro (78) sonetto
p. 46 [79] Treccie di fila d'or crespe e lucenti (79) sonetto
p. 47 [80] Come d'oro i Capei, d'avorio il Petto (80) sonetto
p. 47 [81] Se de' begli occhi vostri à i dolci rai (81) sonetto
p. 48 [82] Come havrà tanta forza hoggi il cor lasso (82) sonetto
p. 48 [83] Questo riposto, novo, alto ricetto (83) sonetto
p. 49 [84] Parea questa magion colma d'horrore (84) sonetto
p. 49 [85] Triste, pensose, et agghiacciate, et sole (85) sonetto
p. 50 [86] Sol, che al partir del nostro Sol maggiore (86) sonetto
p. 50 [87] Vago, pregiato, e gratioso dono (87) sonetto
p. 51 [88] O bella Man, che avorio, e latte, et neve (88) sonetto
p. 51 [89] Come se in ampio lago, in cui gli ardenti (89) sonetto
p. 52 [90] In palagio Real tra via battendo (90) sonetto
p. 52 [91] Sì mi sprona il desio, Signor mio caro (91) sonetto
p. 53 [92] Occhi miei, già per voi, che troppo ardita (92) sonetto
p. 53 [93] Poiche da voi e da me stesso insieme (93) sonetto
p. 54 [94] Pesci gentili, che solcando à gara (94) sonetto
p. 54 [95] Ponga pur monti, e boschi, e fiumi, et mari (95) sonetto
p. 55 [96] Qui dove mezo son, sì lungi absente (96) sonetto
p. 55 [97] Cara un tempo mi fù quella, che appare (97) sonetto
p. 56 [98] O benedetto Lido, o sacra ARENA (98) sonetto
p. 56 [99] Nel Mar nacque la Dea, cui Cipro adora (99) ottava
p. 56 [100] Se tutto è fiamma il sospiroso Core (100) ottava
p. 57 [101] LAURA, che sol di Mirto ò schietto Lauro (101) sonetto
p. 57 [102] Spirto generoso, invitto, e chiaro (102) sonetto
p. 58 [103] SANCIO gentil ben ferme e dritte scale (103) sonetto
p. 58 [104] Poiche scorgendo homai l'antico merto (104) sonetto
p. 59 [105] Il Santo piè del gran Motor superno (105) sonetto
p. 59 [106] Come nel sommo Polo, onde Aquilone (106) sonetto
p. 60 [107] Come a guardar del Sol gli ardenti rai (107) sonetto
p. 60 [108] Poiche di Xanto in su' la fresca riva (108) sonetto
p. 61 [109] Che di perle, e di gemme, e d'aurei fiori (109) sonetto
p. 61 [110] Sperò molt'anni gia Volturno eguali (110) sonetto
p. 62 [111] MARRA, che al nobil sangue antico et chiaro (111) sonetto
p. 62 [112] Di vostre lodi gloriose et rare (112) sonetto
p. 63 [113] LOMELINA felice, in cui si spense (113) sonetto
p. 63 [114] Figlie del gran Nereo, che 'l ricco humore (114) sonetto
p. 64 [115] Chi vuol veder con manifesta prova (115) sonetto
p. 64 [116] Come tra l'altre Donne eletto e colto (116) sonetto
p. 65 [117] Donna d'Imperio degna, in cui Natura (117) sonetto
p. 65 [118] Se 'l nodo, onde duo cori astringe Amore (118) sonetto
p. 66 [119] Selva ben fù de i pargoletti Amori (119) sonetto
p. 66 [120] Dunque il Tesin devrà d'invidia tanto (120) sonetto
p. 67 [121] A' che del Mar lasciasti il nobil regno (121) sonetto
p. 67 [122] Qual caso strano et rio sì horribilmente (122) sonetto
p. 68 [123] Era per avanzar la Dea di Gnido (123) sonetto
p. 68 [124] Partisti Anima bella; et pur à Dio (124) sonetto
p. 69 [125] Tanto dunque anzi tempo, et si repente (125) sonetto
p. 69 [126] Poi che prescritto havea l'alto destino (126) sonetto
p. 70 [127] Giunta Isabella in su la Stigia riva (127) sonetto
p. 70 [128] Fido Guerrier, che ne gli alpestri boschi (128) sonetto
p. 71 [129] Se 'l tuo buon padre già (come si crede) (129) sonetto
p. 71 [130] A cosi fiero colpo, a cosi acerba (130) sonetto
p. 72 [131] Dunque s'una crudel, di piombo il petto (131) sonetto
p. 72 [132] Gran tempo il suon de le tue penne, el grido (132) sonetto
Di messer Lodovico Dolce
p. 73 [133] Gradisci alma Giunon le honeste voglie (1) sonetto
p. 74 [134] Tu che girando la Celeste sfera (2) sonetto
Del cap. Alessand. Spinola
p. 74 [135] Io ti rendo Signor gratia di tante (1) sonetto
p. 75 [136] Dopò d'haver fuor di Pannonia spinto (2) sonetto
Di m. Nicolo Franco
p. 75 [137] Da che nella tua scola Amor correggi (1) sonetto
p. 76 [138] TANSILLO del Signor, ch'io seguo e canto (2) sonetto
p. 76 [139] Che per voi Cigno pellegrino e bianco (3) sonetto
p. 77 [140] Non perch'al mio gran Sol poche facelle (4) sonetto
Del cavalier Salvago
p. 77 [141] Ossa di riverenza e d'honor piene (1) sonetto
p. 78 [142] Quella che gloria al mondo et a me vita (2) sonetto
p. 78 [143] Ripercossa da morte, al fin correa (3) sonetto
p. 79 [144] E pur la Cerva generosa e altera (4) sonetto
p. 79 [145] Perche m'ody, s'io t'amo e s'io t'adoro? (5) sonetto
p. 80 [146] Quasi a l'ardente Sol tenero fiore (6) sonetto
Di messer Annibal Caro
p. 81 [147] O voi sì, che di porpora e di quanti (1) sonetto
p. 82 [148] Donna, qual mi fuss'io, qual mi sentissi (2) sonetto
p. 82 [149] In voi mi Trasformai, di voi mi vissi (3) sonetto
p. 83 [150] Miracoli d'amore, in due mi scissi (4) sonetto
Del s. Giovan Tomaso d'Arena
p. 84 [151] Quel dì, che 'l canto e i vostri alti concenti (1) sonetto
p. 85 [152] Spirto divin, nel cui celeste volto (2) sonetto
p. 85 [153] O del mio cor reina, alma mia diva (3) sonetto
p. 86 [154] Qual donna mentre è d'human carco oppressa (4) sonetto
p. 86 [155] Poi che la Donna mia, di cui piu bella (5) sonetto
p. 87 [156] Questo lume, ch'altrui sì chiaro appare (6) sonetto
p. 87 [157] Quand'io son solo e 'n grembo a le mie pene (7) sonetto
p. 88 [158] Questa bella d'amor nemica e mia (8) sonetto
p. 88 [159] Donna che di sospiri e d'altrui pianti (9) sonetto
p. 89 [160] Tantalo io son, che i cari cibi appresso (10) sonetto
p. 89 [161] Non credete voi Pin ch'entro 'l mio core (11) sonetto
p. 90 [162] È sì grave il martir, che 'l cor m'ingombra (12) sonetto
p. 90 [163] CLARIO tra noi ben degno andarven chiaro (13) sonetto
p. 91 [164] Ecco che Francia un'altra volta scende (14) sonetto
p. 91 [165] Ecco che 'l Gallo s'arma a nova guerra (15) sonetto
p. 92 [166] Poi che spada di sdegno ha tronco il nodo (16) sonetto
Di messer Girolamo Cesarina
p. 93 [167] Prima havrà l'Ethiopia e neve, e gelo (1) sonetto
Del s. Giovan Antonio Serone
p. 94 [168] Poggiai quanto Amor volle, et aura, et ale (1) sonetto
p. 95 [169] Dolce è il foco, et la fiamma, onde arde Amore (2) sonetto
p. 95 [170] Quando Amor l'arme affina a l'empia cote (3) sonetto
Del signor marchese del Vasto
p. 96 [171] Quella che nel mio cor par sempre sia (1) sonetto
Di messer Mattheo Montenero
p. 97 [172] Venere, e Palla, in qual alma ben nata (1) sonetto
p. 98 [173] Come il ver'huom e Dio, per farne fede (2) sonetto
p. 98 [174] Il Sol terrestre in bianchi panni avvolto (3) sonetto
p. 99 [175] Deh Flori, se pietà d'aspri lamenti (4) sonetto
p. 99 [176] Cinta di mirto, e verdeggiante alloro (5) sonetto
p. 100 [177] Verdi colli, chiare acque, e piagge apriche (6) sonetto
p. 100 [178] Già del Letheo liquor bagnati i crini (7) sonetto
p. 101 [179] Ai Febo, se gia in questi ameni campi (8) sonetto
p. 101 [180] Velo che lieto t'aggiravi intorno (9) sonetto
p. 102 [181] Poi che molti anni son, che giunto il core (10) sonetto
p. 102 [182] Là dove Apollo il suo più ardente raggio (11) sonetto
p. 103 [183] L'hasta d'orgoglio contra me spingete (12) sonetto
p. 103 [184] Opraste pur ver me Donna il natio (13) sonetto
p. 104 [185] Quando fra vaghe stelle il Sol mio adorno (14) sonetto
p. 104 [186] Stando à mirar l'image alta e gradita (15) sonetto
p. 105 [187] Cara magion, ver cui sempre m'aggiro (16) sonetto
p. 105 [188] Bocca felice, che al bel Clima nostro (17) sonetto
p. 106 [189] Piangete il comun mal con volto essangue (18) sonetto
p. 106 [190] Non vedi Mondo, ch'acciò fosco et vile (19) sonetto
p. 107 [191] Morte già trionfar nel bel Mortale (20) sonetto
p. 107 [192] Giove, che il bel sovran rinchiuso havea (21) sonetto
p. 108 [193] Muse, che date con purgati inchiostri (22) sonetto
p. 108 [194] Le tue dolcezze Amor come sen' vanno (23) sonetto
p. 109 [195] Lingua perversa et ria, che qual tra fiori (24) sonetto
p. 109 [196] Di quella, à cui rapire hebbe sì pronte (25) sonetto
p. 110 [197] Raggio divino, involto in Terren velo (26) sonetto
p. 110 [198] Se al gran Motor, che 'l destro almo camino (27) sonetto
p. 111 [199] Hor ben vegg'io come dal vil Mortale (28) sonetto
p. 111 [200] Cosi potesse homai libera farse (29) sonetto
p. 112 [201] Angel terren, che con fortissime ali (30) sonetto
p. 112 [202] TERMINIO, del mio cor parte maggiore (31) sonetto
p. 113 [203] Quando al ciel non guardando, in basso aspiro (32) sonetto
Di messer Francesco Coppetta
p. 114 [204] Monte, che sovra i Sette colli sorgi (1) sonetto
p. 115 [205] Ecco LAURA, che spiega à i nostri giorni (2) sonetto
p. 115 [206] Vera pietade, et vera gloria è il fine (3) sonetto
p. 116 [207] Novello Alcide, à cui fregia le chiome (4) sonetto
p. 116 [208] Tu pur' andrai con mille navi, e mille (5) sonetto
p. 117 [209] Qual fia ragion, che 'l duol misuri, e tempre (6) sonetto
p. 117 [210] Amor m'ha posto, come scoglio a l'onda (7) sonetto
p. 118 [211] Questo dì lieto anni tre chiude, e venti (8) sonetto
p. 118 [212] Voi, ch'ascoltate l'una, e l'altra lira (9) sonetto
p. 119 [213] Sodo, io fui dianzi, costeggiando il fianco (10) sonetto
p. 119 [214] MARIO, fui dianzi, ove col Mauro a prova (11) sonetto
p. 120 [215] Perche sacrar non posso altari, e tempi (12) sonetto
p. 120 [216] Porta il buon Villanel da strania riva (13) sonetto
p. 121 [217] Di diamante era il muro, e d'oro il tetto (14) sonetto
p. 121 [218] Ò di quattro anni Letheo sonno adorno (15) sonetto
p. 122 [219] La bella Donna, da cui 'l viver pende (16) sonetto
p. 122 [220] S'invida febre a voi cela, e contende (17) sonetto
p. 123 [221] S'io già tutto di me vi feci dono (18) sonetto
p. 123 [222] Quando col ventre pien donna s'invoglia (19) sonetto
p. 124 [223] Rivedrò pur la bella Donna, e 'l loco (20) sonetto
p. 124 [224] Di quel sugo letal, ch'a morte spinse (21) sonetto
Di messer Horatio Cardaneto
p. 125 [225] Tosto, che 'l bel vostro sembiante altiero (1) sonetto
p. 126 [226] Ben mille volte, ò mio dolce conforto (2) sonetto
p. 126 [227] Ogni vostro atto, Donna, ogni parola (3) sonetto
p. 127 [228] GHIN mio gentil, che con veloce passo (4) sonetto
p. 127 [229] Spirto gentil, che fra mill'altri in cielo (5) sonetto
p. 128 [230] Spirto divin, che da stellanti chiostri (6) sonetto
p. 128 [231] Qual sia la vita mia, vò che sappiate (7) sonetto
p. 129 [232] Zefiro già l'ignuda, horrida Terra (8) sonetto
p. 129 [233] Piangi CACCIAGO mio, deh piangi hor meco (9) sonetto
p. 130 [234] Poiche di si bel gregge 'l ciel pastore (10) sonetto
p. 130 [235] Lasso, quando havran fin questi pensieri (11) sonetto
p. 13 (sc. 131) [236] Da l'onde Hesperie insino à i lidi Eoi (12) sonetto
Dello Scacciato Intronato
p. 132 [237] Mentre che Amore in gravi affanni involto (1) sonetto
p. 133 [238] Aure leggiadre, e di favor ripiene (2) sonetto
p. 133 [239] Qual più lodato ingegno à noi si mostri (3) sonetto
p. 134 [240] L'ardente fiamma, e l'amoroso nodo (4) sonetto
p. 134 [241] Alma gentil, d'ogni eccellentia ornata (5) sonetto
p. 135 [242] Per poter contemplar piu spesso quella (6) sonetto
p. 135 [243] Dolce imagine mia, leggiadra e pura (7) sonetto
p. 136 [244] Alma che impressa hai 'n tè l'imagin bella (8) sonetto
p. 136 [245] Del Tebro altier su l'honorate sponde (9) sonetto
p. 137 [246] Spirto gentil, sotto il cui degno impero (10) sonetto
p. 137 [247] Deh sarà mai, che questi bassi accenti (11) sonetto
p. 138 [248] Con quel soave et amoroso affetto (12) sonetto
p. 138 [249] Io che d'un solo ardore ho caldo il petto (13) sonetto
p. 139 [250] Son rari, son, tra i fortunati amanti (14) sonetto
p. 139 [251] Mille fiate al desir vostro il giorno (15) sonetto
p. 140 [252] Dunque è pur ver, che il tanto à voi diletto (16) sonetto
p. 140 [253] Quanto con l'occhio fiso, e col pensiero (17) sonetto
p. 141 [254] Non in saldi metalli, ò in duri marmi (18) sonetto
p. 141 [255] Intagli Fidia con mirabil'arte (19) sonetto
p. 142 [256] In metalli, ò in colori alma mia Diva (20) sonetto
p. 142 [257] Se sopra ogn'altra andarne humile altera (21) sonetto
p. 143 [258] Dei segreti d'amor degno ricetto (22) sonetto
p. 143 [259] Vedere il giorno quel ch'io men vorrei (23) sonetto
p. 144 [260] L'ardente fiamma, ov'io fui d'hora in hora (24) sonetto
p. 144 [261] Ben può fortuna in questa parte, e in quella (25) sonetto
p. 145 [262] Donna rara e gentil, che con l'ardente (26) sonetto
p. 145 [263] Se questi piedi altrove gir non sanno (27) sonetto
p. 146 [264] Fra belle Ninfe in un bel prato adorno (28) sonetto
p. 146 [265] I miei sospiri, e cosi caldi e spessi (29) sonetto
p. 147 [266] Ingrata Donna, e luci ingrate, poi (30) sonetto
p. 147 [267] Se voi da voi tenete il cor diviso (31) sonetto
p. 148 [268] Com'a quel reo Signor più d'altro piace (32) sonetto
p. 148 [269] Tanta dolcezza de begli occhi viemmi (33) sonetto
p. 149 [270] Mentre Sciapito mio, fra querce et olmi (34) sonetto
p. 149 [271] Com'huom, cui 'l giaccio, e 'l freddo pigro e lento (35) sonetto
p. 150 [272] L'ali del bel pensier, che da i lucenti (36) sonetto
p. 150 [273] Se mia benigna stella, o mia ventura (37) sonetto
p. 151 [274] Sciapito io ardo, e si dolce è l'ardore (38) sonetto
p. 151 [275] L'amoroso venen, che a poco a poco (39) sonetto
p. 152 [276] Chiara fama di te risuona intorno (40) sonetto
p. 152 [277] Sperai col favor sol di quelle sante (41) sonetto
p. 153 [278] Come di poca vena usato fiume (42) sonetto
p. 153 [279] Poi che 'l camin m'è chiuso di mercede (43) sonetto
p. 154 [280] Come chi lieto del suo stato vive (44) sonetto
p. 154 [281] Veggio al passar del dì l'hore si preste (45) sonetto
p. 155 [282] Era Madonna accolta in bruna vesta (46) sonetto
p. 155 [283] Pria che da l'amar voi Donna sia sciolto (47) sonetto
p. 156 [284] Amor che dentro al bel sereno viso (48) sonetto
Di messer Remigio Fiorentino
p. 157 [285] Onde havrò le parole, onde havrò mai (1) sonetto
p. 158 [286] Tra le bell'alme, ch'a far vive intese (2) sonetto
p. 158 [287] Se da' begl'occhi di mia Donna viene (3) sonetto
p. 159 [288] Altri nodi, altre fiamme ordisce e accende (4) sonetto
p. 159 [289] Come esser può, che con quel foco Amore (5) sonetto
p. 160 [290] Non credo occhi giamai veder quel giorno (6) sonetto
p. 160 [291] Ecco che pure a le querele antiche (7) sonetto
p. 161 [292] Ardo, sospiro, et piango, et si mi piace (8) sonetto
p. 161 [293] Itene o miei sospir, ch'accesi in quella (9) sonetto
p. 162 [294] Itene al ciel volando accesi e pronti (10) sonetto
p. 162 [295] Ove lontan da la mia fida luce (11) sonetto
p. 163 [296] Cosi vincessi di pietate et fede (12) sonetto
p. 163 [297] Qualhor a rimirar l'anima intenta (13) sonetto
p. 164 [298] Occhi, che già di vostra luce alteri (14) sonetto
p. 164 [299] S'alhor che puro il ciel rimira et vede (15) sonetto
p. 165 [300] Quando l'oscuro vel la bella Aurora (16) sonetto
p. 165 [301] Qualhor la stella mia quei raggi asconde (17) sonetto
p. 166 [302] Da quei begli occhi, in cui mia morte veggio (18) sonetto
p. 166 [303] Se quel seren ch'a be' vostri occhi intorno (19) sonetto
p. 377 (sc. 167) [304] Quando si ruppe il nodo, in cui molt'anni (20) sonetto
p. 167 [305] Qui venne al suon de la Sampogna mia (21) sonetto
p. 168 [306] Se tra le vaghe, e belle Idee che sono (22) sonetto
p. 168 [307] Motor santo, e pastor, Signor, e padre (23) sonetto
Di messer Bartholomeo Arnigio
p. 169 [308] Cinto le tempie d'alga Nereo Padre (1) sonetto
p. 170 [309] Occhi de gli occhi miei veri orienti (2) sonetto
p. 170 [310] Del Nilo le Piramidi, e di Faro (3) sonetto
p. 171 [311] Giamai si dolce non cantò Augellino (4) sonetto
p. 171 [312] Hor, che corcato in su l'herbose sponde (5) sonetto
p. 172 [313] Freschi Smeraldi voi, che foste letto (6) sonetto
p. 172 [314] Qui merco sol gravi tormenti MARCO (7) sonetto
p. 173 [315] I capei fatti di finissimo oro (8) sonetto
p. 173 [316] E luce, e reti il nome vostro sona (9) sonetto
p. 174 [317] Donna, che soggiogati i sensi a quella (10) sonetto
p. 174 [318] Qualhor' i penso a que' passi, a que' giri (11) sonetto
p. 175 [319] Come 'l robusto Domator de' Mostri (12) sonetto
p. 175 [320] Ben sai cor mio quanti pianti e sospiri (13) sonetto
p. 176 [321] Poi che pe 'l duol sospira, e piange Amore (14) sonetto
p. 176 [322] Donna, s'adhor' adhor per noi sopporto (15) sonetto
p. 177 [323] E di neve, e di gelo il Verno havea (16) sonetto
p. 177 [324] Quelle dolci et accorte parolette (17) sonetto
p. 178 [325] S'à l'apparir del Sol ogn'altra stella (18) sonetto
p. 178 [326] Sacri lumi del Ciel, che governate (19) sonetto
p. 179 [327] Almo Sol, che de' tuoi possenti rai (20) sonetto
p. 179 [328] Già molt'anni l'Augel, che si rinova (21) sonetto
Di messer Girolamo Parabosco
p. 180 [329] L'infinito valor, l'alta bellezza (1) sonetto
p. 181 [330] Canta l'alta beltà, che preso il tiene (2) sonetto
p. 181 [331] Chi vuol prova di se far contra Amore (3) sonetto
p. 182 [332] Se mai fu vero; que' begli occhi, ond'io (4) sonetto
p. 182 [333] Lontan dal vostro santo, almo splendore (5) sonetto
p. 183 [334] Mentr'io potea dinanzi al mio bel Sole (6) sonetto
p. 183 [335] Mentre sperai, che mi giovasse il pianto (7) sonetto
p. 184 [336] Per gli occhi fuor di questa mesta fronte (8) sonetto
p. 184 [337] Se quei crudi martir, che mandan fuore (9) sonetto
p. 185 [338] Se mira il ciel questa divina STAMPA (10) sonetto
p. 185 [339] Perche non deggio nel mio mal gioire (11) sonetto
p. 186 [340] Luci sante et beate, in cui si vede (12) sonetto
p. 186 [341] Velenoso, e vie piu ch'assentio amaro (13) sonetto
p. 187 [342] Di mia vita il governo Amore ha dato (14) sonetto
p. 187 [343] Deh perche Amore in van mai sempre aspetto (15) sonetto
p. 188 [344] VENIER, ben puo fortuna empia e rapace (16) sonetto
p. 188 [345] Altri Donna felice i puri marmi (17) sonetto
p. 189 [346] Occhi vita e virtù di questo core (18) sonetto
p. 189 [347] O di quanta virtu gratia, e beltade (19) sonetto
p. 190 [348] Mentr'un più chiaro, e più lucente Sole (20) sonetto
p. 190 [349] Se mille, et mille al di rompesse Amore (21) sonetto
p. 191 [350] Quantunque imaginar si possa à pena (22) sonetto
p. 191 [351] Maga gentil, che col tuo viso adorno (23) sonetto
Di messer Alessandro Lionardi
p. 192 [352] Forse ch'à l'apparir del mio bel Sole (1) sonetto
p. 193 [353] Che piu fiamma al mio foco, o nodi al core (2) sonetto
p. 193 [354] Se 'n dubbio di mia fede Amor vi tiene (3) sonetto
p. 194 [355] Qual maggior testimon de la mia fede (4) sonetto
p. 194 [356] Sgombra dal tuo bel volto Apollo homai (5) sonetto
p. 195 [357] Da duo mortal nemici armati et feri (6) sonetto
p. 195 [358] Vidi pianger Madonna, et seco Amore (7) sonetto
p. 196 [359] Presso a quel rivo dove Amor sovente (8) sonetto
p. 196 [360] Fiume, che m'accompagni, et ragionando (9) sonetto
p. 197 [361] Qualhor sovien' a l'alma quant'hor lunge (10) sonetto
p. 197 [362] Gentil, felice, et honorata vista (11) sonetto
p. 198 [363] Spento parea l'ardor, e 'l nodo sciolto (12) sonetto
p. 198 [364] Se le lunghe fatiche, e i tanti passi (13) sonetto
p. 199 [365] Desir che l'alma dietro à van pensieri (14) sonetto
p. 199 [366] Occhi ove splende quel terrestre sole (15) sonetto
p. 200 [367] Quel dolce viso, et que' begli occhi, dove (16) sonetto
p. 200 [368] Se vuoi ch'io viva Amor, fa che più spesso (17) sonetto
p. 201 [369] Qual meraviglia se la viva luce (18) sonetto
p. 201 [370] Era Giunon turbata, come alhora (19) sonetto
p. 202 [371] Sacrate piume di che impenna amore (20) sonetto
p. 202 [372] Come poss'io fuggir da le tue mani (21) sonetto
p. 203 [373] Tornando quella stella homai che Giove (22) sonetto
p. 203 [374] Come spesso partecipe tu sei (23) sonetto
p. 204 [375] Non per repulse, non per ire, o sdegni (24) sonetto
p. 204 [376] Donna, non par che splenda, o che fia giorno (25) sonetto
p. 205 [377] Stavasi meco Apollo in vista alquanto (26) sonetto
p. 205 [378] Come scorgendo 'l Sol ne ven l'aurora (27) sonetto
p. 206 [379] Vidi una chiara luce che da Dei (28) sonetto
p. 206 [380] Tra due fiorite, et dilettose rive (29) sonetto
p. 207 [381] Poi che son privo di veder colei (30) sonetto
p. 207 [382] Tutti gli augelli amor ch'intorno à queste (31) sonetto
p. 208 [383] Signor, se lece ad huom farsi immortale (32) sonetto
Di messer Antonio Minturno
p. 209 [384] Quanti dal Tago Hispano a l'Indo Hidaspe (1) sonetto
p. 210 [385] Vaghi augelletti; che per bel costume (2) sonetto
p. 210 [386] Poi che la nostra angelica beltade (3) sonetto
p. 611 (sc. 211) [387] Bernedetto sia 'l luogo, e 'l tempo, e l'anno (4) sonetto
p. 211 [388] L'ardente foco; che nel primo assalto (5) sonetto
p. 212 [389] L'alte virtù di sì beato lume (6) sonetto
p. 212 [390] I più begli occhi, ond'è men bello il Sole (7) sonetto
p. 213 [391] Quante gratie Natura, e 'l ciel destina (8) sonetto
p. 213 [392] O sonno, de' mortai mirabil freno (9) sonetto
p. 214 [393] Io havea gli occhi desiosi e' intenti (10) sonetto
p. 214 [394] Due possenti nimici (o crudel guerra) (11) sonetto
p. 215 [395] Di qual parte del ciel, di quale stella (12) sonetto
p. 215 [396] O gelosia d'ogni mio mal presaga (13) sonetto
p. 216 [397] O gelosia; che i miei diletti hai spenti (14) sonetto
p. 216 [398] Donne mie care; che si liete, e snelle (15) sonetto
p. 217 [399] Se 'l vostro altero et honorato nome (16) sonetto
p. 217 [400] Lasso, ch'io moro; e lagrimando spesso (17) sonetto
p. 218 [401] Quel pianeta; che gli anni mena intorno (18) sonetto
p. 218 [402] Qual tempestosa et importuna pioggia (19) sonetto
p. 219 [403] Quella si pura, e candida colomba (20) sonetto
p. 219 [404] Stella del mar, lucente unica stella (21) sonetto
p. 220 [405] Real, sacro, felice, e ricco monte (22) sonetto
p. 220 [406] Da' più bei lumi, che si vider mai (23) sonetto
p. 221 [407] Chiaro, dolce, tranquillo, almo mio mare (24) sonetto
p. 221 [408] Di qual purpureo foco, e di qual pura (25) sonetto
p. 222 [409] L'alto miracol, novo, e nobil monstro (26) sonetto
p. 222 [410] Già fiammeggiava in Oriente Apollo (27) sonetto
p. 223 [411] Son canti, o incanti que' beati accenti? (28) sonetto
p. 223 [412] Chi vuol veder le rare e pellegrine (29) sonetto
p. 224 [413] Eran le Gratie tre care sorelle (30) sonetto
Di messer Bernardo Tasso
p. 225 [414] Apriche piagge, ombrosi colli ameni (1) sonetto
p. 226 [415] Tor ben potrete Donna il rezo, e l'ora (2) sonetto
p. 226 [416] Io son si avezzo a riprovar quell'ire (3) sonetto
p. 227 [417] Non per lo corso di quest'anni avari (4) sonetto
p. 227 [418] Poi che gli amari, e rapidi torrenti (5) sonetto
p. 228 [419] Menar in parte il mio desir vorrei (6) sonetto
p. 228 [420] Oscuri, ombrosi, e solitari horrori (7) sonetto
p. 229 [421] Gentile, almo terreno, che 'l manco lato (8) sonetto
p. 229 [422] Dunque se sempre il cor m'arde et agghiaccia (9) sonetto
p. 230 [423] Già vien l'età, che virtù veste, e honore (10) sonetto
p. 230 [424] Qual corona Signor, superba Roma (11) sonetto
p. 231 [425] Sì dolce è 'l foco mio, la fiamma bella (12) sonetto
p. 231 [426] Torniamo a rivedere il nostro Sole (13) sonetto
p. 232 [427] Fondulo, se d'Amor l'alta radice (14) sonetto
p. 232 [428] Spirto, che carco di virtù e d'honore (15) sonetto
p. 233 [429] Deh sorgi Apollo, e di quest'ombre spoglia (16) sonetto
p. 233 [430] Come fido animal, ch'al suo Signore (17) sonetto
p. 234 [431] Se per Mnenone tuo ti rode il core (18) sonetto
p. 234 [432] Perche la neve, e 'l puro avorio, e netto (19) sonetto
p. 235 [433] Se da l'orgoglio del gelato vento (20) sonetto
p. 235 [434] Non spiegò treccia d'or più vaga al Sole (21) sonetto
p. 236 [435] Se da lupo rabbioso, o da rapace (22) sonetto
p. 236 [436] Hora, che gli animali il sonno affrena (23) sonetto
p. 237 [437] Queste purpuree rose, ch'à l'Aurora (24) sonetto
p. 237 [438] Quest'antro oscuro, ove sovente sole (25) sonetto
p. 238 [439] Vago arbuscel, ne le cui liete frondi (26) sonetto
p. 238 [440] Poi che l'occhio non puo, come il pensiero (27) sonetto
p. 239 [441] L'ardente Sol del vostro alto valore (28) sonetto
p. 239 [442] Poscia, che sol col nome vostro havete (29) sonetto
p. 240 [443] Poi, che la parte men perfetta, e bella (30) sonetto
p. 240 [444] Questa faretra co gli aurati strali (31) sonetto
p. 241 [445] Ecco, ch'al nome vostro alto e pregiato (32) sonetto
p. 241 [446] Ecco di vaghi fior cinta la fronte (33) sonetto
p. 242 [447] Superbo scoglio, che con l'ampia fronte (34) sonetto
p. 242 [448] Perche spiri con voglie empie et acerbe (35) sonetto
p. 243 [449] Già s'avicina con la vaga fronte (36) sonetto
p. 243 [450] Col fragil legno del desire audace (37) sonetto
p. 244 [451] Alma gentil, dal cui bel raggio ardente (38) sonetto
p. 244 [452] Ninfe, ch'al suon de la Sampogna mia (39) sonetto
p. 245 [453] Deh non sprezzar di questo sacro monte (40) sonetto
p. 245 [454] Piangon le Muse, e voi Vittoria sete (41) sonetto
p. 246 [455] Superbo colle, che col manco corno (42) sonetto
p. 246 [456] Se col vostro favor, sotto sereno (43) sonetto
p. 247 [457] Lieto terren, ne le cui vaghe sponde (44) sonetto
p. 247 [458] Se, come o Dio del sonno, allhor che amore (45) sonetto
p. 248 [459] Mentre che l'aureo crin v'ondeggia intorno (46) sonetto
p. 248 [460] Lucente Sol, che co' be' raggi ardenti (47) sonetto
p. 249 [461] Gia incomincia a turbarsi il bel sereno (48) sonetto
p. 249 [462] Benche chiudiate al mio desire il petto (49) sonetto
p. 250 [463] Ben puo il tiranno mio fido desire (50) sonetto
p. 250 [464] Anima pura di virtute ardente (51) sonetto
p. 251 [465] Nè perche fiumi tepidi e correnti (52) sonetto
p. 251 [466] I credeva di gelo armato il core (53) sonetto
p. 252 [467] Quando talhor con la memoria torno (54) sonetto
p. 252 [468] Col crine sparso, ch'ondeggiando intorno (55) sonetto
p. 253 [469] Di divino splendor cinto, et adorno (56) sonetto
p. 253 [470] Gia di verde speranza si riveste (57) sonetto
p. 254 [471] Sovra un puro ruscel, che dolcemente (58) sonetto
p. 254 [472] In queste rupi incolte; in questi sassi (59) sonetto
p. 255 [473] Se ben famoso Po, con l'onde chiare (60) sonetto
p. 255 [474] Se quel dolce pensier, ch'adhora adhora (61) sonetto
p. 256 [475] Serchio gentil, che con le pure e chiare (62) sonetto
p. 256 [476] Fra 'l cerchio d'or di mille gemme adorno (63) sonetto
p. 257 [477] Perche 'l cor di pensier freddi e gelati (64) sonetto
p. 257 [478] Sovra le rive gloriose e sole (65) sonetto
p. 258 [479] Versi con l'urna d'or più de l'usato (66) sonetto
p. 258 [480] Qui, dove il vago Rhen piangendo porta (67) sonetto
p. 259 [481] Se la memoria del passato bene (68) sonetto
p. 259 [482] Quanta invidia ti porto o bel terreno (69) sonetto
p. 260 [483] Non è fra queste selve arbor, nè fronda (70) sonetto
p. 260 [484] Sgombrerà Signor mio quel raggio ardente (71) sonetto
p. 261 [485] Pallida gelosia, ch'a poco a poco (72) sonetto
p. 261 [486] Deh perche tosto a questo Cielo havete (73) sonetto
p. 262 [487] Cadea dagli occhi belli oltra misura (74) sonetto
p. 262 [488] Già con le chiavi d'or le porte apria (75) sonetto
p. 263 [489] Ben potrete con l'ombre, e co i colori (76) sonetto
p. 263 [490] Spiravano le faci aurate e bionde (77) sonetto
p. 264 [491] O di patria, e di nome a lui, che 'l morso (78) sonetto
p. 264 [492] Alza Tebro dolente un Mausoleo (79) sonetto
p. 265 [493] Quest'ombra, che giamai non vide il Sole (80) sonetto
p. 265 [494] Vivace Augel, che ne l'Arabia nasci (81) sonetto
p. 266 [495] O di nome, d'ingegno, e di natura (82) sonetto
p. 266 [496] O miracol del mondo unico e raro (83) sonetto
p. 267 [497] O specchio fin non di cristallo frale (84) sonetto
p. 267 [498] Esce da' bei vostr'occhi adhora adhora (85) sonetto
p. 268 [499] Alzate gli occhi a tanta meraviglia (86) sonetto
p. 268 [500] Loda mortal a voi non si conviene (87) sonetto
p. 269 [501] Vaga Fenice che con l'ali d'oro (88) sonetto
p. 269 [502] Questa, che cosi humile, e cosi pura (89) sonetto
p. 270 [503] O foco inestinguibile, e vivace (90) sonetto
p. 270 [504] O donna, che si lieta, e si secura (91) sonetto
p. 271 [505] Donna, che ricca d'ogni honor mortale (92) sonetto
p. 271 [506] O puro, o dolce, o fiumicel d'Argento (93) sonetto
p. 272 [507] Ben ha ragion se si lamenta e dole (94) sonetto
p. 272 [508] Lungo l'altiere et honorate sponde (95) sonetto
p. 273 [509] Volgete gli occhi a tanta meraviglia (96) sonetto
p. 273 [510] Esce da' be' vostr'occhi un lume ardente (97) sonetto
p. 274 [511] Ben potrà un nuovo Fidia, un nuovo Apelle (98) sonetto
p. 274 [512] Viva face d'honor, da i casti uscia (99) sonetto
p. 275 [513] Quel che sudò già sotto l'arme, et alse (100) sonetto
p. 275 [514] Già intorno al marmo, che 'l gran Carlo asconde (101) sonetto
p. 276 [515] Mille lumi d'honor lucidi, e chiari (102) sonetto
p. 276 [516] Mentre si corca il Sol ne l'occidente (103) sonetto
p. 277 [517] Scoglio non è da le sals'onde algenti (104) sonetto
p. 277 [518] Ecco scesa dal ciel lieta e gioconda (105) sonetto
p. 278 [519] Chi col soave suon l'ira, e l'orgoglio (106) sonetto
p. 278 [520] Anima bella, che cosi spedita (107) sonetto
p. 279 [521] O del mio core un tempo egro, conforto (108) sonetto
p. 279 [522] Oime, quegli occhi belli, onde pioveva (109) sonetto
p. 280 [523] O bella, o saggia, o casta, o d'ogni honore (110) sonetto
p. 280 [524] Deh perche di seguirti a me non lice (111) sonetto
p. 281 [525] Io vo cercando di dar triegua, o pace (112) sonetto
p. 281 [526] Vo ricercando in ogni parte, ov'io (113) sonetto
p. 282 [527] Dove son quelle chiome aurate, e bionde (114) sonetto
p. 282 [528] Deh perche rinovelli ad hora ad hora (115) sonetto
p. 283 [529] O presto al dipartir, tardo al ritorno (116) sonetto
p. 283 [530] Io volgo gli occhi del pensiero al cielo (117) sonetto
p. 284 [531] Io pur vorrei por freno a quei sospiri (118) sonetto
p. 284 [532] Deh perche contra l'empia, invida morte (119) sonetto
p. 285 [533] Che giova, mentre il Sol le piagge accende (120) sonetto
Di messer Benedetto Varchi
p. 286 [534] Quel, ch'Amor mi dettò casto e sincero (1) sonetto
p. 287 [535] Come nè piu bel mai, nè più gentile (2) sonetto
p. 287 [536] In qual selva posso io? sopra qual monte? (3) sonetto
p. 288 [537] S'alcuno hebbe giamai sotto le stelle (4) sonetto
p. 288 [538] O sacra, o santa, o gloriosa Fronde (5) sonetto
p. 289 [539] Sante, beate, altere Frondi, ù tese (6) sonetto
p. 289 [540] O sovra ogn'altra al ciel gradita Fronde (7) sonetto
p. 290 [541] Cara Pianta gentil, nelle cui fronde (8) sonetto
p. 290 [542] Ben si volgea per me felice stella (9) sonetto
p. 291 [543] Quella casta, honorata, e sacra Pianta (10) sonetto
p. 291 [544] Sotto 'l più verde, e piu fiorito alloro (11) sonetto
p. 292 [545] Quanto ha di grave il viver nostro amaro (12) sonetto
p. 292 [546] Superbo monte, ove a tanta bellezza (13) sonetto
p. 293 [547] Qui fu 'l principio de' miei dolci pianti (14) sonetto
p. 293 [548] Qui vid'io pur quell'alme Frondi, c'hora (15) sonetto
p. 294 [549] Tra questi vaghi fior, sovra este molli (16) sonetto
p. 294 [550] Fiesole mio, se nella tua spelonca (17) sonetto
p. 295 [551] Cecero mio, ben puoi tu dire omai (18) sonetto
p. 295 [552] Sacro Mugnon, che giù per queste valli (19) sonetto
p. 296 [553] Deh nasci occhio del ciel notturno, nasci (20) sonetto
p. 296 [554] Ninfe, che questi ameni, aprici colli (21) sonetto
p. 297 [555] L'aer non è per questi colli chiaro (22) sonetto
p. 297 [556] Ventiquattro anni havea rivolto a pena (23) sonetto
p. 298 [557] Quella Pianta, che già diece anni, et otto (24) sonetto
p. 298 [558] Dal dì, che prima in te superbo, e altero (25) sonetto
p. 299 [559] Sempre, ch'io membro il dolce loco, e 'l tempo (26) sonetto
p. 299 [560] Sopra alto monte in mezzo a verde cima (27) sonetto
p. 300 [561] A i fieri colpi di Fortuna, a i crudi (28) sonetto
p. 300 [562] Liquide perle in si nuova miniera (29) sonetto
p. 301 [563] Qual tempestoso mar di notte il verno (30) sonetto
p. 301 [564] Io, che da grave, e 'ndegno giogo havea (31) sonetto
p. 302 [565] Ben mi credea poter gran tempo armato (32) sonetto
p. 302 [566] Se 'l mio cor, che fin qui libero e sciolto (33) sonetto
p. 303 [567] Come talhor chi follemente i rai (34) sonetto
p. 303 [568] Questo è ben di Madonna il crine aurato (35) sonetto
p. 304 [569] Quando doveva, oime, l'arco, e la face (36) sonetto
p. 304 [570] Donna bella, e crudel, nè so gia quale (37) sonetto
p. 305 [571] Come dall'Ocean tutti escon fuore (38) sonetto
p. 305 [572] Donna c'hor di sudor piena, e di polve (39) sonetto
p. 306 [573] Placidissimo Dio, ch'alle diurne (40) sonetto
p. 306 [574] Rider hor lieta la terra, e i fiori a prova (41) sonetto
p. 307 [575] Adice, e Po, che 'l fral di me portate (42) sonetto
p. 307 [576] Se di buon seme Amor frutto si rio (43) sonetto
p. 208 (sc. 308) [577] A piè dell'Alpi, in su la destra riva (44) sonetto
p. 208 (sc. 308) [578] La 've più largamente empie ogni seno (45) sonetto
p. 309 [579] Sacri, superbi, aventurosi, e cari (46) sonetto
p. 309 [580] Padre del ciel, se pentita alma humile (47) sonetto
p. 310 [581] Benigno Re dell'universo, s'io (48) sonetto
p. 310 [582] Febo, s'io son pur quel, che tant'honoro (49) sonetto
p. 311 [583] Mentre, che di mia vita hor fido, hor dubbio (50) sonetto
p. 311 [584] Com'esser deve, o può, ch'io rida, o canti (51) sonetto
p. 312 [585] Mentre, ch'io verso al ciel divoto e humile (52) sonetto
p. 312 [586] Hor dura pioggia a mezzo Aprile, hor folta (53) sonetto
p. 313 [587] Altra ghirlanda assai più cara, e bella (54) sonetto
p. 313 [588] Io hebbi, et haggio, e sempre havrò per fermo (55) sonetto
p. 314 [589] CARO, mentre ch'a voi lungo il bel Thebro (56) sonetto
p. 314 [590] COSIMO, che del vostro altero e chiaro (57) sonetto
p. 315 [591] Voi, che lontan dal volgo avaro, e fuori (58) sonetto
p. 315 [592] Signor se a l'alta nobiltate, e 'ngegno (59) sonetto
p. 316 [593] MUTIO, che ne l'età più dotta e grave (60) sonetto
p. 316 [594] BEMBO, che dal gradito, e amato vostro (61) sonetto
p. 317 [595] BEMBO, del cui valor ch'ogn'altro eccede (62) sonetto
p. 317 [596] Non sa LELIO la gente oscura e bassa (63) sonetto
p. 318 [597] LELIO io non so veder perche, nè come (64) sonetto
p. 318 [598] LELIO qualunque Fato, o Parca innaspe (65) sonetto
p. 319 [599] LELIO, alto core, e peregrino ingegno (66) sonetto
p. 319 [600] LUCIO quel verde tronco, in cui s'annida (67) sonetto
p. 320 [601] Comincia almo fanciul, comincia homai (68) sonetto
p. 320 [602] L'antiche glorie e quel chiaro, immortale (69) sonetto
p. 321 [603] Hor che l'alto valor, che da' vostri avi (70) sonetto
p. 321 [604] Nè loco alcun fia mai, nè verrà tempo (71) sonetto
p. 322 [605] Come posso io non arder sempre, e tutto (72) sonetto
p. 322 [606] La piu verde, più sacra, e felice ombra (73) sonetto
p. 323 [607] Signor, cui gran fortuna, e gran virtute (74) sonetto
p. 323 [608] Qual fu cor tanto mai debile, e 'nfermo? (75) sonetto
p. 324 [609] Anima cara a Dio, ch'altro Parnaso (76) sonetto
p. 324 [610] Tosto che sovra i molli homeri suoi (77) sonetto
p. 325 [611] Donna, che quanto havea d'alto valore (78) sonetto
p. 325 [612] Taglia novo marito omai le faci (79) sonetto
p. 326 [613] Vienne santo Himeneo, vienne, e la face (80) sonetto
p. 326 [614] GIULIO, che 'n quella età, che gl'altri a pena (81) sonetto
p. 327 [615] GIULIO, chi cerca fama, e restar vuole (82) sonetto
p. 327 [616] Pria, che la fronte Signor mio v'increspe (83) sonetto
p. 328 [617] Quando io miro il bel viso, e ascolto il saggio (84) sonetto
p. 328 [618] Se da queste onde, ch'à solcare havete (85) sonetto
p. 329 [619] Quando il Sol vien dal mare Indico fuori (86) sonetto
p. 329 [620] Sì m'è l'attender piu noioso, e lungo (87) sonetto
p. 330 [621] Ond'è (dicea Carin) che 'n tua presenza (88) sonetto
p. 330 [622] Questo candido fior di verde arancio (89) sonetto
p. 331 [623] Nape non mio voler, ne mio consiglio (90) sonetto
p. 331 [624] Ben' hebbi al nascer mio contraria quella (91) sonetto
p. 332 [625] Donna, che sete veramente donna (92) sonetto
p. 332 [626] Come tutti i piu vaghi, e bei colori (93) sonetto
p. 333 [627] VALERIO mio, il tempo è si veloce (94) sonetto
p. 333 [628] Ben sete e poco, e male accorto, poi (95) sonetto
p. 334 [629] LEON, s'al vostro Hispano, Anglico Rege (96) sonetto
p. 334 [630] Poscia, che lunga e non dubbiosa prova (97) sonetto
p. 335 [631] Come l'alta ARAGONIA, che si parte (98) sonetto
p. 335 [632] Ben denno a voi Signor non pur gl'Insubri (99) sonetto
p. 336 [633] Da voi felice, e senza alcuno affanno (100) sonetto
Di messer Lodovico Domenichi
p. 337 [634] Qual maraviglia fu, s'al vostro aspetto (1) sonetto
p. 338 [635] S'altra fiamma il cor strugge et diletta (2) sonetto
p. 338 [636] Dure leggi amorose, aspra mia sorte (3) sonetto
p. 339 [637] Cuopri se sai con tenebre, et horrori (4) sonetto
p. 339 [638] Qualhor' io penso a le bellezze altiere (5) sonetto
p. 340 [639] Lasso me di che più doler mi deggio (6) sonetto
p. 340 [640] Fermato m'era a salutar l'Aurora (7) sonetto
p. 341 [641] Hor che 'l bel raggio del mio chiaro Sole (8) sonetto
p. 341 [642] Non uscì fuor di grembo a Theti unquanco (9) sonetto
p. 342 [643] Mentre il mio Sol co' bei sereni raggi (10) sonetto
p. 342 [644] O vago fiumicel, che 'n queste piagge (11) sonetto
p. 343 [645] Se talhor del mio duol pietà ti strinse (12) sonetto
p. 343 [646] Perche turbi il mio bene, invida Aurora (13) sonetto
p. 344 [647] Il primo dì, che da' vostr'occhi venne (14) sonetto
p. 344 [648] Non sia chi biasmi il mio gentil desio (15) sonetto
p. 345 [649] D'una parte il mio Sol col vivo raggio (16) sonetto
p. 345 [650] A che vuoi far col venenoso dente (17) sonetto
p. 346 [651] Di verdi giunchi, et di novelli fiori (18) sonetto
p. 346 [652] Fiume, che de le mie lagrime cresci (19) sonetto
p. 347 [653] Io, che pur dianzi et lagrime et sospiri (20) sonetto
p. 347 [654] Fatto hai crudel l'estremo di tua possa (21) sonetto
p. 348 [655] Già muove a liberarti, o miser l'alma (22) sonetto
p. 348 [656] Fu lo splendor de' vostri lumi ardenti (23) sonetto
p. 349 [657] Donna, quando a morir son più vicino (24) sonetto
p. 349 [658] Candido, fresco, et delicato fiore (25) sonetto
p. 350 [659] S'Amor sciogliesse a la mia lingua il nodo (26) sonetto
p. 350 [660] O fredda neve, ch'al mio ardente foco (27) sonetto
p. 351 [661] Anima ornata di divin splendore (28) sonetto
p. 351 [662] Mentre di Cinthia il rugiadoso raggio (29) sonetto
p. 352 [663] Se da quel, che nel cor porto rinchiuso (30) sonetto
p. 352 [664] Aventurosa notte, et desiata (31) sonetto
p. 353 [665] Prima si pasceran ne l'aria i cervi (32) sonetto
p. 353 [666] L'anima mia, che i bei vostri occhi segue (33) sonetto
p. 354 [667] Mentre di novo strale Amor v'impiaga (34) sonetto
p. 354 [668] Deh perche inanzi tempo a me contendi (35) sonetto
p. 355 [669] O di furor come di ferro armati (36) sonetto
p. 355 [670] Amor, se 'l mio pensier giamai si dolse (37) sonetto
p. 356 [671] Italia mia; se di valore antico (38) sonetto
p. 356 [672] Donna in amarvi, et riverirvi ogn'hora (39) sonetto
p. 357 [673] Il vago fior, che 'l mio cortese affetto (40) sonetto
p. 357 [674] Qual sia l'alta cagion del mio languire (41) sonetto
p. 358 [675] Ritieni, o Febo invidioso, i raggi (42) sonetto
p. 358 [676] Povero armento mio, l'usato fonte (43) sonetto
p. 359 [677] Non mi debbo doler, che 'l mio bel Sole (44) sonetto
p. 359 [678] Solca il tranquillo mar spalmata nave (45) sonetto
p. 360 [679] Più vaga Pastorella herba non presse (46) sonetto
p. 360 [680] Mentre de le tue chiare et lucid'onde (47) sonetto
p. 361 [681] Le lagrime e i sospiri hanno pur tregua (48) sonetto
p. 361 [682] Ne l'hora, che le piagge irato fiede (49) sonetto
p. 362 [683] Da quei begli occhi, ove trovai raccolto (50) sonetto
p. 362 [684] Tosto ch'io fui dal tuo spietato laccio (51) sonetto
p. 363 [685] Dopo mille tormenti un piacer solo (52) sonetto
p. 363 [686] L'orgoglio vostro, et la durezza mia (53) sonetto
p. 364 [687] Se la mia penna a riverirvi avezza (54) sonetto
p. 364 [688] Io son rimaso qui senza voi solo (55) sonetto
p. 365 [689] Piovon si spesso in me folgori ardenti (56) sonetto
p. 365 [690] Misero me, ch'io non ritrovo scampo (57) sonetto
p. 366 [691] Donna honorata, è in dubbio ogni intelletto (58) sonetto
p. 366 [692] Pensando al poco dolce, al molto amaro (59) sonetto
p. 367 [693] In questa aspra prigion noiosa et ria (60) sonetto
p. 367 [694] O Invidia nemica a' miei diletti (61) sonetto
p. 368 [695] Quanto di gioia diede a la mia vita (62) sonetto
p. 368 [696] Ecco dopo il calor del giorno estivo (63) sonetto
p. 369 [697] Riedi veloce homai nel grembo a Theti (64) sonetto
p. 369 [698] Quella beltà, che 'n mille nodi avinse (65) sonetto
p. 370 [699] Lo spirito mio; che 'n questa frale scorza (66) sonetto
p. 370 [700] Mentre il mio Sol a se mi chiama, et scaccia (67) sonetto
p. 371 [701] Nobile sdegno, che nel cor m'entrasti (68) sonetto
p. 371 [702] Febo, mentre al mio Sole i raggi tuoi (69) sonetto
p. 372 [703] Vago terren, che 'l picciol Rheno inonda (70) sonetto
p. 372 [704] Alma, che per vestir terreno manto (71) sonetto
p. 373 [705] Sprona più de l'usato i tuoi corsieri (72) sonetto
p. 373 [706] Dolci, leggiadre, et amorose spoglie (73) sonetto
p. 374 [707] Chi vede in mezzo a ben pungenti spine (74) sonetto
p. 374 [708] Se di nobil desio punto si trova (75) sonetto
Del Mutio Iustinopolitano
p. 375 [709] Ne la stagion, che 'l giovanile affetto (1) sonetto
p. 376 [710] Donna bella et gentile, in cui si vede (2) sonetto
p. 376 [711] Le chiome d'or, che sparse a la dolce ora (3) sonetto
p. 377 [712] Anima mia dal dì, che 'n questa morte (4) sonetto
p. 377 [713] Occhi a la nostra etate altera lampa (5) sonetto
p. 378 [714] Hor, che la notte ogni color nasconde (6) sonetto
p. 378 [715] Hor che l'ombra dal ciel l'Aurora scote (7) sonetto
p. 379 [716] L'orribil vista di questi aspri monti (8) sonetto
p. 379 [717] Aura, che movi le veloci penne (9) sonetto
p. 380 [718] Qual maraviglia Amor se l'alma mia (10) sonetto
p. 380 [719] Santo fanciul, ch'impressa ne la mente (11) sonetto
p. 381 [720] O santissima madre de gli amori (12) sonetto
p. 381 [721] Quando 'l lume, che regge 'l quarto cielo (13) sonetto
p. 382 [722] Quella, che mentre dentro al cor mi luce (14) sonetto
p. 382 [723] Com'esser può, che ne la vostra mente (15) sonetto
p. 383 [724] Se bene Amor mi strugge, et mi tormenta (16) sonetto
p. 383 [725] Il valor vostro Donna il cor m'incende (17) sonetto
p. 384 [726] Spirto gentil', in cui sì chiaramente (18) sonetto
p. 384 [727] Amor s'egli avvien mai, che l'alma mia (19) sonetto
p. 385 [728] Donna, l'onor de i cui be' raggi ardenti (20) sonetto
p. 385 [729] Or di là se ne vien questa dolce ora (21) sonetto
p. 386 [730] Lasso, ond'avvien, che qui non fa ritorno (22) sonetto
p. 386 [731] Mentre le fiamme più che 'l Sol lucenti (23) sonetto
p. 387 [732] Occhi vaghi, amorosi, ove risplende (24) sonetto
p. 387 [733] Quando (com'Amor vuol) la Donna mia (25) sonetto
p. 388 [734] In su le rive del superbo fiume (26) sonetto
p. 388 [735] La sembianza di Dio, che 'n noi risplende (27) sonetto
p. 389 [736] Fiamma, che chiaramente il mio cor' ardi (28) sonetto
p. 389 [737] Sogni chi vuol di riportar corona (29) sonetto
p. 390 [738] Donna, più volte m'ha già detto Amore (30) sonetto
p. 390 [739] Se ben gli occhi, et l'orecchie alcuna volta (31) sonetto
p. 391 [740] Giacea sepolto in sonno il mio mortale (32) sonetto
p. 391 [741] Quest'è 'l bel nido, Amore, ov'ella nacque (33) sonetto
p. 392 [742] Queste nubi, quest'acque, e questi venti (34) sonetto
p. 392 [743] Queste lagrime mie, questi sospiri (35) sonetto
p. 393 [744] Qual si scorgon talhor contrari venti (36) sonetto
p. 393 [745] Quest'aria, che fu già così serena (37) sonetto
p. 394 [746] S'intorno al bel Tesin, l'aria serena (38) sonetto
p. 395 [747] O se cosi a le piante, come al core (39) sonetto
p. 395 [748] Qual è a veder per l'odorate sponde (40) sonetto
p. 396 [749] Se 'l barbaresco indomito furore (41) sonetto
p. 396 [750] L'eterno Augel, che già per l'Oriente (42) sonetto
Di messer Luca Contile
p. 397 [751] Qual termine à le cose universale (1) sonetto
p. 398 [752] Quai vaghi fior, verdi herbe, amene fronde (2) sonetto
p. 398 [753] Quando ver voi, mar di bellezza immenso (3) sonetto
p. 399 [754] Vivo in suprema gioia pur ch'io porga (4) sonetto
p. 399 [755] Contrasta spesso la terrestre vista (5) sonetto
p. 400 [756] Come il Sol del suo Dio vivo occhio ardente (6) sonetto
p. 400 [757] De' vostri almi occhi la ridente luce (7) sonetto
p. 401 [758] A' vostri rai si la mia vista offersi (8) sonetto
p. 401 [759] Quell'altezza di cor che 'n fronte havete (9) sonetto
p. 402 [760] Sfere celesti, à le bellezze rare (10) sonetto
p. 402 [761] O de l'humana vita alti intelletti (11) sonetto
p. 403 [762] Come fuor de' salati alti liquori (12) sonetto
p. 403 [763] Non posso raffrenar la lingua ardita (13) sonetto
p. 404 [764] Quante alte gratie da' begli occhi honesti (14) sonetto
p. 404 [765] Scerno mille bellezze, e mille beni (15) sonetto
p. 405 [766] Quando move là su la man di Dio (16) sonetto
p. 405 [767] L'infinita bontà, l'eterna luce (17) sonetto
p. 406 [768] Quanto sia degna l'alma di costei (18) sonetto
p. 406 [769] Veggio queste bellezze a mille a mille (19) sonetto
p. 407 [770] Amor se vincer brami altro che sensi (20) sonetto
p. 407 [771] La sensibil beltà, che dentro chiude (21) sonetto
p. 408 [772] Pensier, ch'ovunque vai, teco ne mai (22) sonetto
p. 408 [773] Fra le Malee scogliose occulte cave (23) sonetto
p. 409 [774] Gite lieti pensieri al vostro Sole (24) sonetto
p. 409 [775] Quando nel ciel del terren nostro Marte (25) sonetto
p. 410 [776] Benaco, hor alza di letitia l'onde (26) sonetto
p. 410 [777] La stanca vista mia poi che non vede (27) sonetto
p. 411 [778] Temprando vò col pianto il foco ardente (28) sonetto
p. 411 [779] L'altr'hier chiamommi entro un bel prato Amore (29) sonetto
p. 412 [780] Italia mia, se gire altera vuoi (30) sonetto
p. 412 [781] O vivo Sol de' più famosi ingegni (31) sonetto
p. 413 [782] Venga la tua pietate (almo Signore) (32) sonetto
p. 413 [783] Napoli piangi, e teco ancor si doglia (33) sonetto
p. 414 [784] Spenta è quasi d'honor ogni tua speme (34) sonetto
p. 414 [785] Rimasa è senza il suo fido nocchiero (35) sonetto
p. 415 [786] Non tanto pianto donna e tante strida (36) sonetto
p. 415 [787] Donna di gratia e di virtù stupenda (37) sonetto
p. 416 [788] L'imagin bella (SPINOLA cortese) (38) sonetto
p. 416 [789] Se in cosi verde età bellezza è tale (39) sonetto
p. 417 [790] Mentre placa il furor Venere e Marte (40) sonetto
p. 417 [791] Ibero, Tebro, Reno, Istro più volte (41) sonetto
p. 418 [792] Conzina, chi di voi l'aspetto mira (42) sonetto
p. 418 [793] Spinola d'Albi a le famose sponde (43) sonetto
p. 419 [794] Se fossi più vicino a la spelonca (44) sonetto
p. 419 [795] Signor quel fiero e fulminato sdegno (45) sonetto
p. 420 [796] Stelle, ch'al moto de la vostra sfera (46) sonetto
p. 420 [797] Nati di secca pianta i due bei fiori (47) sonetto
p. 421 [798] Sì nobil vista, e si gradito ingegno (48) sonetto
p. 421 [799] Diva vergine Irene, unica Irene (49) sonetto
p. 432 (sc. 422) [800] Morte mortal non t'ha già morto, come (50) sonetto
p. 432 (sc. 422) [801] Sacra Augell'immortale, la cui morte (51) sonetto
Di messer Giovambattista Giraldi
p. 433 (sc. 423) [802] Il verdeggiar di queste nove fronde (1) sonetto
p. 424 [803] Il tempestoso pelago d'Amore (2) sonetto
p. 424 [804] O fastiditi già del pianger mio (3) sonetto
p. 425 [805] Dolci, amorose parolette accorte (4) sonetto
p. 425 [806] Stratiami pur Amor, come ti piace (5) sonetto
p. 426 [807] I non penso giamai, che 'l duol, che m'ange (6) sonetto
p. 426 [808] La mia dolce nemica e pianto, e festa (7) sonetto
p. 427 [809] O man bianca via piu ch'avorio, e neve (8) sonetto
p. 427 [810] O bella mano, appo cui perde quanto (9) sonetto
p. 428 [811] Gran desir mi trasporta, ardir mi mena (10) sonetto
p. 428 [812] Io son da la nimica mia si oppresso (11) sonetto
p. 429 [813] Altiero fiume, che rigando vai (12) sonetto
p. 429 [814] Zefiro spira, e la lasciva Flora (13) sonetto
p. 430 [815] Come talhor, perche tra oscure e nere (14) sonetto
p. 430 [816] Ciechi desir, vani e fallaci voglie (15) sonetto
p. 431 [817] Felici rive, et voi ombre secrete (16) sonetto
p. 431 [818] Verdi, fiorite, aventurose rive (17) sonetto
p. 432 [819] Crespe, dorate chiome, onde mi prese (18) sonetto
p. 432 [820] Felice fiume, che 'l felice loco (19) sonetto
p. 433 [821] D'invidia pieno, e di dolore il Sole (20) sonetto
p. 433 [822] Se 'n divina beltà fu mai pietate (21) sonetto
p. 434 [823] Se dopo lunga, e torbida tempesta (22) sonetto
p. 434 [824] Aure felici, che nel lieto seno (23) sonetto
p. 435 [825] Alma, che 'n terra amai, hor nel Ciel colo (24) sonetto
p. 435 [826] Sento destare in me le fiamme antiche (25) sonetto
p. 436 [827] Ben rendo gratie a le due luci ardenti (26) sonetto
p. 436 [828] Dolce mio caro, e ben fido sostegno (27) sonetto
p. 437 [829] O ben nati, felici e cari fiori (28) sonetto
p. 437 [830] Alma cortese, avolta in fragil velo (29) sonetto
p. 438 [831] Anima, poi che tanto ardisci, e speri (30) sonetto
p. 438 [832] Quando mi giunse al cor l'alto concetto (31) sonetto
p. 439 [833] Che ti giova spiegar altera i vanni (32) sonetto
p. 439 [834] Gratie ch'a pochi il ciel largo dar sole (33) sonetto
p. 440 [835] Gioia al mondo non è si intiera, e salda (34) sonetto
p. 440 [836] L'alta beltà, che 'n voi donna riluce (35) sonetto
p. 441 [837] Io vidi il dì ch'Amor m'aperse gl'occhi (36) sonetto
p. 441 [838] Ò di doppia virtute ardente lume (37) sonetto
p. 442 [839] L'alto miracol, che la nostra etade (38) sonetto
p. 442 [840] Poi, che spiegando al Ciel gli alteri vanni (39) sonetto
p. 443 [841] L'almo splendor de la vostr'alma luce (40) sonetto
p. 443 [842] Esca da l'onde tue più chiaro il Sole (41) sonetto
p. 444 [843] Non fur tante bellezze insieme unquanco (42) sonetto
p. 444 [844] Mentre, che per solingo alto sentiero (43) sonetto
p. 445 [845] Quando talhora i miro e gli occhi, e 'l viso (44) sonetto
p. 445 [846] Nè mai l'Aurora a l'apparir del SOLE (45) sonetto
p. 446 [847] Vive faci d'Amor, occhi lucenti (46) sonetto
p. 446 [848] Si dolce è 'l foco, e si soave il nodo (47) sonetto
p. 447 [849] Luci, onde già così chiaro baleno (48) sonetto
p. 447 [850] Si tosto come aviene, o mio bel SOLE (49) sonetto
p. 448 [851] Quando desta talhor dal dolce sguardo (50) sonetto
p. 448 [852] Pensier, che voli, con altiere penne (51) sonetto
p. 449 [853] Qual loda acquisti, e qual mercede aspetti (52) sonetto
p. 449 [854] Donna, cui pensier basso unqua non tolse (53) sonetto
p. 450 [855] La luce de la fiamma, che m'incende (54) sonetto
p. 450 [856] Potete ben Signor celarmi il volto (55) sonetto
p. 451 [857] Per infiammare il petto, c'honestate (56) sonetto
p. 451 [858] FLAMINIO, ovunque sono a mirar volto (57) sonetto
p. 452 [859] A l'apparir del bel sembiante altero (58) sonetto
p. 452 [860] Mi risuonano ancora ne la mente (59) sonetto
Di messer Luigi Alamanni
p. 453 [861] L'aver l'occaso a la sua destra riva (1) sonetto
p. 454 [862] Padre Ocean, che dal gelato arturo (2) sonetto
p. 454 [863] Quanta invidia ti porto amica Sena (3) sonetto
p. 455 [864] Durenza, tu per questa aprica valle (4) sonetto
p. 455 [865] Poscia che 'l mio bello Arno udir non pote (5) sonetto
p. 456 [866] Piu veloce animal non pasce l'herba (6) sonetto
p. 456 [867] Valle chiusa, alti colli, et piagge apriche (7) sonetto
p. 457 [868] Se 'n chiara nobiltà chiaro intelletto (8) sonetto
p. 457 [869] Verde prato amoroso, herbe felici (9) sonetto
p. 458 [870] Famoso mar che d'ogn'intorno inondi (10) sonetto
p. 458 [871] Qual gratia, qual destin, qual sorte amica (11) sonetto
p. 459 [872] Ch'il pensò mai che di Liguria uscisse (12) sonetto
p. 459 [873] Borea crudel, che con tal forza et ira (13) sonetto
p. 460 [874] Pianta felice ch'al tuo bel soggiorno (14) sonetto
p. 460 [875] Nessun fu lieto Amore (io non te 'l celo) (15) sonetto
p. 461 [876] Roza mia man, che dolcemente vai (16) sonetto
p. 461 [877] Sonno; che spesso con tue levi scorte (17) sonetto
p. 462 [878] Ove splende hora il mio lucente Sole? (18) sonetto
p. 462 [879] Aura gentil, che mormorando vieni (19) sonetto
p. 463 [880] Se i bei rami gentil de la mia Pianta (20) sonetto
p. 463 [881] Quando l'un vago Sol vers' Occidente (21) sonetto
p. 464 [882] Quante fiate ho gia di sdegno acceso (22) sonetto
p. 464 [883] Piu d'ogni altro dolor, che 'l cor sostiene (23) sonetto
p. 465 [884] Liete rive, alti colli, et piaggia aprica (24) sonetto
p. 465 [885] Se l'ardente desio ch'io porto ascoso (25) sonetto
p. 466 [886] Specchio divin, se l'honorato alloro (26) sonetto
p. 466 [887] Se si ragiona il ver benigna luce (27) sonetto
p. 467 [888] Quinci cantando et ragionando andai (28) sonetto
p. 467 [889] Ecco, che giunta è pur l'hora felice (29) sonetto
p. 468 [890] Che fia (lasso) di me fuggendo lunge (30) sonetto
p. 468 [891] Deh non piu lagrimar Pianta mia cara (31) sonetto
p. 469 [892] Lasso ch'io sento pur che 'l tempo passa (32) sonetto
p. 469 [893] Almo sol; che 'l calor riporti e 'l giorno (33) sonetto
p. 470 [894] Glorioso mio Re; nel cui sostegno (34) sonetto
p. 470 [895] Bosco verde, campagna, et colle herboso (35) sonetto
p. 471 [896] Hor che 'l vento fra noi, la neve, e 'l gielo (36) sonetto
p. 471 [897] Hor Magnanimo Re le piagge intorno (37) sonetto
p. 472 [898] Ben puoi Borea crudel con ghiaccio et neve (38) sonetto
p. 472 [899] Alma beata, che 'l terrestre velo (39) sonetto
p. 473 [900] Verde bosco frondoso, herbose rive (40) sonetto
p. 473 [901] Quand'io veggio talhor nel caldo giorno (41) sonetto
p. 474 [902] Come talhor nel gran calore ardente (42) sonetto
p. 474 [903] Come ti veggio andar superba in vista (43) sonetto
p. 475 [904] Come dolce sent'io per queste valli (44) sonetto
p. 475 [905] Hor che 'l mezo del ciel con l'orme segna (45) sonetto
p. 476 [906] Al tuo padre Ocean, ch'abbraccia intorno (46) sonetto
p. 476 [907] Almo superbo mar, che d'ogn'intorno (47) sonetto
p. 477 [908] S'io potessi talhor mostrar di fuora (48) sonetto
p. 477 [909] Dal suo ventre materno uscendo fuora (49) sonetto
p. 478 [910] Deh come abietta et vil ti veggio fuore (50) sonetto
p. 478 [911] Profondissima valle, alpestro monte (51) sonetto
p. 479 [912] Quante io trovo campagne, piaggie, et monti (52) sonetto
p. 479 [913] Ò di Rhodan superbo humile sposa (53) sonetto
p. 480 [914] Quello invitto valor più che mortale (54) sonetto
p. 480 [915] Io pur (la Dio mercè) rivolgo il passo (55) sonetto
p. 481 [916] Come sia frale et vil la vita humana (56) sonetto
p. 481 [917] Mentre mirate il nuovo sole in cima (57) sonetto
p. 482 [918] Poi che per dispogliar del velo d'oro (58) sonetto
p. 482 [919] Hor ch'io veggio il mio Re ne l'armi avolto (59) sonetto
p. 483 [920] Non si puo sollevar' in alto a volo (60) sonetto
p. 483 [921] Se piu di sofferenza armato allhora (61) sonetto
p. 484 [922] Dimmi famoso Re de gl'altri fiumi (62) sonetto
p. 484 [923] Gia trapassa fuggendo il sesto giorno (63) sonetto
p. 485 [924] Con quei sospir, con quelle voci amare (64) sonetto
p. 485 [925] Non piu, come solea Rhodano, et Sona (65) sonetto
p. 486 [926] Quante fiate il di mi torna à mente (66) sonetto
p. 486 [927] Tosco vate divin, che in chiaro stile (67) sonetto
p. 487 [928] Io mi stò notte et di contando l'hore (68) sonetto
p. 487 [929] S'io devessi acquistar pregio alcun degno (69) sonetto
p. 488 [930] Mentre io seguo su 'l Po cacciando l'orme (70) sonetto
p. 488 [931] Io non potrei negar, che piu d'un foco (71) sonetto
Di Lorenzo de' Medici
p. 489 [932] Felici ville, campi, et voi silvestri (1) sonetto
p. 490 [933] Poi che tornato è il Sole al corso antico (2) sonetto
p. 490 [934] Lasso già cinque corsi hà volto il Sole (3) sonetto
p. 491 [935] Io sento crescer piu di giorno in giorno (4) sonetto
p. 491 [936] Que' begli occhi leggiadri, ch'Amor fanno (5) sonetto
p. 492 [937] Io non so ben, chi mi è maggior nimico (6) sonetto
p. 492 [938] Quando l'hora aspettata s'avicina (7) sonetto
p. 493 [939] Condotto Amor m'havea sino all'estremo (8) sonetto
p. 493 [940] Io son si certo, Amor, di tua incertezza (9) sonetto
p. 494 [941] Que' dolci primi miei pensieri, ond'io (10) sonetto
p. 494 [942] Come lucerna a l'hora matutina (11) sonetto
p. 495 [943] Lascia l'isola tua tanto diletta (12) sonetto
p. 495 [944] S'Amor a gli occhi mostra il lor bel Sole (13) sonetto
p. 496 [945] Ch'è quel, ch'io veggo dentro a gli occhi belli (14) sonetto
p. 496 [946] Se 'l fortunato cor, quando è più presso (15) sonetto
p. 497 [947] Spesso mi torna a mente, anzi giamai (16) sonetto
p. 497 [948] Chi hà la vista sua cosi potente (17) sonetto
p. 498 [949] I ti lasciai pur quì quel lieto giorno (18) sonetto
p. 498 [950] Poscia che 'l bene aventurato core (19) sonetto
p. 499 [951] Cerchi, chi vuol, le pompe, et gli altri honori (20) sonetto
p. 499 [952] O veramente felice, et beata (21) sonetto
p. 500 [953] Si dolcemente la mia donna chiama (22) sonetto
p. 500 [954] Ove madonna volge gli occhi belli (23) sonetto
p. 50 (sc. 501) [955] Lasso, che sent'io piu mover nel petto? (24) sonetto
p. 50 (sc. 501) [956] Piu dolce sonno, o placida quiete (25) sonetto
p. 502 [957] Tante vaghe bellezze ha in se raccolto (26) sonetto
p. 502 [958] Lasso a me, quando io son la dove sia (27) sonetto
p. 503 [959] Il cor mio lasso in mezzo a l'angoscioso (28) sonetto
p. 503 [960] Un'acerbo pensier talhor mi tiene (29) sonetto
p. 504 [961] L'anima afflitta mia, fatta lontana (30) sonetto
p. 504 [962] Oime, che belle lagrime fur quelle (31) sonetto
p. 505 [963] Lasso, ogni loco lieto al cor mi adduce (32) sonetto
p. 505 [964] Lasso, homai non so piu, che far mi deggia (33) sonetto
p. 506 [965] Si bella è la mia donna, e 'n se raccoglie (34) sonetto
p. 506 [966] Lasso hor la bella Donna mia che face? (35) sonetto
p. 507 [967] Tu non sarai mai più crudele Dio (36) sonetto
p. 507 [968] Mille duri pensier pur nel cor mova (37) sonetto
p. 508 [969] Soavissimo sonno, homai ne vieni (38) sonetto
Di messer Girolamo Britonio
p. 509 [970] Giurato un tempo havrei, ch'un freddo smalto (1) sonetto
p. 510 [971] Fur ben del ciel le due più chiare stelle (2) sonetto
p. 510 [972] Si ardito, si leggiero, et pronto venne (3) sonetto
p. 511 [973] Il folle mio pensier tutto s'accende (4) sonetto
p. 511 [974] Onde tanta ineffabile dolcezza (5) sonetto
p. 512 [975] Quel, per cui spesso dentro il cor m'adiro (6) sonetto
p. 512 [976] Sempre il vostro gentile honesto sguardo (7) sonetto
p. 513 [977] Se come ho dentro il cor la fiamma accesa (8) sonetto
p. 513 [978] Si gran dolcezza d'un bel guardo i' prendo (9) sonetto
p. 514 [979] Occhi cagion, ch'ardendo i' mi consume (10) sonetto
p. 514 [980] Io fondo in aria sempre, et scrivo in onde (11) sonetto
p. 515 [981] O vaga man, che spesso ti attraversi (12) sonetto
p. 515 [982] Essendo a rimirar Madonna i' volto (13) sonetto
p. 516 [983] Meraviglia non fia, s'un vivo ardore (14) sonetto
p. 516 [984] O gentil guardo, ond'io bramoso vivo (15) sonetto
p. 517 [985] Quando ver l'alba ricantar i sento (16) sonetto
p. 517 [986] Non men risplende il vostro sguardo altiero (17) sonetto
p. 518 [987] A' tanta bellezza il mio pensiero aspira (18) sonetto
p. 518 [988] O molesti pensieri, o van disio (19) sonetto
p. 519 [989] Volan si forte i vaghi miei penseri (20) sonetto
p. 519 [990] Fuggendo il lume, che fuggir pur soglio (21) sonetto
p. 520 [991] Quand'io m'affiso in vostra alma bellezza (22) sonetto
p. 520 [992] Nascon tanti pensier, dal mio pensiero (23) sonetto
p. 521 [993] Valle de miei pensier si forte amica (24) sonetto
p. 521 [994] Se 'l ver predice il mio pensier' al core (25) sonetto
p. 522 [995] Non spirar d'aure, non fiorir di valli (26) sonetto
p. 522 [996] Piaggia, che lieta ascolti il mio lamento (27) sonetto
p. 523 [997] Questa alma luce: che 'l suo lume estende (28) sonetto
p. 523 [998] Quante fiate la mia donna i guardo (29) sonetto
p. 524 [999] Mirar non so se non vostra bellezza (30) sonetto
p. 524 [1000] Mar, che 'n continuo moto ognihor ti sento (31) sonetto
p. 525 [1001] Il duol pur cresce, et so che 'l vedi et scorgi (32) sonetto
p. 525 [1002] Non miro bianco sasso, ov'io mi trove (33) sonetto
p. 526 [1003] Con gli occhi più che mai di pianger vaghi (34) sonetto
p. 526 [1004] Quando Amor corre a dar battaglia al core (35) sonetto
p. 527 [1005] Mai non nacque nel cor per consolarmi (36) sonetto
p. 527 [1006] Piangea Madonna, et si soavemente (37) sonetto
p. 528 [1007] Una schiera di Donne insieme accolte (38) sonetto
p. 528 [1008] S'Amor e un foco, ond'ha poi tanto ghiaccio? (39) sonetto
p. 529 [1009] O fastiditi gia del pianger mio (40) sonetto
p. 529 [1010] Che fai qui Invidia? i' sto vegghiante et presta (41) sonetto
p. 530 [1011] Mesto Augellin; che sotto opache frondi (42) sonetto
p. 530 [1012] Un legame m'avolge: una Catena (43) sonetto
p. 531 [1013] Quand'io raccolgo tutti i miei pensieri (44) sonetto
p. 531 [1014] Chi tien quì morta l'inclita Elionora (45) sonetto
Di messer Agostino Beatiano
p. 532 [1015] MOLZA, io svolto da quel ch'oppresso tanto (1) sonetto
p. 533 [1016] Carlo; nel vostro generoso petto (2) sonetto
p. 533 [1017] Voi del castalio humor poste al governo (3) sonetto
p. 534 [1018] Carlo vittorioso, e trionfale (4) sonetto
p. 534 [1019] Turco; io già veggio le tue squadre in rotta (5) sonetto
p. 535 [1020] Fontana di virtù Donna gentile (6) sonetto
p. 535 [1021] Signor; se ben vi desse altero ingegno (7) sonetto
p. 536 [1022] D'AVALO sangue generoso, et chiaro (8) sonetto
p. 536 [1023] ORIA da quel valor, c'havete mostro (9) sonetto
p. 537 [1024] ORIA la fama del valor piu altero (10) sonetto
p. 537 [1025] Bembo; vedeste già come d'ardente (11) sonetto
Di m. Gio. Agostino Cazza
p. 538 [1026] Madonna, s'in beltà tal parte havete (1) sonetto
p. 539 [1027] I bei vostr'occhi, dove alberga Amore (2) sonetto
p. 539 [1028] Lasso, come potrò sperar mai pace (3) sonetto
p. 540 [1029] Deh foss'io certo almen di viver tanto (4) sonetto
p. 540 [1030] Quercia ombrosa gentil, in cui talhora (5) sonetto
p. 541 [1031] Madonna, se gli avien, ch'amando io mora (6) sonetto
p. 541 [1032] Da la bell'aria del bel vostro viso (7) sonetto
p. 542 [1033] Se la mia donna è tutta neve, e ghiaccio (8) sonetto
p. 542 [1034] Potess'io almen mentre vi son presente (9) sonetto
p. 543 [1035] Re de gli altri metalli oro, che fai (10) sonetto
p. 543 [1036] Ombrosa selva, ove il mio vivo Sole (11) sonetto
p. 544 [1037] Di selva in selva, e d'una in altra riva (12) sonetto
p. 544 [1038] Quando a l'ombra d'un frassino, o d'un faggio (13) sonetto
p. 545 [1039] Hor, che giusta cagion ha sciolt'il laccio (14) sonetto
p. 545 [1040] Ecco madonna, ch'io mi parto, e lasso (15) sonetto
p. 546 [1041] Questa donna crudel, ch'in terr'adoro (16) sonetto
p. 546 [1042] Quella rara virtù, quel valor solo (17) sonetto
p. 547 [1043] Folle pensier, perche sempre mi guidi (18) sonetto
p. 547 [1044] Vivrò mai tanto Amor, ch'io possa dire (19) sonetto
Di m. Anton Giacomo Corso
p. 548 [1045] Sorgete ò Ninfe fuor de le bell'onde (1) sonetto
p. 549 [1046] Le notti, e i giorni, e sian pur lunghi quanto (2) sonetto
p. 549 [1047] EURO, che in questa vaga, humida valle (3) sonetto
p. 550 [1048] Tenta sbramare in van l'ardente sete (4) sonetto
p. 550 [1049] Deh come tarda vai, torbida, e oscura (5) sonetto
p. 551 [1050] Poi che morte crudel (lasso) m'ha tolto (6) sonetto
p. 551 [1051] Leva da gli occhi il tenebroso velo (7) sonetto
p. 552 [1052] Superbi colli, apriche piagge amene (8) sonetto
p. 552 [1053] Duo lumi eterni il gran Re de le stelle (9) sonetto
p. 553 [1054] Nacque fra l'onde in una conca quella (10) sonetto
p. 553 [1055] Viver senza haver' alma, e senza core (11) sonetto
p. 554 [1056] Quando il vittorioso altero nome (12) sonetto
p. 554 [1057] Desio d'alta bellezza; ardor di bene (13) sonetto
p. 555 [1058] Come dal padre de la Dea MARINA (14) sonetto
p. 555 [1059] Se 'l cor gia incenerito a poco a poco (15) sonetto
p. 556 [1060] Sostenni un tempo, ne fu acerba, o grave (16) sonetto
p. 556 [1061] Mentre da gl'Indi à i caldi lidi Mori (17) sonetto
p. 557 [1062] Hor che da noi gia s'allontana il Sole (18) sonetto
p. 557 [1063] Questa immagine mia celeste, e pura (19) sonetto
p. 558 [1064] Quantunque copra d'aspro nembo oscuro (20) sonetto
p. 558 [1065] Donna, il cui raggio di virtuti asperso (21) sonetto
p. 559 [1066] Vento orgoglioso, che le verdi stanze (22) sonetto
p. 559 [1067] Spoglia in Parnaso le superne valli (23) sonetto
p. 560 [1068] Con le vostre bellezze al mondo sole (24) sonetto
p. 560 [1069] Alma, che fai? che miri? a che non sorgi (25) sonetto
Di messer Giusto de' Conti
p. 561 [1070] Quel cerchio d'oro, che due treccie bionde (1) sonetto
p. 562 [1071] Da qual si amaro, et si bel fonte move (2) sonetto
p. 562 [1072] Spent'ha de gli occhi bei l'altero lume (3) sonetto
p. 563 [1073] Anime belle ne l'eterno chiostro (4) sonetto
p. 563 [1074] Qual Salamandra in su l'acceso foco (5) sonetto
p. 564 [1075] Un parlar piu c'humano, un falso riso (6) sonetto
p. 564 [1076] Quanto può il ciel, natura, ingegni, et arte (7) sonetto
p. 565 [1077] I piango spesso, et meco amor tal volta (8) sonetto
p. 565 [1078] Prima vedrem di sdegno un cor gentile (9) sonetto
p. 566 [1079] Prima vedrem le stelle a mezo giorno (10) sonetto
p. 566 [1080] Arder la notte, et agghiacciar al Sole (11) sonetto
p. 567 [1081] Quanto posso m'ingegno trar d'affanni (12) sonetto
p. 567 [1082] Che pensi cor di tigre? a che pur guardi (13) sonetto
p. 568 [1083] Se spengi il foco, che mia vita arriva (14) sonetto
p. 568 [1084] Chi non sa com'amor pugne, et assale (15) sonetto
p. 569 [1085] Se per chiamar merce, s'impetra mai (16) sonetto
p. 569 [1086] Tanto m'ingombra amor, tanto m'affanna (17) sonetto
p. 570 [1087] La bella terra, ove mi giunse amore (18) sonetto
p. 570 [1088] Quanto piu m'allontano dal mio bene (19) sonetto
p. 571 [1089] Se pria non torceran suo corso al monte (20) sonetto
p. 571 [1090] Luce tant'aspettata a gli occhi miei (21) sonetto
Di m. Anton Francesco Rinieri
p. 572 [1091] Signor, che 'l petto et la vittrice mano (1) sonetto
p. 573 [1092] L'aer turbato, et l'importuna pioggia (2) sonetto
p. 573 [1093] Se lungi dal mio Sol sempre mi doglia (3) sonetto
p. 574 [1094] La Sena, e l'Arno gian torbidi, e lenti (4) sonetto
p. 574 [1095] S'aperse il ciel, fermaro il corso i fiumi (5) sonetto
p. 575 [1096] Qual giovinetto cor tra l'herba, e i fiori (6) sonetto
p. 575 [1097] I begli occhi di voi, de gli altri fanno (7) sonetto
p. 576 [1098] Ecco l'aria amorosa, ecco il bel nido (8) sonetto
p. 576 [1099] A mezz'April de suoi verd'anni giunta (9) sonetto
p. 577 [1100] Qual sovr'à l'Appenin, erta, et annosa (10) sonetto
p. 577 [1101] Mentr'à sanar la delicata mano (11) sonetto
p. 578 [1102] O di virtù nemica et d'odio tinta (12) sonetto
p. 578 [1103] Qual gemma, che fin' Oro orna et divide (13) sonetto
p. 579 [1104] Qual vaghezza a veder, dican gli Amori (14) sonetto
p. 579 [1105] Sauli, al tenero cor vostro et gentile (15) sonetto
p. 580 [1106] A l'imagin Signor, che v'innamora (16) sonetto
p. 580 [1107] Rompa Amor l'arco, et la faretra versi (17) sonetto
p. 581 [1108] Impallidir il Sol, cader le stelle (18) sonetto
p. 581 [1109] Vide il Sol, che per voi perder potea (19) sonetto
p. 582 [1110] Dan tutte a voi, polita Luce il vanto (20) sonetto
p. 582 [1111] Di Narciso et d'Adon gli occhi e la fronte (21) sonetto
Di messer Antonio Brocardo
p. 583 [1112] Il buon nochier, che col legno in disparte (1) sonetto
p. 584 [1113] Ove con l'onde sue geme et sospira (2) sonetto
p. 584 [1114] O pura neve, o bianco marmo eletto (3) sonetto
p. 585 [1115] Non mi vedete (oime) di pianger lasso (4) sonetto
p. 585 [1116] L'intera fede, il desiar cotanto (5) sonetto
p. 586 [1117] I caldi fiumi; che da gli occhi vostri (6) sonetto
p. 586 [1118] Occhi miei lassi in rimirar quel Sole (7) sonetto
p. 587 [1119] Voi Donna, et io, per segni manifesti (8) sonetto
p. 587 [1120] O piu che 'l mel soave, et piu pungente (9) sonetto
p. 588 [1121] Si come il puro latte, e i verdi fiori (10) sonetto
p. 588 [1122] In qual horror de la piu selva oscura (11) sonetto
Di Amomo
p. 589 [1123] La vaga aurora gia da l'auree ruote (1) sonetto
p. 590 [1124] Dormiva un di Madonna sotto un lauro (2) sonetto
p. 590 [1125] Un'Augel, c'ha di porpora le piume (3) sonetto
p. 591 [1126] Verde fiorita et solitaria valle (4) sonetto
p. 591 [1127] Quando al giorno vicin cede ogni stella (5) sonetto
p. 592 [1128] Nel mar di Spagna ascose l'aureo crine (6) sonetto
p. 592 [1129] Tempo sarebbe homai d'usar pietate (7) sonetto
p. 593 [1130] Mostrossi Apollo impallidito et bianco (8) sonetto
p. 593 [1131] Quando col carro pien d'aurate stelle (9) sonetto
p. 594 [1132] Quando il soverchio mio dolor mi mena (10) sonetto
p. 594 [1133] S'il Sole il carro d'oro attuffa in l'onde (11) sonetto
Di m. Antonio Mario Nigresoli
p. 595 [1134] Quando mira il mio sol l'alto suo viso (1) sonetto
p. 596 [1135] Tra le piu belle cose di Natura (2) sonetto
p. 596 [1136] Uscito era già il Sol fuor d'Oriente (3) sonetto
p. 597 [1137] Desta gia l'alba havea la crocea Aurora (4) sonetto
p. 597 [1138] Era Madonna in si leggiadra vista (5) sonetto
p. 598 [1139] Il quarto decimo anno ha volto il cielo (6) sonetto
p. 598 [1140] Quasi tra spine in vile aspro terreno (7) sonetto
p. 599 [1141] Fuggite eran le Stelle innanzi 'l Sole (8) sonetto
p. 599 [1142] Se 'l mio desir, se l'alma intenta aspira (9) sonetto
Di messer Luigi da Porto
p. 600 [1143] Questi son quei begli occhi; in cui Natura (1) sonetto
p. 601 [1144] Hor, ch'io sperava haver trovato il porto (2) sonetto
p. 601 [1145] Non son nel firmamento tante stelle (3) sonetto
p. 602 [1146] Fumoso monticel, chiare acque ardenti (4) sonetto
p. 602 [1147] Come huom; che qualche prova, e molti affanni (5) sonetto
p. 603 [1148] Allhor: che la mia donna in grembo toglie (6) sonetto
p. 603 [1149] Se al partir del mio Sol quest'occhi, e 'l core (7) sonetto
p. 604 [1150] Amor: se del tuo regno hai qualche cura (8) sonetto
p. 604 [1151] Io viverei se già non fosse morta (9) sonetto
p. 605 [1152] La bella Donna il mio fido thesoro (10) sonetto
p. 605 [1153] Hor so, che di dolor piu non si more (11) sonetto
p. 606 [1154] Mentre ogni vostra gioia, ogni aspro male (12) sonetto
Del signor Domenico Ragnina
p. 607 [1155] O famoso, superbo, altero monte (1) sonetto
p. 608 [1156] Con ogni grave oltraggio, affanno, e cura (2) sonetto
p. 608 [1157] O core mio doglioso, e discontento (3) sonetto
p. 609 [1158] Finse la favolosa antica etate (4) sonetto
p. 609 [1159] Deh come il mio sperar mi vene meno (5) sonetto
p. 610 [1160] O tra pene d'Amor alma sommersa (6) sonetto
p. 610 [1161] Se 'l vero Amante Amor falso non figne (7) sonetto
p. 611 [1162] I due puri, fedeli, e cari amanti (8) sonetto
p. 611 [1163] Divina forma, angelico conspetto (9) sonetto
p. 612 [1164] Dapoi, che 'l giorno fu cacciato; e spento (10) sonetto
p. 612 [1165] Con quelle labbra tue dolci, e rosate (11) sonetto
p. 613 [1166] O bella Filli mia, Filli soave (12) sonetto
p. 613 [1167] Vedi con quanta fede ogni hor ti servo (13) sonetto
p. 614 [1168] Un tuo servo fedel, ch'adori, et ame (14) sonetto
p. 614 [1169] Naturalmente il foco ha questa possa (15) sonetto
p. 615 [1170] Di Donna, che sia nata in alto stato (16) sonetto
p. 615 [1171] Da poi, che consentì mia dura sorte (17) sonetto
p. 616 [1172] Afflitto cor, se hor pur come sogli (18) sonetto
p. 616 [1173] Spesso l'acqua cadendo in basso loco (19) sonetto
p. 617 [1174] S'in questa dura mia da te partenza (20) sonetto
p. 617 [1175] Poi, ch'in questa gradita, e cara parte (21) sonetto
p. 618 [1176] Hor, che le nubi sgombra oscure, e felle (22) sonetto
p. 618 [1177] O Re de' chiari eterni alti confini (23) sonetto
p. 619 [1178] Perche dal falso Amor non ti scompagni (24) sonetto
Del s. Domenico Ragnina
p. 619 [1179] Qual'ingegno poria saper, et arte (25) sonetto
Risposta di Lodovico Domenichi
p. 620 [1180] A che venir di si remota parte (76) sonetto
Alla s. Laura Batiferra de gli Amannati
p. 620 [1181] O donna sopra ogn'altra alma, e divina (26) sonetto
Al s. Domenico Ragnina. R.
p. 621 [1182] Se fia giamai, ch'in Helicon vicina (1) sonetto
Al molto ill. s. Ferrante Carrafa marchese di Santo Lucido
p. 621 [1183] O di CARRAFI honor chiaro, e pregiato (27) sonetto
Al s. Domenico Ragnini. R.
p. 622 [1184] Ò quanto debbo, e devrò sempre al Fato (1) sonetto
Al s. Domenico Ragnina, Lodovico Domenichi
p. 622 [1185] Il tempo, ond'io son quasi afflitto, e stanco (77) sonetto
Di messer Vincentio Menni
p. 623 [1186] Ben mille volte intento ho cercato io (1) sonetto
p. 624 [1187] Occhi, non occhi già, ma viva luce (2) sonetto
p. 624 [1188] Ecco le guancie, ove Natura pose (3) sonetto
p. 625 [1189] Risguarda Tirsi hor, che di Borea il fiato (4) sonetto
p. 625 [1190] Se 'l bel guardo gentil ver me distendi (5) sonetto
p. 626 [1191] Quando potrà sol Coridone un giorno (6) sonetto
p. 626 [1192] Non perch'io speri al sovran vostro honore (7) sonetto
p. 627 [1193] Fuggite son le nevi: e d'herbe, e fiori (8) sonetto
Di don Desiderio Cavalcabò
p. 627 [1194] Oscure selve ove giamai non luce (1) sonetto
p. 628 [1195] Io non sarò giamai di pianger lasso (2) sonetto
p. 628 [1196] O cielo, o fato, o mia perversa sorte (3) sonetto
p. 629 [1197] Non pianger più cor mio, posati homai (4) sonetto
p. 629 [1198] Lasso, ch'io son' si di dolor compunto (5) sonetto
p. 630 [1199] Cosi piangendo, e sospirando sempre (6) sonetto
p. 630 [1200] Di dì in dì, d'hora in hora aspetto, e prego (7) sonetto
Del signor Baltassarre Marchese
pp. 625 (sc. 631)-636 [1201] Se nel sacrato bel monte bicorne (1) canzone