VE1556-RD 7

Del s. duca d'Adri Girolamo Acquaviva
p. [11] [1] Io dissi al mio sperar, ben guiderai (1) sonetto
p. [12] [2] Spuntava appena un'arbuscel gentile (2) sonetto
p. [13] [3] Come di fiamma armata e di serpenti (3) sonetto
p. [13] [4] Vecchio meschin, che 'l caro amante ardito (4) sonetto
p. [14] [5] Che vaghezza in te scorgo, et qual novello (5) sonetto
p. [14] [6] O tema, o duol, con che sagaci scorte (6) sonetto
p. [15] [7] Quel corvo, che cantava del mio Fato (7) sonetto
p. [15] [8] Quando ad Italia il conceduto Achille (8) sonetto
p. [16] [9] Cosi sapessi almen ombrar co' detti (9) sonetto
p. [16] [10] Quando la notte spande le grandi ale (10) sonetto
Del s. Ferrante Carafa
p. 1 [11] Benche ognihor le tre gratie habbia d'intorno (1) sonetto
p. 2 [12] Perduto havea il liquor l'Arcier di Gnido (2) sonetto
p. 2 [13] Triegua da i miei pensier, che intorno al core (3) sonetto
p. 3 [14] Nasce il tuo vago, dolce, almo tormento (4) sonetto
p. 3 [15] Deh non rinovellar l'antica doglia (5) sonetto
p. 4 [16] Poi che qua giù scendesti ANGEL terreno (6) sonetto
p. 4 [17] Non tra le vostre avverse aspre tempeste (7) sonetto
p. 5 [18] Quando di Rubicon le gelide acque (8) sonetto
p. 5 [19] L'eterno alto Signor, quando più il Mondo (9) sonetto
p. 6 [20] Vero Giove terren, novo Marcello (10) sonetto
p. 6 [21] Venti e cinque anni; et non giorni vent'uno (11) sonetto
p. 7 [22] Ecco esauditi i preghi alti e divini (12) sonetto
p. 7 [23] Il dì, ch'ascese il Redentor del Mondo (13) sonetto
p. 8 [24] L'opre del terzo e glorioso Polo (14) sonetto
p. 8 [25] Sotto il tuo santo e glorioso impero (15) sonetto
Del s. Mattheo Montenero
p. 9 [26] Stava, com'un gran Sol Madonna assisa (1) sonetto
p. 10 [27] Dal ciel bandita l'alma in questa spoglia (2) sonetto
p. 10 [28] Se la beltà di Dio, ch'in donna luce (3) sonetto
p. 11 [29] Chiaro mio Sol terreno, il cui splendore (4) sonetto
p. 11 [30] Benigna Stella, e bel destin fatale (5) sonetto
p. 12 [31] Qual'hor pensando al mio stato rimiro (6) sonetto
p. 12 [32] Con quai destrieri Apollo, et con qual arte (7) sonetto
p. 13 [33] Donna, perche veder bramate morto (8) sonetto
p. 13 [34] Quel sacro santo e gratioso aspetto (9) sonetto
p. 14 [35] Venere, e Palla, in qual alma ben nata (10) sonetto
p. 14 [36] Come il ver'huom e Dio, per farne fede (11) sonetto
p. 15 [37] Deh Flori, se pietà d'aspri lamenti (12) sonetto
p. 15 [38] Cinta di mirto, e verdeggiante alloro (13) sonetto
p. 16 [39] Verdi colli, chiare acque, e piagge apriche (14) sonetto
p. 16 [40] Ai Febo, se gia in questi ameni campi (15) sonetto
p. 17 [41] Volava io già per l'aria d'un bel viso (16) madrigale
pp. 17-18 [42] In questo mio d'amor cieco viaggio (17) canzonetta
pp. 18-19 [43] Veder dopò il dolor vostra bellezza (18) ballata
p. 19 [44] In un bel fonte cristallino e vago (19) madrigale
p. 20 [45] Poi che cinque anni son, che giunto il core (20) sonetto
p. 20 [46] TERMINIO, che 'l mio spirto à tutte l'hore (21) sonetto
p. 21 [47] Angel terren, che con fortissime ali (22) sonetto
Del s. Giovambernardino Belprato
p. 22 [48] Si possente è la luce, che risplende (1) sonetto
p. 23 [49] Da' begli occhi, ond'Amor l'acuto strale (2) sonetto
p. 23 [50] Deh piangi Cataratte, e pianga ancora (3) sonetto
p. 24 [51] Benche del vostro Sol v'habbia la luce (4) sonetto
p. 24 [52] O come dileguavasi il martire (5) sonetto
p. 25 [53] I dolci sguardi, e l'alma luce altiera (6) sonetto
p. 25 [54] Quanta virtù giamai nel tempo antico (7) sonetto
Di M Antonio Terminio
p. 26 [55] Ai mal accorto cor, troppo sovente (1) sonetto
p. 27 [56] Per trarmi al regno suo possente et fero (2) sonetto
p. 27 [57] Quanto co 'l mal purgato et rozo stile (3) sonetto
p. 28 [58] Cosi al caldo desio di farvi honore (4) sonetto
p. 28 [59] Amor, se gli occhi son tuo proprio oggetto (5) sonetto
p. 29 [60] Sonno; che al mio pensier tu rappresenti (6) sonetto
p. 29 [61] Cugin, mentre al tuo mal porgere aita (7) sonetto
p. 30 [62] Hor ben provo io Signor, quanto sia vero (8) sonetto
p. 30 [63] Le superbe ricchezze instabil sorte (9) sonetto
p. 31 [64] Agli altri in verde età le crespe e bionde (10) sonetto
p. 31 [65] Vedendo il Re del Ciel, che al fin del giorno (11) sonetto
p. 32 [66] Gia mi credea, che 'l mio debile ingegno (12) sonetto
p. 32 [67] La strada occolta faticosa, et erta (13) sonetto
p. 33 [68] Prosontuoso e temerario ardire (14) sonetto
p. 33 [69] Potrete voi vietar, ch'io non v'adori? (15) sonetto
p. 34 [70] Queste gravi repulse, acerbe, et fiere (16) sonetto
p. 34 [71] Quando (e ben mille volte il dì m'avviene) (17) sonetto
p. 35 [72] Pensiero, a che il mio cor misero e stanco (18) sonetto
p. 35 [73] Rime infelici, per cui gia pensai (19) sonetto
p. 36 [74] Come nel sommo Polo, onde Aquilone (20) sonetto
p. 36 [75] Il Santo piè del gran Motor superno (21) sonetto
p. 37 [76] Come a guardar del Sol gli ardenti rai (22) sonetto
p. 37 [77] Poi, che di Xanto in sù la fresca riva (23) sonetto
p. 38 [78] Che di perle, e di gemme, e d'aurei fiori (24) sonetto
p. 38 [79] Sperò molt'anni gia Volturno eguali (25) sonetto
p. 39 [80] Dunque s'una crudel, di piombo il petto (26) sonetto
p. 39 [81] A cosi fiero colpo, a cosi acerba (27) sonetto
p. 40 [82] Tanto dunque anzi tempo, et si repente (28) sonetto
p. 40 [83] Gia, fù che con gioioso et dolce canto (29) sonetto
p. 41 [84] Partisti Anima bella; et pur à Dio (30) sonetto
p. 41 [85] Poi che prescritto havea l'alto destino (31) sonetto
p. 42 [86] Porger al vostro duol degno conforto (32) sonetto
p. 42 [87] Stimando a l'arme, et a la schiera eletta (33) sonetto
p. 43 [88] Silaro, à cui donò l'alma Diana (34) sonetto
p. 43 [89] Signor, se questa, che d'Amor possede (35) sonetto
p. 44 [90] MARRA, che al nobil sangue antico et chiaro (36) sonetto
p. 44 [91] L'alta cagion, ch'al vostro ceppo antico (37) sonetto
p. 45 [92] Qual meraviglia, se repente piacque (38) sonetto
p. 45 [93] Misero me, da qual tanto furore (39) sonetto
p. 46 [94] Ogni sua forza la Ragion ardita (40) sonetto
p. 46 [95] O dolce et queto mio stato primiero (41) sonetto
p. 47 [96] Hor s'honorato et bel desio vi preme (42) sonetto
p. 47 [97] Quel dolce acerbo mio caro nemico (43) sonetto
p. 48 [98] O de l'egro mio cor vital conforto (44) sonetto
p. 48 [99] Triste, pensose, et agghiacciate, et sole (45) sonetto
p. 49 [100] In ben cara prigion chiuso m'havete (46) sonetto
p. 49 [101] Alma mia fiamma, che con dolci et nuove (47) sonetto
p. 50 [102] Presso un bel fonte le tre Dive in Ida (48) sonetto
p. 50 [103] Come havrà tanta forza hoggi il cor lasso (49) sonetto
p. 51 [104] Caro, leggiadro, et pretioso laccio (50) sonetto
p. 51 [105] Mentre che con ferventi alte parole (51) sonetto
p. 52 [106] Se ben havesse il fil de la mia vita (52) sonetto
p. 52 [107] Veggio ben io (ne velo alcun m'adombra) (53) sonetto
Del s. Bernardino Rota risp. al Terminio
p. 53 [108] Qual huom si scaltro mai, qual si leggiero (1) sonetto
Del s. Luigi Tansillo risp. al Terminio
p. 54 [109] Mentre arse del mio cor la fiamma viva (1) sonetto
Del s. Angelo Costanzo risp. al Terminio
p. 55 [110] TERMINIO, in darno il mio basso intelletto (1) sonetto
p. 56 [111] Le lodi a i merti miei tanto ineguali (2) sonetto
Del s. conte di Mataluni
pp. 57-58 [112] Poscia, che l'empio Ciel m'ha fatto il petto (1) sestina
p. 59 [113] Pensò Morte crudel con doppio male (2) sonetto
p. 59 [114] Apransi homai per duol' i monti e i sassi (3) sonetto
p. 60 [115] Com'esser può, che sia da me diviso (4) sonetto
p. 60 [116] Cantai, mentre ch'apparve il vero Sole (5) sonetto
p. 61 [117] Non sò, che ritrovar mi possa il Cielo (6) sonetto
p. 61 [118] Quand'io più havea al mio Sol le luci fisse (7) sonetto
p. 62 [119] Se sempre ho il cor pensoso, e 'l viso smorto (8) sonetto
p. 62 [120] Quel, che le sue virtuti hebbe per scorte (9) sonetto
p. 63 [121] Spense morte colui, per dargli vita (10) sonetto
p. 63 [122] TERMINIO, voi che tra la turba eletta (11) sonetto
Del s. marchese di Laino
p. 64 [123] Per sfogar il mio duol, hor piango, hor canto (1) sonetto
p. 65 [124] Se col pianto io potessi il foco ardente (2) sonetto
p. 65 [125] Amor, se vedi ch'ad ognihor mi sfaccio (3) sonetto
p. 66 [126] Quando io credeva, che 'l mio legno in porto (4) sonetto
p. 66 [127] Occhi leggiadri gloriosi et santi (5) sonetto
p. 67 [128] Dalla rara beltà, che tanto piacque (6) sonetto
Di madonna Chiara Matraini gentildonna luchese
p. 68 [129] Se lieta, e verde, chiara alta cantai (1) sonetto
p. 69 [130] Almo, beato Sol, che dolcemente (2) sonetto
p. 69 [131] Quei raggi, signor mio, chiari immortali (3) sonetto
p. 70 [132] A voi consacro il mio debole ingegno (4) sonetto
p. 70 [133] Mentre, che 'l cor da gli amorosi nodi (5) sonetto
p. 71 [134] Con giusta meta il Sol librava intorno (6) sonetto
p. 71 [135] Se la mia nobil fiamma, eterno oggetto (7) sonetto
p. 72 [136] Signor, quell'indicibile grandezza (8) sonetto
pp. 72-76 [137] Perche quel dolce nodo (9) canzone
pp. 76-79 [138] Poi che tacer non posso (10) canzone
p. 79 [139] L'armonia dolce, e gli amorosi accenti (11) sonetto
p. 80 [140] Com'à gli angeli eletti innanzi a Dio (12) sonetto
p. 80 [141] Alto mio sol, se l'anima beata (13) sonetto
p. 81 [142] Ne' primi incontri della bella vista (14) madrigale
p. 81 [143] Spirto gentil d'eterne gratie cinto (15) sonetto
pp. 82-85 [144] De la piu bella luce (16) canzone
p. 85 [145] Se l'haver per altrui se stesso a vile (17) sonetto
p. 86 [146] La magnanima e bella impresa vostra (18) sonetto
p. 86 [147] Si com'à Dio l'angelico intelletto (19) sonetto
p. 87 [148] Quanti dolci pensieri alti e felici (20) sonetto
p. 87 [149] Mentre di voi con Amor parlo, o scrivo (21) sonetto
p. 88 [150] Ne piu chiar'acqua mai dal santo rivo (22) sonetto
p. 88 [151] Di tal ambrosia, e nettare celeste (23) sonetto
p. 89 [152] Signor, che 'l vago e picciol Serchio nostro (24) sonetto
p. 89 [153] Com'elitropio al sol, sempre mi giro (25) sonetto
p. 90 [154] O d'ogni reverenza, e d'honor degna (26) sonetto
p. 90 [155] Non potrà mai fortuna, o tempo rio (27) sonetto
p. 91 [156] Era il mio sol venuto al mio languire (28) madrigale
p. 92 [157] Se l'alto esempio sol del valor vostro (29) sonetto
p. 92 [158] Spirate aure celesti, eterne, e sante (30) sonetto
p. 93 [159] Mentre che l'alma in voi tutta s'accoglie (31) sonetto
p. 93 [160] Mentre il gran sol d'eterni raggi cinto (32) sonetto
p. 94 [161] Voi mia fidata, e rilucente stella (33) sonetto
p. 94 [162] Smarrissi il cor, ghiacciossi il sangue, quando (34) madrigale
p. 59 (sc. 95) [163] Fera, son' io di quest'ombroso loco (35) sonetto
p. 59 (sc. 95) [164] Alti son questi monti; et alti sono (36) sonetto
p. 96 [165] LAURA gentil, che mormorando torna (37) sonetto
pp. 96-98 [166] Quant'è fallace, e vario il nostro corso (38) canzone
p. 99 [167] Per gire in parte, ove il poter vien meno (39) sonetto
p. 99 [168] Viva mia bella, e dolce calamita (40) sonetto
p. 100 [169] Quel lume di virtù, c'hoggi m'hà tolto (41) sonetto
p. 100 [170] Ben che quel chiaro ardente raggio, ond'io (42) sonetto
p. 101 [171] Quando fia 'l dì, ch'io vi riveggia, et oda (43) sonetto
pp. 101-102 [172] Freschi, ombrosi, fioriti, e verdi colli (44) sestina
p. 103 [173] L'altera luce, che ne l'alma siede (45) sonetto
p. 103 [174] Si chiara è la mia fè, si chiaro il foco (46) sonetto
p. 104 [175] Mentre del chiaro, e divin nostro ardore (47) sonetto
p. 104 [176] Quant'ho piu da lontan l'aspetto vostro (48) sonetto
p. 105 [177] Vivo mio ardente, e vago sole, ond'io (49) sonetto
p. 105 [178] Deh perche tanto il mio divino sole (50) sonetto
p. 106 [179] Spirti felici, che nel terzo giro (51) sonetto
p. 106 [180] Stando lontana a voi mio sole altero (52) sonetto
p. 107 [181] L'intensa vostra pena, e 'l mio dolore (53) sonetto
p. 107 [182] Poi che l'alto mio Sol di nebbie ingombra (54) sonetto
p. 108 [183] Qual gioia in ciel su l'anime beate (55) sonetto
p. 108 [184] Poi che l'alta mia luce i santi rai (56) sonetto
p. 109 [185] Lassa, non so qual'ombra il mio bel sole (57) sonetto
p. 109 [186] Piu che mai belle et honorate fronde (58) sonetto
pp. 110-117 [187] Alma gentil sovra a tutt'altre altera (59) ottava
p. 118 [188] Da la piu bella mano (60) madrigale
p. 118 [189] Quando di quelle membra elette (61) madrigale
p. 11 (sc. 119) [190] Quel chiaro sol, c'hor suso in cielo splende (62) sonetto
p. 11 (sc. 119) [191] A piu chiaro, tranquillo, e dolce fonte (63) sonetto
p. 120 [192] Beata l'alma, che beando altrui (64) sonetto
p. 120 [193] Alma Donna real, pompa, e ricchezza (65) sonetto
pp. 121-123 [194] In un verde boschetto (66) canzone
p. 123 [195] Donna gentil, che be' pensier tenete (67) sonetto
p. 124 [196] Quelle virtuti, donna, alte e immortali (68) sonetto
p. 124 [197] Sempre sperar si deve anzi la morte (69) ottava
pp. 124-126 [198] Felice sasso, ch'à si bella pietra (70) sestina
p. 126 [199] Donna immortal, ne cui be' raggi santi (71) sonetto
p. 127 [200] Quando formò di voi la bella figlia (72) sonetto
p. 127 [201] Felice lui, che gli fù dato in sorte (73) sonetto
p. 128 [202] Mai fuor di libertà dolce ne cara (74) sonetto
p. 128 [203] Da quello spirto, al qual cercato hai tanto (75) sonetto
p. 129 [204] Felice ramo del ben nato Lauro (76) sonetto
p. 129 [205] Hor, che mia dolce pace e desiata (77) sonetto
p. 130 [206] Empia Invidia crudel, che ne' miei danni (78) sonetto
pp. 131-133 [207] Con sproni a la ragion, col freno a sensi (79) ottava
p. 133 (sc. 134) [208] Oppressi d'alto, e grave sonno i sensi (80) sonetto
p. 133 (sc. 134) [209] Ohime, dov'è hor quel vago viso (81) sonetto
pp. 134 (sc. 135)-141 [210] Chiara, eterna, felice, e gentil'alma (82) canzone
p. 142 [211] Com'esser può, ch'in tanta doglia i viva (83) sonetto
p. 142 [212] Vago augelletto, puro, almo e gentile (84) sonetto
p. 143 [213] Vivo mio foco, ond'io solea haver vita (85) sonetto
p. 143 [214] S'uguale havessi al gran dolore il pianto (86) sonetto
p. 144 [215] Quanto d'amaro ha mai portato a canto (87) sonetto
p. 144 [216] Occhi miei, oscurato è il vostro Sole (88) sonetto
p. 145 [217] Spirto beato, il cui terrestre velo (89) sonetto
p. 145 [218] Anima bella, che vivendo esempio (90) sonetto
p. 146 [219] Alto signor, che da stellanti giri (91) sonetto
p. 146 [220] Padre del Ciel dopò molt'anni, e molti (92) sonetto
p. 147 [221] Vergine, in cui l'eterno Sol si pose (93) sonetto
p. 147 [222] Fra le dubbie speranze, e 'l van dolore (94) sonetto
p. 148 [223] I piango, lassa, i miei perduti giorni (95) sonetto
p. 148 [224] Qualhor da questo grave e basso incarco (96) sonetto
p. 149 [225] Piu chiaro, et alto, e fortunato Sole (97) sonetto
p. 149 [226] Alto e divino rè, che ne profondi (98) sonetto
p. 150 [227] Lassa mente infelice ogn'altra cura (99) sonetto
Di m. Ludovico Domenichi
p. 150 [228] Io, che gia tanto, ancor che indegno, dissi (1) sonetto
p. 151 [229] CHIARA Donna et gentil, ch'al picciol Serchio (2) sonetto
Risposta di madonna Chiara Matraini
pp. 151-152 [230] Quant'anni oscura e cieca in terra i vissi (100) sonetto
p. 152 [231] Ben può superbo andar mio picciol Serchio (101) sonetto
Andrea Lori, a madonna Chiara Matraini
pp. 152-153 [232] A voi devoto ad honorar, s'inchina (1) sonetto
Risposta a m. Andrea Lori
p. 153 [233] Anima gloriosa, à cui s'inchina (102) sonetto
A m. Lodovico Dolce Chiara Matraini
pp. 153-154 [234] Deh perche non hebb'io ne miei prim'anni (103) sonetto
A m. Gio. Battista Giraldi Cinthio, Chiara Matraini
p. 154 [235] Anima eccelsa e rara, à cui Fortuna (104) sonetto
Della s. Lucretia di Raimondo al s. Giovambattista di Raimondo
pp. 155-156 [236] Io vorrei sodisfar vostro appetito (1) ottava
D'incerto autore alla illustrissima et Eccellentissima s. donna Isabetta marchesana di Massa
p. 156 [237] Rechi à l'amata Sposa il messaggiero (1) sonetto
p. 157 [238] Ne piovoso Orion; ne vento fiero (2) sonetto
Di m. Lodovico Dolce, all'illustrissimo s. Giovambattista Castaldo general di in Piemonte. Nella morte del marchese di Marignano
pp. 157-158 [239] Al cader del gran MEDICO, il sostegno (1) sonetto
Risposta dell'illustrissimo signore Giovambattista Castaldo al Dolce
p. 158 [240] Ben fià ver, che l'invitto alto sostegno (1) sonetto
Del s. Ferrante Carafa
p. 159 [241] Visto il vicario tuo, c'hor regna in terra (16) sonetto
p. 160 [242] Se la religion la santa fede (17) sonetto
p. 160 [243] Vieni o Signor, varca il gran Reno, et poi (18) sonetto
p. 161 [244] Da Filippo, e da te, Carlo et Fernando (19) sonetto
p. 161 [245] Visto Nettuno havendo, che i bei legni (20) sonetto
Epigramma
p. 162 [246] Quel, che non pregia altrui, sovente suole (21) distici
Elegia
p. 162 [247] Vaghe fiamme leggiadre ed amorose (22) distici
Epitalamio al s. Antonio Carafa duca di Mondragone, con la signora duchessa Hippolita Gonzaga
pp. 163-165 [248] Di manto la real bella Fenice (23) distici
Ode
pp. 165-168 [249] Con quai voci dirò, con quai parole? (24) ode
Ode
pp. 168-170 [250] Che scorgo, ahi lasso? ahi lasso, che scorgo io? (25) ode
p. 171 [251] Mille strali aventati havea già Morte (26) sonetto
Del s. Luigi Sances
p. 171 [252] Se chiusa fiamma, che tal'hor sfaville (1) sonetto
p. 172 [253] GLORIA maggior con l'herbe et co' liquori (2) sonetto
p. 172 [254] Sette et sei Lancie, et altrettante spade (3) sonetto
Risp. del s. Ferrante Carafa
p. 173 [255] Hor convien sol, ch'in pianto io mi distille (27) sonetto
Del s. Giovanni Antonio Serone
pp. 173-174 [256] Voi, cui le chiome spiega altere e belle (1) sonetto
Risp. del s. Ferrante Carafa
p. 174 [257] Io tacer mi devrei, poi che le belle (28) sonetto
Del s. Angelo Costanzo
p. 175 [258] Ministra al falso Dio l'Aquila impura (3) sonetto
p. 176 [259] Dell'età tua spuntava appena il fiore (4) sonetto
p. 176 [260] Quasi colomba immaculata et pura (5) sonetto
p. 177 [261] S'io cerco talhor porre al pianto freno (6) sonetto
p. 177 [262] Figlio, io non piango più; non che la voglia (7) sonetto
p. 178 [263] Vinca la tua pietade Alma felice (8) sonetto
p. 178 [264] Io ti produssi al Mondo, et poi fur tali (9) sonetto
p. 179 [265] Ne al merto tuo, ne a la pietà paterna (10) sonetto
p. 179 [266] NESTORE, al cui saper cesser gl'inganni (11) sonetto
p. 180 [267] Veggio ALESSANDRO il tuo spirto beato (12) sonetto
pp. 180-183 [268] Poi, che di sì profonda aspra ferita (13) canzone
p. 183 [269] Giunto per grave caso er'io vicino (14) sonetto
p. 184 [270] Forse saria tra l'anime beate (15) sonetto
p. 184 [271] Poi che voi et io varcate havremo l'onde (16) sonetto
p. 185 [272] Come il padre Noè nel cavo legno (17) sonetto
p. 185 [273] Forse (o che spero?) o mio lume fulgente (18) sonetto
p. 186 [274] Gia fù Capua gran tempo emula a Roma (19) sonetto
p. 186 [275] Qual dolcezza mandaste in mezo al core (20) sonetto
p. 187 [276] Tu te ne vai mio Sole, et io quì resto (21) sonetto
p. 187 [277] Questa è, Fortuna ria, quella ferita (22) sonetto
p. 188 [278] Come possibile è, dolente core (23) sonetto
Del s. Bernardino Rota
p. 189 [279] Schiera bella Real, di donne elette (2) sonetto
p. 190 [280] Padre felice santo a giorni nostri (3) sonetto
p. 190 [281] Amor, tu che 'l puoi fare, e tu che 'l sai (4) sonetto
p. 191 [282] Tu, ch'in vivi colori, et co' be' detti (5) sonetto
Del s. Giulio Cesare Caracciolo
p. 192 [283] Invitto Rè, sotto il cui santo impero (1) sonetto
p. 193 [284] De l'audace pensier supplicio degno (2) sonetto
p. 193 [285] Formò Pigmaleone il bel sembiante (3) sonetto
p. 194 [286] Co 'l Mondo tutto alzar ben ti devrei (4) sonetto
p. 194 [287] Vinse co 'l cor, co 'l senno, et con la spada (5) sonetto
p. 195 [288] Non perche sii cara a le Muse tanto (6) sonetto
p. 195 [289] Sacra Pietra del sacro eterno impero (7) sonetto
p. 196 [290] PAOLO vero fratel di Paolo, amato (8) sonetto
p. 196 [291] Vinse Paolo se stesso, e 'n santo ardore (9) sonetto
p. 197 [292] In forbito or la rena sua converse (10) sonetto
p. 197 [293] Ecco l'Iberno, ecco il Britanno altero (11) sonetto
p. 198 [294] Signor del Mondo, al cui santo pensiero (12) sonetto
p. 198 [295] Donna Real, nel cui divin sembiante (13) sonetto
p. 199 [296] Real CLARICE, al cui santo et materno (14) sonetto
p. 199 [297] Con quello ardor, ch'à ricovrato Regno (15) sonetto
p. 200 [298] Maggior lume celeste, Occhio del Mondo (16) sonetto
p. 200 [299] Leggiadra Ninfa, che del freddo Cielo (17) sonetto
p. 201 [300] Raggio gentil de la più chiara luce (18) sonetto
p. 201 [301] Non con herbe terrene, eterna Luce (19) sonetto
p. 202 [302] Giunto nel sacro tempio, al patrio loco (20) sonetto
p. 202 [303] Se sol con la ragione, Alma a Dio cara (21) sonetto
p. 203 [304] S'hor con gli sproni, hor con la sferza io tento (22) sonetto
p. 203 [305] Dolce soave bacio, onde sovente (23) sonetto
p. 204 [306] Corron gli occhi guidati dal desire (24) sonetto
p. 204 [307] Son duo begli occhi e strale et fiamma et laccio (25) sonetto
Di m. Antonio Terminio
p. 205 [308] Di fior vermigli adorna, in bianchi panni (54) sonetto
pp. 206-215 [309] Poscia che 'l mio maligno empio destino (55) ottava
p. 216 [310] A dir l'altrui mal fortunato amore (56) sonetto
p. 216 [311] Tu dunque fiamma mia vivace et lenta (57) sonetto
p. 217 [312] Vedi, se sta pur dura et ostinata (58) sonetto
p. 217 [313] Se per voi mille volte il giorno soglio (59) sonetto
p. 218 [314] Forse o Giove a pietà del fiero ardore (60) sonetto
p. 218 [315] Lagrime mie, sì dura et salda pietra (61) sonetto
p. 219 [316] Fieri messi d'Amor, Pensieri ardenti (62) sonetto
p. 219 [317] Poi che per me trovar non potea scampo (63) sonetto
p. 220 [318] Poi c'hebbe ardir quell'empia Donna ingrata (64) sonetto
p. 220 [319] Misero, afflitto cor, poi che ti spoglia (65) sonetto
p. 221 [320] LAURA gentil, che sol di schietto Lauro (66) sonetto
p. 221 [321] Se il tuo buon padre già (come si crede) (67) sonetto
p. 222 [322] Quando nel mar d'Amor mia Navicella (68) sonetto
p. 222 [323] Dopo' l'havermi tante volte in tanti (69) sonetto
p. 223 [324] Questo fido mio cor, semplice, et puro (70) sonetto
p. 223 [325] Almo, placido Dio, queto, et soave (71) sonetto
p. 224 [326] Come se per città, che mano hostile (72) sonetto
p. 224 [327] Ecco, che mi vedrete un'altra volta (73) sonetto
De la s. Laura Terracina
p. 225 [328] Potrò co 'l mirto mai, ne co 'l mio Lauro (1) sonetto
Del s. Marc'Antonio Plantedio Pirrone
p. 226 [329] Questa leggiadra et bella mia guerriera (1) sonetto
p. 227 [330] Come potuto havrei dal rio tormento (2) sonetto
p. 227 [331] Già lieto a la prigion d'Amore entrai (3) sonetto
p. 228 [332] Se quel grande animal, ch'India produce (4) sonetto
p. 228 [333] A l'apparir de' vostri raggi, o vivo (5) sonetto
De la s. Isabella di Morra
pp. 229-231 [334] Poscia, che al bel desir troncate hai l'ale (1) canzone
pp. 232-235 [335] Quel, che gli giorni a dietro (2) canzone
pp. 235-238 [336] Signor, che insino a quì (tua gran mercede) (3) canzone
p. 238 [337] Se a la propinqua speme nuovo impaccio (4) sonetto
p. 239 [338] Scrissi con stile amaro aspro e dolente (5) sonetto
Di Sertorio Pepe
pp. 204 (sc. 240)-243 [339] Amor, che già ne la magion penace (1) canzone
p. 243 [340] Poi che la luce de' tuoi giorni allegri (2) sonetto
Del s. Bernardino Rota al Pepe
p. 244 [341] Una chiusa bellezza è più soave (6) sonetto
Risposta
p. 244 [342] ROTA, e non fù giamai sdruscita nave (3) sonetto
p. 245 [343] Se come fior, che languidetto giace (7) sonetto
Risposta del s. Ferrante Carafa
p. 245 [344] Al tristo petto mio, che preme e sface (29) sonetto
Risp. del s. Ferrante Carafa
p. 246 [345] Ben so, c'havendo i sensi infermi et egri (30) sonetto
Di M. Antonio Epicuro
p. 247 [346] Qual và di Egitto per mirar le tante (1) sonetto
p. 248 [347] Questa, Donna real, vostra beltate (2) sonetto
p. 248 [348] Se fù miracol mai pur visto ò letto (3) sonetto
Del s. Ottaviano della Ratta gentil'huomo capuano
p. 249 [349] Alti monti, bei colli, amena valle (1) sonetto
p. 250 [350] Qual suol l'Aurora in su l'aprir del giorno (2) sonetto
p. 250 [351] Apollo, s'udir vuoi divini amori (3) sonetto
p. 251 [352] Un si gentil desio Donna in me nascie (4) sonetto
p. 251 [353] Del valor, che 'n costante alma dimora (5) sonetto
p. 252 [354] Lasso me, ch'io non provo hora tranquilla (6) sonetto
p. 252 [355] Se voi Giulia gentile unqua vedeste (7) sonetto
p. 253 [356] Lasso, ch'io ben m'accorgo, c'homai giunge (8) sonetto
p. 253 [357] Fra duo poggi di neve in chiusa valle (9) sonetto
p. 254 [358] L'alma mia Donna, che la pianta bella (10) sonetto
p. 254 [359] Vago augellin, ch'affabilmente suoli (11) sonetto
p. 255 [360] Oime la Donna mia, Oime il mio core (12) sonetto
p. 255 [361] Anime belle, al sommo Sol si grate (13) sonetto
p. 256 [362] Mentre fra gli alti, et honorati sassi (14) sonetto
p. 256 [363] Quando Signor l'alto rumor s'intese (15) sonetto
Alla s. Caterina Pellegrina
p. 257 [364] Se l'udir Donna il dolor vostro, e il pianto (16) sonetto
Risposta della s. Caterina Pellegrina
p. 257 [365] Non attende da me più lieto canto (1) sonetto
A m. Girolamo D'Aquino di Capua
p. 262 (sc. 258) [366] Opra la tua virtù, quanto conviensi (17) sonetto
Risposta
p. 262 (sc. 258) [367] Deh, meglio fia Signor, se da voi viensi (1) sonetto
p. 263 (sc. 259) [368] CORNELIO, io credo, che comun desio (18) sonetto
p. 263 (sc. 259) [369] Mentre Dafne a fuggir tutta si volse (19) sonetto
p. 260 [370] Se sempre teco Amor fui ne' prim'anni (20) sonetto
p. 260 [371] O tu, che miri il gran Mausoleo, e forse (21) madrigale
p. 261 [372] Spargete Donne di purpurei fiori (22) madrigale
Del s. fra Vincenzo d'Antignano di Capua
p. 258 (sc. 262) [373] Zefiro havea gia di nov'herbe e fiori (1) sonetto
p. 259 (sc. 263) [374] Ne la somma beltà del vostro viso (2) sonetto
p. 259 (sc. 263) [375] GIULIA, che nel bel volto impresso havete (3) sonetto
p. 264 [376] Duo lumi oltra misura ardenti e belli (4) sonetto
p. 264 [377] GIULIA: se 'n me pari al gran desio (5) sonetto
p. 265 [378] Poi che 'l spietato giogo, e 'l forte laccio (6) sonetto
p. 265 [379] Alto Signor, se ne l'età migliore (7) sonetto
p. 269 (sc. 266) [380] Padre del Ciel, la cui pietà infinita (8) sonetto
p. 269 (sc. 266) [381] Carco d'horror, tremante, et vergognoso (9) sonetto
p. 270 (sc. 267) [382] S'Amor non porge aita (10) madrigale
p. 270 (sc. 267) [383] Nuovo stral, nova fiamma, et nuovo laccio (11) sonetto
p. 268 [384] Alma gentil, che se da noi partita (12) sonetto
p. 268 [385] Amor, fortuna, e mia crudel ventura (13) sonetto
p. 259 (sc. 269) [386] S'io son morto, o s'io vivo (14) madrigale
p. 259 (sc. 269) [387] Hor, che nel Ciel son fermi i patti nostri (15) sonetto
Del s. Horatio Marchese di Capua
p. 265 (sc. 270) [388] Padre, che queste dolorose e amare (1) sonetto
p. 266 (sc. 271) [389] Questa, che cosi humile al mondo adorna (2) sonetto
Della s. Laura Terracina al s. Mattheo Montenero
p. 272 [390] Si vede apertamente ogn'hora, come (2) sonetto
Al medesimo
p. 273 [391] Il dolce canto di quel pascer nostro (3) ottava
Risposta del signor Mattheo Montenero alla s. Laura Terracina
p. 273 [392] Chi voglia ha di saper la morte, come (23) sonetto
Di Camillo Pellegrino
p. 274 [393] Era gia per lasciar freddo nel letto (1) sonetto
p. 275 [394] Se l'irata Giunon sino a l'inferno (2) sonetto
p. 275 [395] Quando Donna gentil l'alto splendore (3) sonetto
Di m. Lodovico Corfino veronese al reverendiss. cardinal di Mantova
p. 276 [396] Pastor, che lungo le fiorite sponde (1) sonetto
Al reverendiss. cardinal Carafa
p. 277 [397] Signor, ne la cui destra armato porse (2) sonetto
Al magnifico m. Luca Grimaldi
p. 277 [398] Luce altera del mar; che d'oriente (3) sonetto
Al clariss. m. Ruffin Campagna cavalliere et dottore
p. 278 [399] Spirto gentil, cui le benigne stelle (4) sonetto
p. 278 [400] ORSA gentil, quanto diversa fai (5) sonetto
p. 279 [401] O se ne le selvose aspre contrade (6) sonetto
p. 279 [402] ORSA con pace di Giunon, amata (7) sonetto
p. 280 [403] LAURA celeste, che si dolcemente (8) sonetto
p. 280 [404] Piova sangue, et dal Ciel cada ogni stella (9) sonetto
p. 281 [405] Se viver voglio, et obliar gli amari (10) sonetto
p. 281 [406] Di che debb'io temer seguendo quella (11) sonetto
p. 282 [407] L'incolte piagge, et l'horride montagne (12) sonetto
p. 282 [408] Gran miracol natura hoggi n'ha mostro (13) sonetto
p. 283 [409] Desto da lungo sonno io veggio intorno (14) sonetto
p. 283 [410] Ai come ratto se ne porta il Sole (15) sonetto
p. 284 [411] Qual fu l'obietto suo, quando creasti (16) sonetto
Al reverendissimo di Verona
p. 284 [412] O di Parnaso habitatrice, o Dea (17) sonetto
p. 285 [413] Io pur mi sto fra le noiose piume (18) sonetto
p. 285 [414] Mentre Ameto ne và di piaggia, in piaggia (19) sonetto
p. 286 [415] Signor, ch'entrando il periglioso chiostro (20) sonetto
Al reverendo m. Adamo Canonico
p. 286 [416] Se stato fosse il padre antico Adamo (21) sonetto
Al magnifico m. Polo Vinaldo
p. 287 [417] Non piu risguarda il marinaro accorto (22) sonetto
A m. Gioseppe Olivo
p. 287 [418] Ben veggio Apollo, quant'honori, et ami (23) sonetto
Nella morte de la s. Aquilina Prandina
p. 288 [419] L'Aquila è gita al Ciel, ne piange amore (24) sonetto
p. 288 [420] Fabrica gli animai l'alma natura (25) sonetto
p. 289 [421] Rapido fiume, chete, et lucid'onde (26) sonetto
p. 289 [422] Noce frondosa, che le braccia stendi (27) sonetto
p. 190 (sc. 290) [423] Lucide stelle ardenti (28) madrigale