VE1558-Fiori /1

Angelo di Costanzo
p. 15 [1] Alpestra, e dura selce, onde il focile (1) sonetto
p. 16 [2] Ne l'assedio crudel, che l'empia sorte (2) sonetto
p. 16 [3] Mancheran prima al mare i pesci, e l'onde (3) sonetto
p. 17 [4] Chiaro mio Sol, se più, ch'io non vorrei (4) sonetto
p. 17 [5] Del Re de i monti à la sinistra sponda (5) sonetto
p. 18 [6] Dal pigro sonno, ove più mesi involto (6) sonetto
p. 18 [7] Come talhor s'à debil pellegrino (7) sonetto
p. 19 [8] Per non mirare il divin vostro aspetto (8) sonetto
p. 19 [9] Italia tutta, e ciascun'altra parte (9) sonetto
p. 20 [10] Chiuder non posso à quel pensier le porte (10) sonetto
p. 20 [11] S'alcuna volta avien, ch'io d'arder tente (11) sonetto
p. 21 [12] Quest'è, Fortuna ria, quella ferita (12) sonetto
p. 21 [13] Poi, che voi et io varcate havremo l'onde (13) sonetto
p. 22 [14] Come il Padre Noè nel cavo legno (14) sonetto
p. 22 [15] Come s'in mezo un dì chiaro, e sereno (15) sonetto
p. 23 [16] Quando al bel volto, d'ogni gratia adorno (16) sonetto
p. 23 [17] S'amate, almo mio Sol, ch'io canti ò scriva (17) sonetto
p. 24 [18] Mentr'io scrivo di voi, dolce mia Morte (18) sonetto
p. 24 [19] Credo, ch'à voi parrà, fiamma mia viva (19) sonetto
p. 25 [20] Quando dal Gange un dì Sole uscirai (20) sonetto
p. 25 [21] Del foco, che dal ciel Prometeo tolse (21) sonetto
p. 26 [22] Ricca nave, dal porto à pena uscita (22) sonetto
p. 26 [23] Vani, e sciocchi, non men ch'egri, e dolenti (23) sonetto
p. 27 [24] Quella cetra gentil, che 'n sù la riva (24) sonetto
p. 27 [25] Cigni felici, che le rive, e l'acque (25) sonetto
p. 28 [26] Gloria del Secol nostro, invitto, e raro (26) sonetto
p. 28 [27] Poi, ch'al vostro sparir'oscura, e priva (27) sonetto
p. 29 [28] Novo pensier, che con sì dolci accenti (28) sonetto
p. 29 [29] L'Alpe inaccessa, che con grave affanno (29) sonetto
p. 30 [30] Questa luce, dal ciel di novo uscita (30) sonetto
p. 30 [31] Poi, ch'è già ver, ch'ad intelletto umano (31) sonetto
p. 31 [32] La fama in celebrar'or questa or quella (32) sonetto
p. 31 [33] Donna, à mostrar di Dio la gloria, eletta (33) sonetto
p. 32 [34] Non con tanta ira sparse il fiero Erode (34) sonetto
p. 32 [35] Mentre à mirar la vera, et infinita (35) sonetto
p. 33 [36] Se talhor la ragion l'arme riprende (36) sonetto
p. 33 [37] Mentre io scrivo di voi, dolce mia morte (37) sonetto
p. 34 [38] L'eccelse imprese, e gl'immortai Trofei (38) sonetto
p. 34 [39] Penna infelice, e mal gradito ingegno (39) sonetto
p. 35 [40] Se non siete empia Tigre in volto umano (40) sonetto
p. 35 [41] Fatta contra se stessa iniqua e dura (41) sonetto
p. 36 [42] Parto, e non già da voi, però, che unita (42) sonetto
p. 36 [43] Tra 'l vasto grembo, e la superba faccia (43) sonetto
p. 37 [44] Io piango in questo essilio, e non aspetto (44) sonetto
p. 37 [45] Che m'habbia infin'à qui l'intensa doglia (45) sonetto
p. 38 [46] Poi, ch'al partir fu sì veloce, e presta (46) sonetto
p. 38 [47] In quella Patria, che con tanto affanno (47) sonetto
p. 39 [48] Desiai morte, e con pietosi accenti (48) sonetto
p. 39 [49] Che Perseo, un tempo, qual Mercurio alato (49) sonetto
p. 40 [50] Occhi, che fia di voi, poi ch'io non spero (50) sonetto
p. 40 [51] Quando il bel viso, in cui rose, e viole (51) sonetto
p. 41 [52] Già conosco io, felice, e ben nat'alma (52) sonetto
p. 41 [53] Nullo accidente, ò mia fiamma vivace (53) sonetto
p. 42 [54] Donna di quante sono, ò saran mai (54) sonetto
p. 42 [55] Qual dolcezza mandaste in mezo il core (55) sonetto
p. 43 [56] Ahi dolcezza fallace, e fuggitiva (56) sonetto
p. 43 [57] Qualhor l'età, che sì veloce arriva (57) sonetto
p. 44 [58] Mal fù per me quel dì, che l'infinita (58) sonetto
p. 44 [59] Chi vede gli occhi vostri, e di vaghezza (59) sonetto
p. 45 [60] Poi, che col vostro eccelso, e sovr'umano (60) sonetto
p. 45 [61] Gli occhi, che volse quel gran Mastro eterno (61) sonetto
p. 46 [62] Con che nova arte, Amor, l'empia tua mano (62) sonetto
p. 46 [63] Tento, dolce mio ben, già col pensiero (63) sonetto
p. 47 [64] Odo sin quì, Signor, le Donne Alpine (64) sonetto
p. 47 [65] Poi c'hai del sangue mio sete sì ardente (65) sonetto
p. 48 [66] Come nel vasto, e tempestoso Eusino (66) sonetto
p. 48 [67] Ove, nobil mia fiamma , ove n'è gita (67) sonetto
Annibal Caro
p. 49 [68] Se l'onorata pianta, onde superba (1) sonetto
p. 50 [69] Egro già d'anni, e più di colpe grave (2) sonetto
p. 50 [70] Eran Teti et Giunon tranquille, e chiare (3) sonetto
p. 51 [71] Fosca, e torbida or sia, quella, che chiara (4) sonetto
p. 51 [72] Quì giace il Molza, à sì gran nome sorga (5) sonetto
p. 52 [73] Donna di chiara antica nobiltate (6) sonetto
p. 52 [74] Chiaro è 'l Sol vostro, e voi piu chiaro il fate (7) sonetto
p. 53 [75] Per dir non cresce, e per tacer non cessa (8) sonetto
p. 53 [76] Ò del terreno Giove altero figlio (9) sonetto
p. 54 [77] Ecco, ch'al fin da la celeste porta (10) sonetto
p. 54 [78] La Sena, e l'Arno gian torbidi, e lenti (11) sonetto
p. 55 [79] Vinto havea 'l mondo, e vinta havea se stessa (12) sonetto
p. 55 [80] Vibra pur la tua sferza, e mordi il freno (13) sonetto
pp. 56-59 [81] Ne l'apparir del giorno (14) canzone
pp. 59-61 [82] Pellegrina Fenice in mezo un foco (15) sestina doppia
pp. 61-63 [83] Amor, che fia di noi? se non si sface (16) canzone
pp. 64-67 [84] Venite à l'ombra de i gran Gigli d'oro (17) canzone
p. 68 [85] Nè veder basso altrui, nè voi sì altero (18) sonetto
p. 68 [86] O d'umana beltà caduchi fiori (19) sonetto
p. 69 [87] Non puo gir vosco, altera Aquila, à volo (20) sonetto
p. 69 [88] Tu Guidiccion sei morto? tu, che solo (21) sonetto
p. 70 [89] Dopo tanti trionfi, e tante imprese (22) sonetto
p. 70 [90] Questo al buon Guidiccion solenne, e sacro (23) sonetto
Anton Francesco Rainieri
p. 71 [91] Se da' begli occhi vostri, in cui si mira (1) sonetto
p. 72 [92] Voi, che sì bei pensier dentro movete (2) sonetto
p. 72 [93] Alma leggiadra in sottil velo involta (3) sonetto
p. 73 [94] Celeste forma, anzi lucente stella (4) sonetto
p. 73 [95] Al pianto, à quei sospir vivi, e cocenti (5) sonetto
p. 74 [96] Ecco l'alma del ciel candida Aurora (6) sonetto
p. 74 [97] Gia con le gemme intorno, e con gli odori (7) sonetto
p. 75 [98] Non così dolci son l'aure odorate (8) sonetto
p. 75 [99] Qual di Cigno la piuma, eran d'Iola (9) sonetto
p. 76 [100] O scelto à sostener su 'l dorso quella (10) sonetto
p. 76 [101] Questa fera gentil, che scherza, e fugge (11) sonetto
p. 77 [102] Le prime nevi, e i Gigli ancor non colti (12) sonetto
p. 77 [103] Amore, ond'è, ch'entro 'l mio petto io senta (13) sonetto
p. 78 [104] Lasso, quand'io, là 've 'l pensier mi guida (14) sonetto
p. 78 [105] Pacini, allor, che stanco il Sol si sente (15) sonetto
p. 79 [106] Era tranquillo il mar; le selve, e i prati (16) sonetto
p. 79 [107] Nel mar, che varchi, à più gran rischio vanno (17) sonetto
p. 80 [108] Voi, che qual giovinetto Ercole, haveste (18) sonetto
p. 80 [109] Da quel, che 'n cima à Pindo, ò in riva à l'onde (19) sonetto
p. 81 [110] Gia sotto' al peso rio d'armati legni (20) sonetto
p. 81 [111] Quel, ch'à pena fanciul torse con mano (21) sonetto
p. 82 [112] Questa nova del ciel felice Stella (22) sonetto
p. 82 [113] Come piena d'umor puro, e celeste (23) sonetto
p. 83 [114] In riva al Tebro altier sù 'l manco lato (24) sonetto
p. 83 [115] O de' terreni, e de i celesti honori (25) sonetto
p. 84 [116] Ben si vede, Signor, la vostra mente (26) sonetto
p. 84 [117] Mentr'arma il Parto, e navi orna, e raccoglie (27) sonetto
p. 85 [118] Come talhor, se dal bel Cinto scende (28) sonetto
p. 85 [119] Lungi, Signor, da i vostri accesi lumi (29) sonetto
p. 86 [120] La Donna già, che da l'eterno bene (30) sonetto
p. 86 [121] Qual mai più fide, e più secure scorte (31) sonetto
p. 87 [122] A l'alta fama, che di voi ragiona (32) sonetto
p. 87 [123] Se da l'empito può d'orridi venti (33) sonetto
p. 88 [124] Se d'Elena à ritrar la forma, volse (34) sonetto
p. 88 [125] Sacro Signor, che l'una e l'altra mano (35) sonetto
p. 89 [126] Ben traluce, Signor, l'alto pensiero (36) sonetto
p. 89 [127] Chiari celesti lumi il nostro Polo (37) sonetto
p. 90 [128] Voi, che 'l nome, et gli onori, il volto, e gli anni (38) sonetto
p. 90 [129] Sacro Signor, che 'n sù l'altere sponde (39) sonetto
p. 91 [130] Lungi dal mio sì giovinetto crine (40) sonetto
p. 91 [131] ORSO, ond'avien, che i vostri alti pensieri (41) sonetto
p. 92 [132] ORSO, del mio camin fidata scorta (42) sonetto
pp. 92-93 [133] Già disfatte ha le nevi intorno il Sole (43) sestina
Bernardino Rota
p. 94 [134] Come talhor, se di Nettuno aviene (1) sonetto
p. 95 [135] La Dea di Pafo in così bel sembiante (2) sonetto
p. 95 [136] Pianse vedova Roma, e ben si dolse (3) sonetto
p. 96 [137] Tu seconda VITTORIA, alta Colonna (4) sonetto
p. 96 [138] Piansi del cor l'essilio lungo, e grave (5) sonetto
p. 97 [139] Sì come per veder l'eterna vita (6) sonetto
p. 97 [140] L'oro, l'ostro, i rubin, le perle, e 'l Sole (7) sonetto
p. 98 [141] Che v'habbia, ò d'honestate, e di bellezza (8) sonetto
p. 98 [142] Quel dì, che voi, Signor, di gloria adorno (9) sonetto
p. 99 [143] Fu gran pietà, Spirto real, la vostra (10) sonetto
p. 99 [144] Se forse per pietà di chi vi mira (11) sonetto
p. 100 [145] L'amico stuol di Dio, quando à le spalle (12) sonetto
p. 100 [146] Era la notte, e di fin'oro adorno (13) sonetto
p. 101 [147] Lumi del ciel, che fate invidia al Sole (14) sonetto
p. 101 [148] Vide Morte i begli occhi ir vincitori (15) sonetto
p. 102 [149] Quando il più degno mio novo Torquato (16) sonetto
p. 102 [150] Come di Libia le minute arene (17) sonetto
p. 103 [151] Quanto debbo al pensier, di cui nudrisco (18) sonetto
p. 103 [152] Chiara Angeletta da' beati Cori (19) sonetto
p. 104 [153] Se de l'occhio del ciel l'alma gran luce (20) sonetto
p. 104 [154] Non è d'esca mortal quel dolce ardore (21) sonetto
p. 105 [155] Ò due Muse, ò due Gratie, ò due Fenici (22) sonetto
p. 105 [156] Ben'è d'alpestra vena il duro scoglio (23) sonetto
p. 106 [157] Il quinto lustro, ò Sol, già chiude, e gira (24) sonetto
p. 106 [158] O d'alme illustri eletti incliti Cori (25) sonetto
Bernardino Tomitano
p. 107 [159] BEMBO divin, che con sì lieti passi (1) sonetto
p. 108 [160] Torneran prima à le lor'alte fonti (2) sonetto
p. 108 [161] Questa bella d'Amor nemica, e mia (3) sonetto
p. 109 [162] Quel, che con infinito, alto governo (4) sonetto
p. 109 [163] Dolce nemica mia, perche v'armate (5) sonetto
pp. 110-113 [164] A qual dolcezza il mio gioir s'agguaglia (6) canzone
pp. 113-116 [165] Dolce guerra d'Amore, e dolce pace (7) capitolo in terza rima
pp. 117-118 [166] Non sì rapidamente vola il Cielo (8) sestina
p. 118 [167] Folgorava de gli occhi il guardo adorno (9) sonetto
p. 119 [168] Cantai, or piango, che 'l mio vivo Sole (10) sonetto
p. 119 [169] Caro nodo d'or fin, negletto ad arte (11) sonetto
p. 120 [170] Speme, che con fallaci, e pellegrine (12) sonetto
p. 120 [171] Ò maligna, ò crudele, ò di dolore (13) sonetto
Claudio Tolomei
p. 121 [172] Poi ch'Amarilli sua fugace, e bella (1) sonetto
p. 122 [173] Deh quando fia quel dì, che da l'interno (2) sonetto
p. 122 [174] Quando al mio ben Fortuna aspra, e molesta (3) sonetto
p. 123 [175] I sospiri amorosi, che 'l mio core (4) sonetto
p. 123 [176] Deh lascia, Signor mio, girsene homai (5) sonetto
p. 124 [177] In qual parte mi sprona Amore il passo (6) sonetto
p. 124 [178] Dal cerchio, che più largo intorno gira (7) sonetto
pp. 125-131 [179] De la beltà, che Dio larga possiede (8) ottava
pp. 131-133 [180] Chi non sa ben, com'una fiera Donna (9) sestina doppia
Il cavalier Salvago
p. 134 [181] Belle fiamme d'Amore, e d'onestate (1) sonetto
p. 135 [182] Alta, rara d'Amor gioia verace (2) sonetto
p. 135 [183] Oggi sì vagamente io veggia l'onde (3) sonetto
p. 136 [184] Con gli occhi nò, con l'alma a morte offesa (4) sonetto
p. 136 [185] Se chi la deitade alma, et eterna (5) sonetto
p. 137 [186] Mentre i suoi primi onor cerca, e sospira (6) sonetto
p. 137 [187] Presso era poco or me n'aveggio, ardente (7) sonetto
p. 138 [188] Spirto gentil, ch'a' bei celesti giri (8) sonetto
p. 138 [189] Se negò il corso antico, e le bell'acque (9) sonetto
p. 139 [190] Aura, che scherzi in questi mirti, e 'n quelli (10) sonetto
p. 139 [191] Ecco, ò nativi monti, ò patrie rive (11) sonetto
pp. 140-142 [192] Deh lascia l'antro ombroso (12) canzone
Bernardo Capello
p. 143 [193] Se 'n te siede pietà, quanta possanza (1) sonetto
p. 144 [194] Deh non voler Signor, che le più belle (2) sonetto
p. 144 [195] S'altro lume non è, che infiammi, ò mostre (3) sonetto
p. 155 (sc. 145) [196] Nè per orgoglio mai, nè per vostr'ire (4) sonetto
p. 155 (sc. 145) [197] Duo Poli ha il Cielo, e l'uno, e l'altro degno (5) sonetto
p. 156 (sc. 146) [198] Poi ch'è pur ver, ch'i duo bei lumi santi (6) sonetto
p. 156 (sc. 146) [199] Nè perch'esperto sia per molti danni (7) sonetto
p. 157 (sc. 147) [200] Quando l'umana spetie ad ira mosse (8) sonetto
p. 157 (sc. 147) [201] Apra, sì come al dolce tempo suole (9) sonetto
pp. 158 (sc. 148)-150 [202] Dolce pensier, che le mie acerbe pene (10) canzone
Benedetto Varchi
p. 151 [203] Santa madre d'Amor, che inerbi, e infiori (1) sonetto
p. 162 (sc. 152) [204] Il medesimo Amor credo che sia (2) sonetto
p. 162 (sc. 152) [205] Nasci, e venendo inanzi un giorno mena (3) sonetto
p. 163 (sc. 153) [206] Or, che al più lungo, e più cocente giorno (4) sonetto
p. 163 (sc. 153) [207] Invittissimo Duce, il cui valore (5) sonetto
p. 154 [208] Seguite prego, e non con passo lento (6) sonetto
p. 154 [209] Chiaro Signor, d'ogni virtute acceso (7) sonetto
Il conte Giovambattista Brembato
p. 155 [210] CARLO Quinto African, ch'or ti prepari (1) sonetto
p. 166 (sc. 156) [211] De le gemme, e de l'or caduca gloria (2) sonetto
pp. 166 (sc. 156)-159 [212] Sorgi dal petto mio (3) canzone
Bernardo Tasso
p. 170 (sc. 160) [213] Sommo Sol, da cui raggi ardenti, e chiari (1) sonetto
p. 171 (sc. 161) [214] Sacro arboscel, che 'l glorioso nome (2) sonetto
p. 171 (sc. 161) [215] Apriche piagge, ombrosi colli ameni (3) sonetto
p. 172 (sc. 162) [216] Tor ben potrete Donna il rezo, e l'ora (4) sonetto
p. 172 (sc. 162) [217] Deh, perche Morte mia non date al vero (5) sonetto
p. 173 (sc. 163) [218] Questa Donna gentil, che sola, e lieta (6) sonetto
p. 173 (sc. 163) [219] Vesta di bei smiraldi ambe le sponde (7) sonetto
p. 174 (sc. 164) [220] Come fido animal, ch'al suo Signore (8) sonetto
p. 174 (sc. 164) [221] Ecco, ch'Amor ritorna irato, e fiero (9) sonetto
p. 175 (sc. 165) [222] Poi, che la parte men perfetta, e bella (10) sonetto
pp. 175 (sc. 165)-179 (sc. 169) [223] Almo mio Sol, che col bel crine aurato (11) canzone
Domenico Veniero
p. 175 (sc. 170) [224] Non ha tante, quant'io pene, e tormenti (1) sonetto
p. 181 (sc. 171) [225] Ahi chi mi rompe il sonno? ahi chi mi priva (2) sonetto
p. 181 (sc. 171) [226] Ove fuggi crudele? ahi, che fuggendo (3) sonetto
p. 182 (sc. 172) [227] O più, ch'altra giamai cruda, e rubella (4) sonetto
p. 182 (sc. 172) [228] Veggio pur quant'io bramo, or le due Stelle (5) sonetto
p. 183 (sc. 173) [229] Poscia c'hai rotto quella intera fede (6) sonetto
p. 183 (sc. 173) [230] Sciolto quel nodo, e quella fiamma spenta (7) sonetto
p. 184 (sc. 174) [231] Verdeggiavano intorno i boschi, e i prati (8) sonetto
p. 184 (sc. 174) [232] L'arco di quelle ciglia, à cui son gli occhi (9) sonetto
p. 185 (sc. 175) [233] Come in voi gloriosa alma Fenice (10) sonetto
p. 185 (sc. 175) [234] V'amo Donna, e di me, sol perch'io v'amo (11) sonetto
p. 186 (sc. 176) [235] Se beltà, se virtù, se cortesia (12) sonetto
p. 186 (sc. 176) [236] Quest'è quel, ch'i duo Serpi infante uccise (13) sonetto
p. 177 [237] Ò che bello, ò che dolce, ò che soave (14) sonetto
p. 177 [238] Nè sì dolce com'or, nè sì cortese (15) sonetto
p. 178 [239] Nò, ch'io no 'l dissi mai Donna gradita (16) sonetto
p. 178 [240] Deh perche tanto, e con sì caldo affetto (17) sonetto
p. 179 [241] Caro, ben certo à par de' più graditi (18) sonetto
p. 179 [242] Vattene FEDERICO ove t'invia (19) sonetto
p. 180 [243] Misero, che far debbo? oggi ha 'l terz'anno (20) sonetto
p. 180 [244] Sol, da cui solo il Sol, ch'à noi risplende (21) sonetto
p. 181 [245] Scaccia lungi da me Padre superno (22) sonetto
p. 181 [246] Cangia prego Signor mia guerra in pace (23) sonetto
p. 182 [247] Lagrime, ch'eran fiumi, e sospir, quanti (24) sonetto
p. 182 [248] Non punse, arse, o legò stral, fiamma, o laccio (25) sonetto
p. 183 [249] Dolce mio, caro, e pretioso albergo (26) sonetto
p. 183 [250] Quanto piu questa carne afflitta, e stanca (27) sonetto
p. 184 [251] Poi che pianti, e sospir gravi, e dolenti (28) sonetto
p. 184 [252] Come scese dal ciel questa Angeletta (29) sonetto
p. 185 [253] O mia morte, e mia vita, esca del core (30) sonetto
p. 185 [254] M'arde, impiaga, ritien, squarcia, urta, e preme (31) sonetto
p. 186 [255] Sì come scoglio a l'impeto de l'onde (32) sonetto
p. 186 [256] Cadde il BEMBO, e cader seco fu visto (33) sonetto
p. 187 [257] Dunque ogni stil del glorioso, e chiaro (34) sonetto
p. 187 [258] Scossa de la mortal gravosa salma (35) sonetto
p. 188 [259] Se da questo mortal breve soggiorno (36) sonetto
p. 188 [260] Morto il Bembo la terra, e 'l ciel s'aprio (37) sonetto
p. 189 [261] Giovane illustre, alteramente nato (38) sonetto
p. 189 [262] Chi nel dubbio camin di questa vita (39) sonetto
p. 190 [263] Anima, ch'a pensier leggiadri, e casti (40) sonetto
p. 190 [264] Qual più saldo, gelato, e sciolto core (41) sonetto
Ferrante Carrafa
p. 191 [265] Il Sol, per ch'io perdei me stesso, e Amore (1) sonetto
p. 192 [266] Quando da bei vostr'occhi il di vien fuori (2) sonetto
p. 192 [267] Qual nome, qual trofeo, qual palma, e quale (3) sonetto
p. 193 [268] Quella beltà, ch'à la più interna parte (4) sonetto
p. 193 [269] Quel candido Armellin, che fa le sponde (5) sonetto
p. 194 [270] Avezzianci à morir, poi che la Morte (6) sonetto
p. 194 [271] AVILA, che de l'Aquila piu altera (7) sonetto
p. 195 [272] L'alte piaghe infinite, che tanti anni (8) sonetto
p. 195 [273] Da la vorace Scilla il debil legno (9) sonetto
p. 196 [274] Se per illuminar l'antiche carte (10) sonetto
p. 196 [275] Umile d'acque, e di trionfi altero (11) sonetto
p. 197 [276] Italia mia via più di quel, che in carte (12) sonetto
p. 197 [277] AVALO mio, la tua vittoria ha 'l mondo (13) sonetto
p. 198 [278] Bembo, quando io credea, che 'l raro, e santo (14) sonetto
p. 198 [279] Come per farsi una ghirlanda intorno (15) sonetto
p. 199 [280] Se di Pescara, e del gran Vasto havete (16) sonetto
p. 199 [281] Gli Angeli eletti, e gli altri spirti rari (17) sonetto
p. 200 [282] Ruppi i metalli, i marmi, e i sacri tempi (18) sonetto
p. 200 [283] Non l'arte del nocchier, non il governo (19) sonetto
p. 201 [284] Questo tanto ad ogn'hor languendo darsi (20) sonetto
pp. 201-208 [285] Italia mia, poi che 'l destin fatale (21) canzone
Francesco Maria Molza
p. 193 (sc. 209) [286] Anni vent'uno ha già rivolto il cielo (1) sonetto
p. 194 (sc. 210) [287] Alto silentio, ch'à pensar mi tiri (2) sonetto
p. 194 (sc. 210) [288] Donna, nel cui splendor chiaro, e divino (3) sonetto
p. 195 (sc. 211) [289] Doman vedrò, s'io non m'inganno, ò Sole (4) sonetto
p. 195 (sc. 211) [290] Come stella, che fuor de l'Oceano (5) sonetto
p. 196 (sc. 212) [291] Gite coppia gentile, e 'l bel sommesso (6) sonetto
p. 196 (sc. 212) [292] Licida acceso, e Filli, d'uno amore (7) sonetto
p. 197 (sc. 213) [293] SORANZO, ch'ora in seggio altero assiso (8) sonetto
p. 197 (sc. 213) [294] Come cerva, cui sete in sù l'Aurora (9) sonetto
p. 198 (sc. 214) [295] Signor, le piaghe, onde 'l tuo vago aspetto (10) sonetto
p. 198 (sc. 214) [296] S'io 'l dissi, che dal ciel sovra me scenda (11) sonetto
p. 199 (sc. 215) [297] Guidiccion, che con saldo, invitto piede (12) sonetto
p. 199 (sc. 215) [298] Se rotta l'asta del crudel Tiranno (13) sonetto
p. 200 (sc. 216) [299] Io pur doveva il mio bel Sole, io stesso (14) sonetto
p. 200 (sc. 216) [300] Ben'hebbe il cielo à l'onorato Impero (15) sonetto
p. 201 (sc. 217) [301] Gandolfo, che lontan dal patrio nido (16) sonetto
p. 201 (sc. 217) [302] Visto havea 'l Tebro GIULIA, in cui Natura (17) sonetto
p. 202 (sc. 218) [303] Novello Sole, in cui s'uniro i raggi (18) sonetto
p. 202 (sc. 218) [304] Perche nel mar'ogni suo rivo altero (19) sonetto
p. 203 (sc. 219) [305] Altero fiume, che à Fetonte involto (20) sonetto
p. 203 (sc. 219) [306] La bella Donna, di cui già cantai (21) sonetto
p. 204 (sc. 220) [307] Amor, che vedi i più chiusi pensieri (22) sonetto
p. 204 (sc. 220) [308] Tu, ch'al ciel tolto gloriosa fede (23) sonetto
p. 205 (sc. 221) [309] Cortese aspira a i desir nostri o Giove (24) sonetto
p. 205 (sc. 221) [310] Eterno foco, e piu d'ogn'altro grato (25) sonetto
p. 206 (sc. 222) [311] O te, qual Dea debbiam chiamarti homai (26) sonetto
p. 206 (sc. 222) [312] Agno puro di Dio, che gli alti campi (27) sonetto
p. 207 (sc. 223) [313] Voce, che scossa del bel velo umano (28) sonetto
p. 207 (sc. 223) [314] Nè giglio posto ad un bel rio vicino (29) sonetto
p. 208 (sc. 224) [315] I miei lieti, felici, e dolci amori (30) sonetto
p. 208 (sc. 224) [316] Mentr'io men gia d'Amor libero, e sciolto (31) sonetto
p. 209 (sc. 225) [317] Santa, sacra, celeste, e sola imago (32) sonetto
p. 209 (sc. 225) [318] Donna, ch'ogni felice, e chiaro ingegno (33) sonetto
p. 210 (sc. 226) [319] CARO, che quanto scopre il nostro polo (34) sonetto
p. 210 (sc. 226) [320] Il cangiar dolce del celeste viso (35) sonetto
p. 211 (sc. 227) [321] Qual vago fior, che sottil pioggia ingombra (36) sonetto
p. 211 (sc. 227) [322] Alma Fenice, che dal sacro nido (37) sonetto
p. 212 (sc. 228) [323] Anima bella, e di quel numer'una (38) sonetto
p. 212 (sc. 228) [324] Torbida imago, e ne l'aspetto scura (39) sonetto
p. 213 (sc. 229) [325] Qual vaghezza, ò furor ti prese, ò Morte (40) sonetto
p. 213 (sc. 229) [326] Qual si vede cader dal ciel repente (41) sonetto
p. 214 (sc. 230) [327] Come testo di vaghi, e lieti fiori (42) sonetto
p. 214 (sc. 230) [328] Signor, sotto 'l cui fermo, e santo Impero (43) sonetto
p. 215 (sc. 231) [329] Dormiva Amor entro 'l bel seno accolto (44) sonetto
p. 215 (sc. 231) [330] Nè mai racemi ne l'estivo ardore (45) sonetto
p. 216 (sc. 232) [331] Alma, che già ne la tua verde etade (46) sonetto
p. 216 (sc. 232) [332] Signor, se à gli onorati, e bei desiri (47) sonetto
p. 217 (sc. 233) [333] Se 'l Sol tra quanto il suo bel carro gira (48) sonetto
p. 217 (sc. 233) [334] Poi ch'al voler di chi nel sommo regno (49) sonetto
p. 218 (sc. 234) [335] L'atto avante havrò sempre, in che onestade (50) sonetto
p. 218 (sc. 234) [336] SCIPIO, che lungi dal tuo patrio lido (51) sonetto
p. 219 (sc. 235) [337] Donna, che per sanar l'aspre ruine (52) sonetto
p. 219 (sc. 235) [338] Due continenti in forma umana volti (53) sonetto
p. 220 (sc. 236) [339] È pur caduta la tua gloria, ahi lasso (54) sonetto
p. 220 (sc. 236) [340] Torna Amore à l'aratro, e i sette colli (55) sonetto
p. 221 (sc. 237) [341] Piangi Secol noioso, et d'orror pieno (56) sonetto
p. 221 (sc. 237) [342] Altero sasso, lo cui giogo spira (57) sonetto
p. 222 (sc. 238) [343] Invido Sol, se le due chiare stelle (58) sonetto
p. 222 (sc. 238) [344] Quando fra l'altre donne altera giunge (59) sonetto
p. 223 (sc. 239) [345] Da la più ricca vena il più pregiato (60) sonetto
p. 223 (sc. 239) [346] Gli occhi leggiadri, e di luci ebbri ardente (61) sonetto
p. 224 (sc. 240) [347] Talhor Madonna folgorando move (62) sonetto
p. 224 (sc. 240) [348] Mentre me verso il bel Gorgoneo fonte (63) sonetto
p. 225 (sc. 241) [349] Poi che pasca de' cieli il grande erede (64) sonetto
p. 225 (sc. 241) [350] Poscia che quì la mia Ninfa si giacque (65) sonetto
p. 226 (sc. 242) [351] Signor, se miri à le passate offese (66) sonetto
p. 226 (sc. 242) [352] Gigli, rose, viole, amomo, acanti (67) sonetto
p. 227 (sc. 243) [353] Candida perla, e nata in dura parte (68) sonetto
p. 227 (sc. 243) [354] Cedi pur giorno, e men volgendo altero (69) sonetto
p. 228 (sc. 244) [355] Per trovar co' begli occhi vostri pace (70) sonetto
p. 228 (sc. 244) [356] Per farsi bella ne' vostri occhi Morte (71) sonetto
p. 229 (sc. 245) [357] Le fresche guance, e 'l bel sembiante umile (73) sonetto
p. 229 (sc. 245) [358] L'aurato pomo, la cui pianta cinse (73) sonetto
p. 230 (sc. 246) [359] Dietro un bel cespo di fioretti adorno (74) sonetto
p. 230 (sc. 246) [360] Donna, che pieno il bel virginal chiostro (75) sonetto
p. 231 (sc. 247) [361] Dolci, ben nati, amorosetti fiori (76) sonetto
p. 231 (sc. 247) [362] Del gran foco, ch'ogn'hor mi struggo, e pero (77) sonetto
p. 232 (sc. 248) [363] Lo schietto drappo, di cui gire altero (78) sonetto
p. 232 (sc. 248) [364] La nobil pianta, che le prime prove (79) sonetto
p. 233 (sc. 249) [365] La bella Donna, che dal sonno desto (80) sonetto
p. 233 (sc. 249) [366] Ò nata fra gli Amori; ò novo fiore (81) sonetto
p. 234 (sc. 250) [367] Co' desir tutti à i patrij lidi intenti (82) sonetto
p. 234 (sc. 250) [368] Come Pastor sovra spedito scoglio (83) sonetto
p. 235 (sc. 251) [369] Fuggite madri, e i cari vostri pegni (84) sonetto
p. 235 (sc. 251) [370] Io son del mio bel Sol tanto geloso (85) sonetto
p. 236 (sc. 252) [371] Io, che i danni saldar havea pensato (86) sonetto
p. 236 (sc. 252) [372] Il nodo, di ch'Amor nè 'l più tenace (87) sonetto
p. 237 (sc. 253) [373] Quì, dove piano à camin destro invita (88) sonetto
p. 237 (sc. 253) [374] Quando mi tiene il mio distin diviso (89) sonetto
p. 238 (sc. 254) [375] Alma città, che sovra i sette colli (90) sonetto
p. 238 (sc. 254) [376] Ben'hebbe il ciel sereno, e queti i venti (91) sonetto
p. 239 (sc. 255) [377] L'altero augel, che le saette à Giove (92) sonetto
p. 239 (sc. 255) [378] Ben furon Stelle fortunate, e chiare (93) sonetto
p. 240 (sc. 256) [379] Poi che le Stelle à miei desir nemiche (94) sonetto
p. 240 (sc. 256) [380] Poi che la vite, onde Israel fioria (95) sonetto
p. 241 (sc. 257) [381] Se 'l mondo inanzi tempo il suo bel Sole (96) sonetto
p. 241 (sc. 257) [382] Sù questo lito, e questa istessa arena (97) sonetto
p. 242 (sc. 258) [383] Schietti arboscelli, e voi bei lochi aprici (98) sonetto
p. 242 (sc. 258) [384] Se per finir questa mia carne ardita (99) sonetto
p. 243 (sc. 259) [385] Sprezzava il mondo ogni real costume (100) sonetto
p. 243 (sc. 259) [386] Se quella viva, et onorata parte (101) sonetto
p. 244 (sc. 260) [387] Sì come fior, che per soverchio umore (102) sonetto
p. 244 (sc. 260) [388] S'à poco ferme, e non vivaci carte (103) sonetto
p. 245 (sc. 261) [389] Scopri le chiome d'oro, e fuor de l'onde (104) sonetto
p. 245 (sc. 261) [390] Se ciò, che non è in voi, Donna, vi spiace (105) sonetto
p. 246 (sc. 262) [391] Tinto in rosso il Danubio, e rotto 'l corso (108) sonetto
p. 246 (sc. 262) [392] Tosto, che 'n questa breve, e fragil vita (107) sonetto
p. 247 (sc. 263) [393] Voi, cui Fortuna lieto corso aspira (108) sonetto
p. 247 (sc. 263) [394] Voleva in ciel di voi far' una Stella (109) sonetto
p. 248 (sc. 264) [395] Benedetta la mano (110) ballata
pp. 248 (sc. 264)-251 (sc. 267) [396] Dapoi, che portan le mie ferme Stelle (111) canzone
pp. 251 (sc. 267)-253 (sc. 269) [397] Perche tornar non veggio (112) canzone
pp. 254 (sc. 270)-257 (sc. 273) [398] Sacro Signor, che da' superni giri (113) canzone
pp. 257 (sc. 273)-260 (sc. 276) [399] Sacri Pastor, perchè à la vostra cura (114) canzone
pp. 260 (sc. 276)-262 (sc. 278) [400] Tra 'l bel paese, il cui fiorito seno (115) ottava
Giacomo Bonfadio
pp. 263 (sc. 279)-264 [401] Lieti colli d'Arcadia, ove gli armenti (1) sonetto
p. 264 (sc. 280) [402] Fiume gentil, che volgi pure, e chiare (2) sonetto
pp. 264 (sc. 280)-266 (sc. 282) [403] Poscia che sotto 'l Ciel nostro intelletto (3) capitolo in terza rima
pp. 266 (sc. 282)-268 (sc. 284) [404] Donne leggiadre, e belle, che tenete (4) ottava
p. 268 (sc. 284) [405] In veder spesso fiammeggiar le Stelle (5) sonetto
Giacomo Mocenico
p. 269 (sc. 285) [406] Dunque, fatal mio Sole, à me non splende (1) sonetto
p. 270 (sc. 286) [407] O dolci miei pensier, di nebbia oscura (2) sonetto
p. 270 (sc. 286) [408] Già privo de la vostra altera vista (3) sonetto
p. 271 (sc. 287) [409] O dolce, cara, et amorosa stanza (4) sonetto
p. 271 (sc. 287) [410] Caro, e soave Augel, pur dianzi adorno (5) sonetto
p. 272 (sc. 288) [411] Tu dunque al Ciel dal Mondo cieco errante (6) sonetto
p. 272 (sc. 288) [412] Quasi era giunto al fin di questa via (7) sonetto
Giacomo Sannazaro
p. 273 (sc. 289) [413] Ecco, che un'altra volta, ò piagge apriche (1) sonetto
p. 274 (sc. 290) [414] Quante gratie vi rendo amiche stelle (2) sonetto
p. 274 (sc. 290) [415] Vaghi, soavi, alteri, onesti, e cari (3) sonetto
p. 275 (sc. 291) [416] D'un bel, lucido, puro, e freddo oggetto (4) sonetto
p. 275 (sc. 291) [417] Al corso antico, à la tua sacra impresa (5) sonetto
p. 276 (sc. 292) [418] Cari scogli, dilette, e fide arene (6) sonetto
p. 276 (sc. 292) [419] Parrà miracol, Donna, à l'altra etade (7) sonetto
p. 277 (sc. 293) [420] Senza 'l mio Sole, in tenebre, e martiri (8) sonetto
p. 277 (sc. 293) [421] Son questi i bei crin d'oro, onde m'avinse (9) sonetto
p. 278 (sc. 294) [422] Ahi letitia fugace, ahi sonno lieve (10) sonetto
p. 278 (sc. 294) [423] Sì spesso à consolarmi il sonno riede (11) sonetto
p. 279 (sc. 295) [424] Eran le Muse intorno al cantar mio (12) sonetto
p. 279 (sc. 295) [425] Mentre ch'Amor con dilettoso inganno (13) sonetto
p. 280 (sc. 296) [426] Lasso, qualhor fra vaghe donne, e belle (14) sonetto
p. 280 (sc. 296) [427] Una nova Angeletta à i giorni nostri (15) sonetto
p. 281 (sc. 297) [428] I begli occhi, ch'al Sole invidia fanno (16) sonetto
p. 281 (sc. 297) [429] Icaro cadde quì, quest'onde il sanno (17) sonetto
p. 282 (sc. 298) [430] Lasso me, non son questi i colli, e l'acque (18) sonetto
p. 282 (sc. 298) [431] Interrotte speranze, e van desio (19) sonetto
pp. 283 (sc. 299)-284 (sc. 300) [432] Già cominciava il Sol da' sommi colli (20) sestina
pp. 284 (sc. 300)-287 (sc. 303) [433] Amor se vuoi, ch'io dica (21) canzone
pp. 287 (sc. 303)-289 (sc. 305) [434] Valli riposte, e sole (22) canzone
pp. 289 (sc. 305)-290 (sc. 306) [435] Spent'eran nel mio cor l'antiche fiamme (23) sestina
pp. 290 (sc. 306)-294 (sc. 310) [436] Incliti spirti, à cui Fortuna arride (24) canzone
pp. 295 (sc. 311)-298 (sc. 314) [437] Qual pena, lasso, e sì spietata, e cruda (25) canzone
pp. 299 (sc. 315)-303 (sc. 319) [438] Sperai gran tempo, e le mie Dive il sanno (26) canzone
Giovan Battista Amalteo
p. 304 (sc. 320) [439] Or di freschi smeraldi orna le sponde (1) sonetto
p. 305 (sc. 321) [440] Notte, che nel tuo dolce, et alto oblio (2) sonetto
p. 305 (sc. 321) [441] La viva neve, e le vermiglie rose (3) sonetto
p. 306 (sc. 322) [442] Già Ninfa, or voce da le membra scossa (4) sonetto
p. 306 (sc. 322) [443] Nel bel Sol, che da gli occhi vostri move (5) sonetto
p. 307 (sc. 323) [444] Invido Sol, che sì repente il giorno (6) sonetto
p. 307 (sc. 323) [445] Stella, che nel mio corso oscuro, e lento (7) sonetto
p. 308 (sc. 324) [446] Vaga amorosa stella (8) ballata
pp. 308 (sc. 324)-309 (sc. 325) [447] L'AURA, che già di questo fragil legno (9) sestina
pp. 309 (sc. 325)-312 (sc. 328) [448] Se de' begli occhi il Sole (10) canzone
Giovanni Guidiccioni
p. 313 (sc. 329) [449] Questa, che tanti Secoli già stese (1) sonetto
p. 314 (sc. 330) [450] Prega tu meco il ciel de la sua aita (2) sonetto
p. 314 (sc. 330) [451] Fia mai quel dì, che 'l giogo indegno, e grave (3) sonetto
p. 315 (sc. 331) [452] Il Tebro, l'Arno, e 'l Po queste parole (4) sonetto
p. 315 (sc. 331) [453] Il non più udito, e gran publico danno (5) sonetto
p. 316 (sc. 332) [454] Mentre in più largo, e più superbo volo (6) sonetto
p. 316 (sc. 332) [455] Ecco che move orribilmente il piede (7) sonetto
p. 317 (sc. 333) [456] Dunque, BUONVISO mio, del nostro seme (8) sonetto
p. 317 (sc. 333) [457] Vera fama fra i tuoi più cari sona (9) sonetto
p. 318 (sc. 334) [458] Empio ver me, di sì gentil, riesci (10) sonetto
p. 318 (sc. 334) [459] Mal vidi, Amor, le non piu viste, e tante (11) sonetto
p. 319 (sc. 335) [460] Scaldava Amor ne' chiari amati lumi (12) sonetto
p. 319 (sc. 335) [461] Le tue promesse, Amor, come sen vanno (13) sonetto
p. 320 (sc. 336) [462] Se 'l vostro Sol, che nel più ardente, e vero (14) sonetto
p. 320 (sc. 336) [463] Quanto a' begli occhi vostri, e quanto manca (15) sonetto
p. 321 (sc. 337) [464] Se ben s'erge talhor lieto il pensiero (16) sonetto
p. 321 (sc. 337) [465] GIOVIO com'è, che fra l'amaro pianto (17) sonetto
p. 322 (sc. 338) [466] Dicemi il cor; s'avien, che dal felice (18) sonetto
p. 322 (sc. 338) [467] Visibilmente ne' begli occhi veggio (19) sonetto
p. 323 (sc. 339) [468] Sì come vola il ciel rapidamente (20) sonetto
p. 323 (sc. 339) [469] Falda di viva neve, che mi furi (21) sonetto
p. 324 (sc. 340) [470] Tu, che con gli occhi; ove i piu ricchi, e veri (22) sonetto
p. 324 (sc. 340) [471] Viva fiamma di Marte, onor de' tuoi (23) sonetto
p. 325 (sc. 341) [472] Dal pigro, e grave sonno, ove sepolta (24) sonetto
p. 325 (sc. 341) [473] Da questi acuti, e dispietati strali (25) sonetto
p. 326 (sc. 342) [474] Sì come il Sol, ch'è viva statua chiara (26) sonetto
p. 326 (sc. 342) [475] Fidi specchi de l'alma occhi lucenti (27) sonetto
p. 327 (sc. 343) [476] Fiamma gentil, che da' begli occhi movi (28) sonetto
p. 327 (sc. 343) [477] Che degna schiera di pensieri eletti (29) sonetto
p. 328 (sc. 344) [478] Anima eletta, il cui leggiadro velo (30) sonetto
p. 328 (sc. 344) [479] Come da dense nubi esce talhora (31) sonetto
p. 329 (sc. 345) [480] Poi che quì fusti la mia luce prima (32) sonetto
p. 329 (sc. 345) [481] Deh vieni omai ben nata à darmi luce (33) sonetto
p. 330 (sc. 346) [482] Vedrà la gente omai, che quant'io dissi (34) sonetto
p. 330 (sc. 346) [483] O cor più ch'altro saggio, e più pudico (35) sonetto
p. 331 (sc. 347) [484] Chi desia di veder dove s'adora (36) sonetto
p. 331 (sc. 347) [485] Sovra un bel verde cespo in mezo un prato (37) sonetto
p. 332 (sc. 348) [486] A quel, che fe nel cor l'alta ferita (38) sonetto
p. 332 (sc. 348) [487] Saglio con l'ali de' pensieri ardenti (39) sonetto
p. 333 (sc. 349) [488] Com'esce fuor sua dolce umil favella (40) sonetto
p. 333 (sc. 349) [489] O voi, che sotto l'amorose insegne (41) sonetto
p. 334 (sc. 350) [490] Sovra il bel morto Adon non fur già quelle (42) sonetto
p. 334 (sc. 350) [491] Donna, che 'ntesa a' bei pensier d'onore (43) sonetto
p. 336 (sc. 351) [492] Fonte d'alto valor, de' cui bei rivi (44) sonetto
p. 336 (sc. 351) [493] Spargete, ò Ninfe d'Arno, Arabi odori (45) sonetto
p. 336 (sc. 352) [494] La bella, e pura luce, che 'n voi splende (46) sonetto
p. 336 (sc. 352) [495] Io giuro Amor per la tua face eterna (47) sonetto
p. 337 (sc. 353) [496] Quella, che à l'ombra, e al Sol ne' miei sospiri (48) sonetto
p. 337 (sc. 353) [497] Se l'armi d'umiltade, ond'io pur soglio (49) sonetto
p. 338 (sc. 354) [498] CRESPO, s'avolto sei tra scogli, e Sirti (50) sonetto
p. 338 (sc. 354) [499] Sia tanto lungi il tuo focile, e l'esca (51) sonetto
p. 339 (sc. 355) [500] Lo stral, che 'n sorte hebb'io dentro a' begli occhi (52) sonetto
p. 339 (sc. 355) [501] Avezzianci à morir, se proprio è morte (53) sonetto
p. 340 (sc. 356) [502] Ò messaggier di Dio, che 'n bigia vesta (54) sonetto
p. 340 (sc. 356) [503] A quei ferventi spirti, à le parole (55) sonetto
p. 341 (sc. 357) [504] TEOLO gentil, s'al ver dritto si mira (56) sonetto
p. 341 (sc. 357) [505] Traggiti à piu bel rio l'ardente sete (57) sonetto
p. 342 (sc. 358) [506] Al chiaro foco del mio vivo Sole (58) sonetto
p. 342 (sc. 358) [507] Quì dove i lumi bei solean far giorno (59) sonetto
p. 343 (sc. 359) [508] Splende nel mio pensier l'imagin viva (60) sonetto
p. 343 (sc. 359) [509] Parmi veder, che sù la destra riva (61) sonetto
p. 344 (sc. 360) [510] Duo lustri ho pianto il mio foco vivace (62) sonetto
p. 344 (sc. 360) [511] Al bel Metauro, à cui non lungi fanno (63) sonetto
p. 345 (sc. 361) [512] Per me da questo mio romito monte (64) sonetto
p. 345 (sc. 361) [513] Apra, e dissolva il tuo beato lampo (65) sonetto
p. 346 (sc. 362) [514] A la bell'ombra de la nobil pianta (66) sonetto
p. 346 (sc. 362) [515] Gratie rendo a' bei lumi onesti, e chiari (67) sonetto
p. 347 (sc. 363) [516] CORREGGIO, se 'l tuo cor sospira invano (68) sonetto
p. 347 (sc. 363) [517] SCIPIO, io fui rapto dal cantar celeste (69) sonetto
p. 348 (sc. 364) [518] Quando Amor da quel dì, ch'al tuo foco arsi (70) sonetto
p. 348 (sc. 364) [519] Io son sì stanco sotto il grave peso (71) sonetto
p. 349 (sc. 365) [520] O sante figlie de l'eterno Sire (72) sonetto
p. 349 (sc. 365) [521] Il verde de l'età nel foco vissi (73) sonetto
p. 350 (sc. 366) [522] Questi, che gli occhi abbaglia, e l'alma accende (74) sonetto
p. 350 (sc. 366) [523] Mentre che voi, cui vien dal ciel concesso (75) sonetto
p. 351 (sc. 367) [524] Se 'l tempo fugge, e se ne porta gli anni (76) sonetto
p. 351 (sc. 367) [525] Chi per quest'ombre de l'umana vita (77) sonetto
p. 352 (sc. 368) [526] Perdoninmi i begli occhi, ove s'asside (78) sonetto
p. 352 (sc. 368) [527] Ò tu, cui 'l Sol de la sua luce adorna (79) sonetto
p. 353 (sc. 369) [528] Or, ch'atra nebbia, ò Re de monti, il crine (80) sonetto
p. 353 (sc. 369) [529] Tanti con mia vergogna aspri tormenti (81) sonetto
p. 354 (sc. 370) [530] Degna nutrice de le chiare genti (82) sonetto
p. 354 (sc. 370) [531] Donna, c'havete ne' begli occhi santi (83) sonetto
p. 355 (sc. 371) [532] Dimmi, se il tuo desio, com'esser suole (84) sonetto
p. 355 (sc. 371) [533] Se pioggia omai dal Ciel tarda non scende (85) sonetto
p. 356 (sc. 372) [534] Là dove il Mincio dal paterno seno (86) sonetto
Giovanni Mozzarello
p. 357 (sc. 373) [535] Mentre i superbi tetti à parte à parte (1) sonetto
p. 358 (sc. 374) [536] Deh perche à dir di voi qua giù non venne (2) sonetto
p. 358 (sc. 374) [537] Dopo lungo servir senza mercede (3) sonetto
p. 359 (sc. 375) [538] Quei leggiadri d'Amor pensieri ardenti (4) sonetto
p. 359 (sc. 375) [539] Al fonte de gli ardenti miei desiri (5) sonetto
p. 360 (sc. 376) [540] Per tener verde in me l'alto desio (6) sonetto
p. 360 (sc. 376) [541] Tutto 'l sostegno, Amor, che d'un bel volto (7) sonetto
p. 361 (sc. 377) [542] O desir di questi occhi, almo mio Sole (8) sonetto
p. 361 (sc. 377) [543] Del cibo, ond'io vivea sì dolcemente (9) sonetto
p. 362 (sc. 378) [544] Aere sereno, aperte piagge apriche (10) sonetto
p. 362 (sc. 378) [545] Vaghi, lieti fioretti, e ben nate erbe (11) sonetto
p. 363 (sc. 379) [546] Aura soave, che sì dolcemente (12) sonetto
p. 363 (sc. 379) [547] Per fuggir la mia morte alma mia spene (13) sonetto
p. 364 (sc. 380) [548] O bella man, che 'l fren del carro tieni (14) sonetto
pp. 364 (sc. 380)-369 (sc. 385) [549] Mentre, che voi ne' vaghi ampi soggiorni (15) canzone
pp. 353 (sc. 369)-373 (sc. 389) [550] Italia mia, il tuo sì lungo pianto (16) canzone
pp. 373 (sc. 389)-374 (sc. 390) [551] Ahi perche non correggi (17) madrigale
pp. 372 (sc. 390)-376 (sc. 394) [552] Terreno Giove, à cui l'alto governo (18) canzone
Giovanni Andrea Ugoni
p. 377 (sc. 395) [553] Mentre al carro d'Amor prigione andai (1) sonetto
p. 380 (sc. 396) [554] Scegliea Aretusa entro a' begli orti suoi (2) sonetto
p. 380 (sc. 396) [555] Quando sperai, dopo mille fatiche (3) sonetto
p. 381 (sc. 397) [556] Lascia Toscana Musa i panni allegri (4) sonetto
p. 381 (sc. 397) [557] Poi che già rotta la Tartarea soglia (5) sonetto
p. 380 (sc. 398) [558] Scelto, che di scelte erbe, e scelti fiori (6) sonetto
p. 380 (sc. 398) [559] Ecco l'alme contrade, ove soggiorna (7) sonetto
p. 381 (sc. 399) [560] Come stanco nocchier, chiuso tra l'onde (8) sonetto
p. 381 (sc. 399) [561] Poi che da quelle irate, orribil'onde (9) sonetto
p. 384 (sc. 400) [562] Da l'empia Galatea, dal freddo ghiaccio (10) sonetto
p. 384 (sc. 400) [563] Come poss'io, Madonna, il bel desio (11) sonetto
p. 385 (sc. 401) [564] Fortunato pastor, ch'ardite, e pronte (12) sonetto
p. 385 (sc. 401) [565] Io, che dovunque vada, col pensiero (13) sonetto
p. 386 (sc. 402) [566] Tu, che fremendo parti il bel terreno (14) sonetto
p. 386 (sc. 402) [567] Mentre del vostro Alceo lo stato umile (15) sonetto
p. 387 (sc. 403) [568] Se 'n voi fusse Madonna tanta fede (16) sonetto
p. 387 (sc. 403) [569] Benaco mio, ch'or sì tranquillo, e piano (17) sonetto
p. 388 (sc. 404) [570] Se l'ardente desir, se 'l giusto sdegno (18) sonetto
p. 388 (sc. 404) [571] Oscuri nembi, che per queste altere (19) sonetto
p. 389 (sc. 405) [572] Se à così bel principio Amor risponde (20) sonetto
p. 389 (sc. 405) [573] Nè in così puro, e simplicetto core (21) sonetto
p. 390 (sc. 406) [574] La terra, che pur dianzi orrida tanto (22) sonetto
p. 390 (sc. 406) [575] Or, che 'l vivo splendor de' raggi suoi (23) sonetto
Gioseppe Leggiadro
p. 391 (sc. 407) [576] Il varcar monti, e luoghi alpestri, e fieri (1) sonetto
p. 392 (sc. 408) [577] Piansi già di Sebeto à le chiar'onde (2) sonetto
p. 392 (sc. 408) [578] Vago oltra modo, che 'l desio contento (3) sonetto
p. 393 (sc. 409) [579] Di me stesso nemico, e di mia pace (4) sonetto
p. 393 (sc. 409) [580] Mentre con l'occhio intento, e col pensiero (5) sonetto
p. 394 (sc. 410) [581] Là, dove inonda, e bagna (6) madrigale
p. 394 (sc. 410) [582] Or, che da gli occhi miei, non già dal core (7) sonetto
p. 395 (sc. 411) [583] A quelle parti, ove co' raggi ardenti (8) sonetto
p. 395 (sc. 411) [584] Pianse Artemisia il caro sposo, e volse (9) sonetto
pp. 396 (sc. 412)-397 (sc. 413) [585] Poscia che i miei più chiari, e lieti giorni (10) sestina
Giovanni Antonio Benalio
p. 398 (sc. 414) [586] Quando talhor' a' miei pensier m'involo (1) sonetto
p. 399 (sc. 415) [587] Quando prima i crin d'oro, e la dolcezza (2) sonetto
pp. 399 (sc. 415)-404 (sc. 420) [588] Or debbo abbandonar l'usato inchiostro (3) canzone
Girolamo Mutio
p. 405 (sc. 421) [589] Donna, che siete in terra il primo oggetto (1) sonetto
p. 406 (sc. 422) [590] Or, che la notte ogni color nasconde (2) sonetto
p. 406 (sc. 422) [591] Com'esser può, che ne la vostra mente (3) sonetto
p. 407 (sc. 423) [592] Donna, più volte m'ha già detto Amore (4) sonetto
p. 407 (sc. 423) [593] Gelato foco, et infiammato ghiaccio (5) sonetto
p. 408 (sc. 424) [594] L'orribil vista di questi aspri monti (6) sonetto
p. 408 (sc. 424) [595] Quella, che mentre dentro al cor mi luce (7) sonetto
p. 409 (sc. 425) [596] Spirto gentil', in cui sì chiaramente (8) sonetto
p. 409 (sc. 425) [597] Donna, l'onor de i cui be' raggi ardenti (9) sonetto
p. 410 (sc. 426) [598] Anima, che per me dal sommo autore (10) sonetto
p. 410 (sc. 426) [599] Queste nubi, quest'acque, e questi venti (11) sonetto
p. 411 (sc. 427) [600] Ninfe, che i verdi colli, e l'acque vive (12) sonetto
p. 411 (sc. 427) [601] Occhi vaghi, amorosi, ove risplende (13) sonetto
p. 412 (sc. 428) [602] Quando (com'Amor vuol) la Donna mia (14) sonetto
p. 412 (sc. 428) [603] Anima bella, che da gli alti chiostri (15) sonetto
p. 413 (sc. 429) [604] Donna se mai vedeste in verde prato (16) sonetto
p. 413 (sc. 429) [605] Fiamma, che chiaramente il mio cor' ardi (17) sonetto
p. 414 (sc. 430) [606] Questo è, Signor, quel memorabil giorno (18) sonetto
p. 414 (sc. 430) [607] Luce de gli occhi miei (19) ballata
pp. 415 (sc. 431)-416 (sc. 432) [608] Donne Gentili, Amor vuol ch'io favelle (20) canzone
Giulio Cesare Caracciolo
p. 417 (sc. 433) [609] Nova Angeletta, che con nova luce (1) sonetto
p. 418 (sc. 434) [610] Angel, ch'Amore e 'l ciel per sorte diero (2) sonetto
p. 418 (sc. 434) [611] Ben mi ti diede il Ciel per mia ventura (3) sonetto
p. 419 (sc. 435) [612] Così ti veggio, e sento entro al mio core (4) sonetto
p. 419 (sc. 435) [613] Non più lagrime omai, non più sospiri (5) sonetto
p. 420 (sc. 436) [614] Ecco che le tue vere acque fa chiare (6) sonetto
p. 420 (sc. 436) [615] Manda Signor dal Ciel nel petto mio (7) sonetto
p. 421 (sc. 437) [616] Se da lungi, e da presso ogn'hor più fiero (8) sonetto
p. 421 (sc. 437) [617] Mentre più s'aparecchia il Mondo à darti (9) sonetto
p. 422 (sc. 438) [618] Rinforza i vanni al glorioso volo (10) sonetto
p. 422 (sc. 438) [619] Chiara luce gentile, eterno, e vero (11) sonetto
Giovan Battista Giraldi
p. 423 (sc. 439) [620] Dolci, amorose parolette accorte (1) sonetto
p. 424 (sc. 440) [621] Al duolo, al pianto, al gran martir sì avezza (2) sonetto
p. 424 (sc. 440) [622] Nè mai, Trissino mio, più dolce rete (3) sonetto
p. 425 (sc. 441) [623] PIGNA, ch'à l'onorata, e sacra fronde (4) sonetto
p. 425 (sc. 441) [624] Sacro, santo, celeste, immortal Sole (5) sonetto
p. 426 (sc. 442) [625] Quanta onestate mai (6) madrigale
p. 426 (sc. 442) [626] O di rara virtute altero essempio (7) sonetto
Luigi Alamanni
p. 427 (sc. 443) [627] Poscia che 'l ciel dal mio natio paese (1) sonetto
p. 428 (sc. 444) [628] Almo sacro terren, più d'altro chiaro (2) sonetto
p. 428 (sc. 444) [629] Più d'ogn'altro dolor, che 'l cor sostiene (3) sonetto
p. 429 (sc. 445) [630] Alto Signor, per cui la fida stella (4) sonetto
p. 429 (sc. 445) [631] Io pur, la Dio mercé, rivolgo il passo (5) sonetto
p. 430 (sc. 446) [632] Già si sente arrivar, FRANCESCO chiaro (6) sonetto
p. 430 (sc. 446) [633] Come sia frale e vil la vita umana (7) sonetto
p. 431 (sc. 447) [634] Veramente son'io colombo puro (8) sonetto
p. 431 (sc. 447) [635] Se più di sofferenza armato allora (9) sonetto
p. 432 (sc. 448) [636] Or, che veggio il mio Re ne l'armi avolto (10) sonetto
p. 432 (sc. 448) [637] Poi che per dispogliar del vello d'oro (11) sonetto
Giulio Camillo
p. 433 (sc. 449) [638] Nè mai voce sì dolce, ò sì gentile (1) sonetto
p. 434 (sc. 450) [639] Padre, che turbi il cielo, e rassereni (2) sonetto
p. 434 (sc. 450) [640] Re de gli altri, superbo, altero Augello (3) sonetto
p. 435 (sc. 451) [641] Ossa, di meraviglia, e d'onor piene (4) sonetto
p. 435 (sc. 451) [642] Occhi, che vergognar fate le Stelle (5) sonetto
p. 436 (sc. 452) [643] Sparso d'or l'arenose ambe due corna (6) sonetto
p. 436 (sc. 452) [644] Se 'l vero, ond'ha principio il nome nostro (7) sonetto
p. 437 (sc. 453) [645] Tu, che secondo l'alta Roma onora (8) sonetto
pp. 437 (sc. 453)-440 (sc. 456) [646] Lega la benda negra (9) canzone
Lodovico Domenichi
p. 441 (sc. 457) [647] Poi che 'l piu grave incendio, e 'l piu vil nodo (1) sonetto
p. 442 (sc. 458) [648] Poi che per mille ingegni, et argomenti (2) sonetto
p. 442 (sc. 458) [649] Or che, la sua mercè, gratia celeste (3) sonetto
p. 443 (sc. 459) [650] Ben' havete in custodia il van tesoro (4) sonetto
p. 443 (sc. 459) [651] A le vostre bellezze alte, e divine (5) sonetto
p. 444 (sc. 460) [652] I dì miei più felici assai, che molti (6) sonetto
p. 444 (sc. 460) [653] Questa mia chiara, e gratiosa luce (7) sonetto
p. 445 (sc. 461) [654] Licida, col bel, lucido, e sottile (8) sonetto
p. 445 (sc. 461) [655] Io, che solco d'Amor le torbid'onde (9) sonetto
p. 446 (sc. 462) [656] Mentre il giardin del mio sterile ingegno (10) sonetto
p. 446 (sc. 462) [657] A te malvagio, et importuno augello (11) sonetto
p. 447 (sc. 463) [658] Com'esser può, che l'orgoglioso, et empio (12) sonetto
p. 447 (sc. 463) [659] Crivello invitto à le percosse acerbe (13) sonetto
p. 448 (sc. 464) [660] Quell'empia; per cui Troia arse, e cadeo (14) sonetto
p. 448 (sc. 464) [661] Da voi partendo, Amor viver m'insegna (15) sonetto
p. 449 (sc. 465) [662] Qual n'ha fatti il Signor de gli alti chiostri (16) sonetto
p. 449 (sc. 465) [663] A noi del vostro nido antichi figli (17) sonetto
p. 450 (sc. 466) [664] Lauro gentil, le cui pregiate frondi (18) sonetto
Lodovico Martelli
p. 451 (sc. 467) [665] Co i più begli occhi, e co' più bei crin d'Oro (1) sonetto
p. 452 (sc. 468) [666] Quand'io veggio arrossirsi in un momento (2) sonetto
p. 452 (sc. 468) [667] Quand'io volgo la mente à dire in rima (3) sonetto
p. 453 (sc. 469) [668] Donne, che di bellezza, e d'onestate (4) sonetto
p. 453 (sc. 469) [669] Tutto il dì, desioso, e lieto miro (5) sonetto
p. 454 (sc. 470) [670] Donne gentili, e voi cortesi amanti (6) sonetto
p. 454 (sc. 470) [671] Lasso, chi vede i miei gravosi scorni (7) sonetto
p. 455 (sc. 471) [672] Più non si vede il ciel torbido, e fosco (8) sonetto
p. 455 (sc. 471) [673] Chi potesse veder l'almo paese (9) sonetto
p. 456 (sc. 472) [674] Ma poi ch'à far ritorno à noi s'invia (10) sonetto
p. 456 (sc. 472) [675] Troppo è più duro, e più 'n felice stato (11) sonetto
p. 457 (sc. 473) [676] Lasso io pur piango, e non mi giova il pianto (12) sonetto
p. 457 (sc. 473) [677] Le dolci rime, Amor, che, tua mercede (13) sonetto
p. 458 (sc. 474) [678] Nova fiamma d'Amor nel cor s'accende (14) sonetto
p. 458 (sc. 474) [679] Padre del ciel, con sì tenaci nodi (15) sonetto
pp. 459 (sc. 475)-462 (sc. 478) [680] Poi che la Donna à ragionar mi spinge (16) canzone
pp. 462 (sc. 478)-465 (sc. 481) [681] Qual meraviglia è s'io m'agghiaccio, et ardo (17) canzone
pp. 465 (sc. 481)-467 (sc. 483) [682] Lasso ch'io ardo, e veggio (18) canzone
Luca Contile
p. 468 (sc. 484) [683] Tanta bellezza canti, e riverisca (1) sonetto
p. 469 (sc. 485) [684] Donna, ch'à sì gran Re ponete il freno (2) sonetto
p. 469 (sc. 485) [685] Sfere celesti, à le bellezze rare (3) sonetto
p. 470 (sc. 486) [686] Se con vista mortal raro vi guardo (4) sonetto
p. 470 (sc. 486) [687] Donna, le cui gran lodi han colmi i lidi (5) sonetto
p. 471 (sc. 487) [688] Donna, per l'alta, et onorata fama (6) sonetto
Luigi Tansillo
p. 472 (sc. 488) [689] Nè lungo essilio il cor, Donna, mi mosse (1) sonetto
p. 473 (sc. 489) [690] Se 'l Moro, che domò l'Alpe, e 'l Romano (2) sonetto
p. 473 (sc. 489) [691] È sì folta la schiera de' martiri (3) sonetto
p. 474 (sc. 490) [692] Se mai ritrar dal periglioso grembo (4) sonetto
p. 474 (sc. 490) [693] Questa vita sì trista, e sì noiosa (5) sonetto
p. 475 (sc. 491) [694] L'orribil notte, che le rose asperse (6) sonetto
p. 475 (sc. 491) [695] Chiaro Ruscelli, il cui bel corso indarno (7) sonetto
p. 476 (sc. 492) [696] Piazza del mondo, almo terren, cui fanno (8) sonetto
p. 476 (sc. 492) [697] Perche il Tebro, e 'l Tesin vi tengan lunge (9) sonetto
p. 477 (sc. 493) [698] Che l'una il Tebro con la fronte onori (10) sonetto
p. 477 (sc. 493) [699] L'oro, che 'l mondo sì bramoso adora (11) sonetto
p. 478 (sc. 494) [700] Se non può Nola ergervi altari, e Tempi (12) sonetto
p. 478 (sc. 494) [701] Se l'orme belle, che 'l piè vostro imprime (13) sonetto
p. 479 (sc. 495) [702] Qual'huom, che giace, e piange lungamente (14) sonetto
p. 479 (sc. 495) [703] Or chi non crederà Spirto gentile (15) sonetto
p. 480 (sc. 496) [704] Questi, che 'l mondo in riverenza tiene (16) sonetto
p. 480 (sc. 496) [705] Non perche il vento volga, e l'aria bagne (17) sonetto
p. 481 (sc. 497) [706] Mentre gli aspri, sassosi, orridi monti (18) sonetto
p. 481 (sc. 497) [707] Quel Cane ingordo, che latrando corse (19) sonetto
p. 482 (sc. 498) [708] Signor, non come gli altri à caso venne (20) sonetto
p. 482 (sc. 498) [709] Sì come il ricco, et onorato piede (21) sonetto
p. 483 (sc. 499) [710] Quando dopo mill'anni, e mille lustri (22) sonetto
p. 483 (sc. 499) [711] Quanto à voi deve il grande augel di Giove (23) sonetto
p. 484 (sc. 500) [712] Quei rai, ch'à l'aria chiara, et à la bruna (24) sonetto
p. 484 (sc. 500) [713] Amor m'impenna l'ale, e tanto in alto (25) sonetto
p. 485 (sc. 501) [714] Poi che spiegat'ho l'ale al bel desio (26) sonetto
p. 485 (sc. 501) [715] D'un sì bel foco, et d'un sì nobil laccio (27) sonetto
p. 486 (sc. 502) [716] Cara, soave, et onorata piaga (28) sonetto
p. 486 (sc. 502) [717] Felice l'alma, che per voi respira (29) sonetto
p. 487 (sc. 503) [718] Animoso, superbo, empio Gigante (30) sonetto
p. 487 (sc. 503) [719] Nè mar, che irato gli alti scogli fera (31) sonetto
p. 488 (sc. 504) [720] Orrida notte, che rinchiusa il negro (32) sonetto
p. 488 (sc. 504) [721] O d'invidia, et d'Amor figlia sì ria (33) sonetto
p. 489 (sc. 505) [722] Dunque dopo tanti anni à dar di morso (34) sonetto
p. 489 (sc. 505) [723] Se vuol ch'io scampi la mia nobil Maga (35) sonetto
p. 490 (sc. 506) [724] Poi che 'l mio nodo han gli altrui nodi sciolto (36) sonetto
p. 490 (sc. 506) [725] Qual'huom che trasse il grave remo, e spinse (37) sonetto
p. 491 (sc. 507) [726] Se di quei dì, che vaneggiando ho speso (38) sonetto
p. 491 (sc. 507) [727] Padre del ciel, poi ch'io m'aveggio, e piango (39) sonetto
pp. 492 (sc. 508)-495 (sc. 511) [728] Alma reale, e di maggior'Impero (40) canzone
pp. 495 (sc. 511)-498 (sc. 514) [729] Amor, ch'alberghi, e vivi entro 'l mio petto (41) canzone
pp. 499 (sc. 515)-502 (sc. 518) [730] Nessun di libertà visse mai lieto (42) canzone
pp. 502 (sc. 518)-505 (sc. 521) [731] Amor, se vuoi ch'io torni al giogo antico (43) canzone
pp. 506 (sc. 522)-508 (sc. 524) [732] Se quel dolor, che va inanzi al morire (44) capitolo in terza rima
Pietro Barignano
p. 509 (sc. 525) [733] Chi non sa di ch'io tanto parli, ò scriva (1) sonetto
p. 10 (sc. 526) [734] Voi vi state Valerio in quella Terra (2) sonetto
p. 10 (sc. 526) [735] Valerio mio, quanto voi foste saggio (3) sonetto
p. 511 (sc. 527) [736] Che volean dir le due lucenti stelle (4) sonetto
p. 511 (sc. 527) [737] Io gìa cantando la mia libertate (5) sonetto
p. 512 (sc. 528) [738] Breve riposo haver di lunghi affanni (6) sonetto
p. 512 (sc. 528) [739] Ove fra bei pensier forse d'Amore (7) sonetto
p. 513 (sc. 529) [740] Se 'l cor ne l'amorosa rete avolto (8) sonetto
p. 513 (sc. 529) [741] Fia mai quel di, che gratiosa stella (9) sonetto
p. 514 (sc. 530) [742] Il Sol, che solo à gli occhi miei fa giorno (10) sonetto
p. 514 (sc. 530) [743] Gli occhi, che d'Amor già tanti, e tanti anni (11) sonetto
p. 515 (sc. 531) [744] Aventurosa riva, altera, e bella (12) sonetto
Pietro Bembo
p. 516 (sc. 532) [745] Se mai ti piacque Apollo non indegno (1) sonetto
p. 517 (sc. 533) [746] Donna, cui nulla è par, bella nè saggia (2) sonetto
p. 517 (sc. 533) [747] Se stata foste voi nel colle Ideo (3) sonetto
p. 518 (sc. 534) [748] Quella, che co begli occhi par ch'invoglie (4) sonetto
p. 518 (sc. 534) [749] Sì divina beltà Madonna onora (5) sonetto
p. 419 (sc. 535) [750] Varchi, le vostre pure carte, e belle (6) sonetto
p. 419 (sc. 535) [751] Ben'è quel caldo voler voi, ch'io prenda (7) sonetto
p. 520 (sc. 536) [752] Se 'n me Quirina da ritrarr' in carte (8) sonetto
p. 520 (sc. 536) [753] S'Amor m'havesse detto, (oimè) Da morte (9) sonetto
p. 521 (sc. 537) [754] Un'anno intorno s'è girato à punto (10) sonetto
p. 521 (sc. 537) [755] La ben nata, per cui chiaramente arsi (11) sonetto
p. 522 (sc. 538) [756] Signor, poi che Fortuna in adornarvi (12) sonetto
p. 522 (sc. 538) [757] S'al vostro Amor ben fermo non s'appoggia (13) sonetto
p. 523 (sc. 539) [758] Sol, del qual'è questo gran Sole un raggio (14) sonetto
p. 523 (sc. 539) [759] Alto Re, se la mia più verde, e calda (15) sonetto
p. 524 (sc. 540) [760] Io ardo dissi, e la risposta invano (16) sonetto
p. 524 (sc. 540) [761] Bella guerriera mia, perche sì spesso (17) sonetto
p. 525 (sc. 541) [762] A questa fredda tema, à questo ardente (18) sonetto
p. 525 (sc. 541) [763] L'alta cagion, che da principio diede (19) sonetto
p. 526 (sc. 542) [764] Son questi quei begli occhi, in cui mirando (20) sonetto
p. 526 (sc. 542) [765] Re de gli altri, superbo, e sacro monte (21) sonetto
p. 527 (sc. 543) [766] Del cibo, onde Lucretia, e l'altre han vita (22) sonetto
p. 527 (sc. 543) [767] Tomaso, io venni ove l'un duce Mauro (23) sonetto
p. 528 (sc. 544) [768] Verdeggi à l'Apennin la fronte e 'l petto (24) sonetto
p. 528 (sc. 544) [769] Ò ben nato, e felice, ò primo frutto (25) sonetto
p. 529 (sc. 545) [770] Con la ragion nel suo bel vero involta (26) sonetto
p. 529 (sc. 545) [771] Tosto che la bell'alba, solo e mesto (27) sonetto
p. 530 (sc. 546) [772] Frisio, che già da questa gente à quella (28) sonetto
p. 530 (sc. 546) [773] Ben devria farvi onor d'eterno essempio (29) sonetto
p. 531 (sc. 547) [774] Anima, che da bei stellanti chiostri (30) sonetto
p. 531 (sc. 547) [775] Mostrommi entro à lo spatio d'un bel volto (31) sonetto
p. 532 (sc. 548) [776] Caro sguardo sereno, in cui sfavilla (32) sonetto
p. 532 (sc. 548) [777] Felice Imperator, ch'avanzi gli anni (33) sonetto
p. 533 (sc. 549) [778] Molza, che fa la donna tua, che tanto (34) sonetto
p. 533 (sc. 549) [779] La nostra, e di GESU nemica gente (35) sonetto
p. 534 (sc. 550) [780] Porto, che 'l mio piacer teco ne porti (36) sonetto
p. 534 (sc. 550) [781] Alta Colonna, e ferma à le tempeste (37) sonetto
p. 535 (sc. 551) [782] Voi mi poneste in foco (38) canzonetta
p. 536 (sc. 552) [783] Non si vedrà giamai stanca, nè satia (39) canzone
pp. 537 (sc. 553)-542 (sc. 558) [784] Se 'l pensier, che m'ingombra (40) canzone
pp. 542 (sc. 558)-544 (sc. 560) [785] Donna, de' cui begli occhi alto diletto (41) canzone
Remigio Fiorentino
pp. 545 (sc. 561)-546 [786] Da quei begli occhi, in cui mia morte veggio (1) sonetto
p. 546 (sc. 562) [787] Se quel seren, ch'a' bei vostri occhi intorno (2) sonetto
p. 546 (sc. 562) [788] Quando si ruppe il nodo, in cui molti anni (3) sonetto
p. 547 (sc. 563) [789] Deh non ritorni a rimenarne il giorno (4) sonetto
p. 547 (sc. 563) [790] Qui venne al suon de la Sampogna mia (5) sonetto
p. 548 (sc. 564) [791] Tra le belle alme, ch'à far vive intese (6) sonetto
p. 548 (sc. 564) [792] S'allor, che puro il ciel rimira, e vede (7) sonetto
p. 549 (sc. 565) [793] Se da' begli occhi di mia Donna viene (8) sonetto
p. 549 (sc. 565) [794] Itene, ò miei sospir, ch'accesi in quella (9) sonetto
p. 550 (sc. 566) [795] Non credo, occhi, giamai veder quel giorno (10) sonetto
p. 550 (sc. 566) [796] Altri nodi, altre fiamme ordisce, e incende (11) sonetto
p. 551 (sc. 567) [797] Quando benigno al gran Filippo, e pio (12) sonetto
p. 551 (sc. 567) [798] Qualhor la stella mia quei raggi asconde (13) sonetto
p. 552 (sc. 568) [799] Deh tronca Apollo al santo Alloro i rami (14) madrigale
p. 552 (sc. 568) [800] Se l'anime più belle (15) madrigale
pp. 552 (sc. 568)-553 (sc. 569) [801] Quanto di me più fortunate siete (16) madrigale
pp. 553 (sc. 569)-554 (sc. 570) [802] Andrà la nave mia solcando l'onde (17) sestina
Sebastiano Erizzo
p. 555 (sc. 571) [803] Quando giunse nel cor quel raggio ardente (1) sonetto
p. 556 (sc. 572) [804] Occhi, che mi movete sì gran guerra (2) sonetto
p. 556 (sc. 572) [805] Sì folta nebbia di sospir m'ingombra (3) sonetto
p. 557 (sc. 573) [806] Dunque quel dolce laccio, e l'aureo nodo (4) sonetto
p. 557 (sc. 573) [807] Donna bella, e crudel, vincavi omai (5) sonetto
p. 558 (sc. 574) [808] Felice cor, e di languir contento (6) sonetto
p. 558 (sc. 574) [809] Occhi più chiari, che nel ciel le stelle (7) sonetto
p. 559 (sc. 575) [810] Non v'accorgete ancor lassi sospiri (8) sonetto
pp. 559 (sc. 575)-560 (sc. 576) [811] Occhi soavi, e chiari (9) canzone
pp. 561 (sc. 577)-563 (sc. 579) [812] Perche gioia del cor starsi nascosa (10) canzone
pp. 563 (sc. 579)-584 (sc. 580) [813] Che giova rincrespar le chiome d'oro (11) canzone
Veronica Gambara
p. 565 (sc. 581) [814] Mentre da' vaghi, e giovenil pensieri (1) sonetto
p. 566 (sc. 582) [815] Vinca gli sdegni, e l'odio vostro antico (2) sonetto
p. 566 (sc. 582) [816] La bella Flora, che da voi sol spera (3) sonetto
p. 567 (sc. 583) [817] Vero albergo d'Amor', occhi lucenti (4) sonetto
p. 567 (sc. 583) [818] Dal veder voi, occhi sereni, e chiari (5) sonetto
p. 568 (sc. 584) [819] Se stan più ad apparir quei duo bei lumi (6) sonetto
p. 568 (sc. 584) [820] Poscia che 'l mio destin fermo, e fatale (7) sonetto
p. 569 (sc. 585) [821] Scelse da tutta la futura gente (8) sonetto
p. 569 (sc. 585) [822] Quel nodo, in cui la mia beata sorte (9) sonetto
p. 570 (sc. 586) [823] Altri boschi, altri prati, et altri monti (10) sonetto
p. 570 (sc. 586) [824] Guida con la man forte al camin dritto (11) sonetto
p. 571 (sc. 587) [825] Poi che per mia ventura à veder torno (12) sonetto
p. 571 (sc. 587) [826] Occhi lucenti, e belli (13) madrigale
Vicenzo Martelli
p. 572 (sc. 588) [827] Se Lisippo, et Apelle, e 'l grande Omero (1) sonetto
p. 573 (sc. 589) [828] Deh sostenete almen del vostro bello (2) sonetto
p. 573 (sc. 589) [829] Voi, che per miglior via schivate l'orme (3) sonetto
p. 574 (sc. 590) [830] Donna gentil, che da' pensier men saggi (4) sonetto
p. 574 (sc. 590) [831] D'un bianco marmo, in due parti diviso (5) sonetto
p. 575 (sc. 591) [832] Signor, che 'n sù 'l fiorir de gli anni vostri (6) sonetto
p. 575 (sc. 591) [833] Voi, ch'à Marte, e à Minerva un Tempio havete (7) sonetto
p. 576 (sc. 592) [834] Così Signor, vivendo al ciel si sale (8) sonetto
p. 576 (sc. 592) [835] Io veggio l'aure al vostro ardir seconde (9) sonetto
p. 577 (sc. 593) [836] Col suo stesso valor leggiera, e sciolta (10) sonetto
p. 577 (sc. 593) [837] Quel, che più scorge in voi l'occhio mortale (11) sonetto
p. 578 (sc. 594) [838] Mentre al tuo impero il mio bel Sol soggiace (12) sonetto
p. 578 (sc. 594) [839] Voi, che seguite con veloce piede (13) sonetto
p. 579 (sc. 595) [840] Se il nome sacro, che di pregio eterno (14) sonetto
p. 579 (sc. 595) [841] Or, che s'appressa il sacro santo giorno (15) sonetto
p. 580 (sc. 596) [842] Or, che con gli occhi de la mente veggio (16) sonetto
p. 580 (sc. 596) [843] Or, ch'io veniva à compensare i danni (17) sonetto
pp. 581 (sc. 597)-584 (sc. 600) [844] Spirto reale, il cui bel nome chiaro (18) canzone
pp. 584 (sc. 600)-587 (sc. 603) [845] Donna immortale, i cui vestigi santi (19) canzone
Vittoria Colonna
p. 588 (sc. 604) [846] Or, che pien d'alto sdegno, e pietà grande (1) sonetto
p. 589 (sc. 605) [847] Alma mia luce, insin ch'al ciel tornasti (2) sonetto
p. 589 (sc. 605) [848] Sovra del mio mortal leggiera, e sola (3) sonetto
p. 590 (sc. 606) [849] Quel che di tutto il bel ricco Oriente (4) sonetto
p. 590 (sc. 606) [850] Quella felice stella, e in ciel fatale (5) sonetto
p. 591 (sc. 607) [851] In giovenil' etate il mondo vinse (6) sonetto
p. 591 (sc. 607) [852] Vincer' i cor più saggi, e i Re più alteri (7) sonetto
p. 592 (sc. 608) [853] Tralucer dentro al mortal vel cosparte (8) sonetto
p. 592 (sc. 608) [854] Ahi quanto fu al mio Sol contrario il Fato (9) sonetto
p. 593 (sc. 609) [855] Questo Sol, ch'oggi à gli occhi nostri splende (10) sonetto
p. 593 (sc. 609) [856] Perche del Tauro l'infiammato corno (11) sonetto
p. 594 (sc. 610) [857] Padre eterno del ciel, se tua mercede (12) sonetto
p. 594 (sc. 610) [858] Vergine pura, che da i raggi ardenti (13) sonetto
p. 595 (sc. 611) [859] MOLZA, ch'al ciel quest'altra tua Beatrice (14) sonetto
p. 595 (sc. 611) [860] S'io, mossa con Zacheo d'intenso affetto (15) sonetto
p. 596 (sc. 612) [861] Quì fece il mio bel Sole à noi ritorno (16) sonetto
p. 596 (sc. 612) [862] Spirto gentil, del cui gran nome, altero (17) sonetto
p. 597 (sc. 613) [863] L'antiche offerte al primo Tempio il pondo (18) sonetto
p. 597 (sc. 613) [864] Mentre il pensier da l'altre cure sciolto (19) sonetto
p. 598 (sc. 614) [865] S'à la mia bella fiamma, ardente speme (20) sonetto
p. 598 (sc. 614) [866] Mentre l'Aura amorosa, e 'l mio bel lume (21) sonetto
p. 599 (sc. 615) [867] Quando già stanco il mio dolce pensiero (22) sonetto
p. 599 (sc. 615) [868] Occhi, l'usanza par che vi sospinga (23) sonetto
p. 600 (sc. 616) [869] Di così nobil fiamma Amor mi cinse (24) sonetto
p. 600 (sc. 616) [870] Sento per gran timor con alto grido (25) sonetto
p. 601 (sc. 617) [871] Quand'io son tutta col pensier rivolta (26) sonetto
p. 601 (sc. 617) [872] Le tante opre divine, e 'l sacro impero (27) sonetto
p. 602 (sc. 618) [873] Per cagion d'un profondo alto pensiero (28) sonetto
p. 602 (sc. 618) [874] Quel fior d'ogni virtute in un bel prato (29) sonetto
p. 603 (sc. 619) [875] Qual'huom, cui folta nebbia al viso ha spente (30) sonetto
p. 603 (sc. 619) [876] Quel giorno, che l'amata imagin corse (31) sonetto
p. 604 (sc. 620) [877] Da Dio mandata Angelica mia scorta (32) sonetto