VE1552-RD 5(3)/1

Sonetti del signor Luigi Tansillo
p. 5 [1] Amor m'impenna l'ale e tanto in alto (1) sonetto
p. 6 [2] Poi che spiegate ho l'ale al bel desio (2) sonetto
p. 6 [3] D'un si bel foco, et d'un si nobil laccio (3) sonetto
p. 7 [4] Cara, soave, et honorata piaga (4) sonetto
p. 7 [5] Felice l'alma, che per voi respira (5) sonetto
p. 8 [6] Animoso, superbo, empio Gigante (6) sonetto
p. 8 [7] Ne mar, che irato gli alti scogli fera (7) sonetto
p. 9 [8] Horrida notte, che rinchiusa il negro (8) sonetto
pp. 9-12 [9] Amor, ch'alberghi e vivi entro 'l mio petto (9) canzone
p. 13 [10] La dolce vista e 'l bel guardo soave (10) sonetto
pp. 13-15 [11] Se quel dolor, che va inanzi al morire (11) capitolo in terza rima
pp. 15-16 [12] Io mi vivea del mio languir contento (12) sonetto
pp. 16-18 [13] Era dunque ne fati occhi miei cari (13) capitolo in terza rima
p. 19 [14] O d'invidia, et d'amor figlia si ria (14) sonetto
p. 19 [15] O di buon genitore, et di rea madre (15) sonetto
p. 20 [16] Dunque dopo tanti anni a dar di morso (16) sonetto
p. 20 [17] Se vuol ch'io scampi la mia nobil Maga (17) sonetto
pp. 21-24 [18] Nessun di libertà visse mai lieto (18) canzone
p. 24 [19] Poi che 'l mio nodo han gli altrui nodi sciolto (19) sonetto
p. 25 [20] Qual'huom, che trasse il grave remo, et spinse (20) sonetto
pp. 25-29 [21] Amor, se vuò ch'io torni al giogo antico (21) canzone
p. 29 [22] Se di quei di, che vaneggiando ho speso (22) sonetto
p. 30 [23] Padre del ciel, poi ch'io m'aveggo et piango (23) sonetto
Del signor Giuseppe Leggiadro Gallani
p. 31 [24] Quanto piu lunge da l'alma mia luce (1) sonetto
p. 32 [25] Il varcar monti, e luoghi alpestri e fieri (2) sonetto
p. 32 [26] Piansi gia di Sebeto a le chiar'onde (3) sonetto
p. 33 [27] Ecco, che pur de l'acerbe mie pene (4) sonetto
p. 33 [28] Se le lacrime mie, se i miei sospiri (5) sonetto
p. 34 [29] Tantal non son; che con le poma a fronte (6) madrigale
p. 34 [30] Vago oltra modo, che 'l desio contento (7) sonetto
p. 35 [31] S'io havessi ardir cantando di dolermi (8) sonetto
p. 35 [32] Poscia, che dove a i Sithi estremo gelo (9) sonetto
p. 36 [33] Mentre con mormorio placido e grato (10) sonetto
p. 36 [34] Necia; se il dolce humor, con cui si altiera (11) sonetto
p. 37 [35] Gia fu del pianto mio dolce ricetto (12) sonetto
p. 37 [36] Superbo, alto, profondo, ondoso mare (13) sonetto
p. 38 [37] Qui, dove preme orgoglioso le sponde (14) sonetto
p. 38 [38] Di me stesso nemico, e di mia pace (15) sonetto
p. 39 [39] Deh perche non poss'io, come nel core (16) sonetto
p. 39 [40] Occhi, ch'a gli occhi miei (17) canzonetta
p. 40 [41] Mentre con l'occhio intento e col pensiero (18) sonetto
p. 40 [42] Quando per giunger la natura a l'arte (19) sonetto
p. 41 [43] La, dove inonda e bagna (20) madrigale
p. 41 [44] Scaldava il Sol co chiari ardenti rai (21) sonetto
p. 42 [45] Hor, che da gli occhi miei, non gia dal core (22) sonetto
p. 42 [46] A quelle parti, ove co raggi ardenti (23) sonetto
p. 43 [47] Su presto, greggi miei, dove n'aspetta (24) sonetto
p. 43 [48] Fuggendo amor, me il mio destin seguendo (25) sonetto
p. 44 [49] Pianse Artemisia il caro sposo, e volse (26) sonetto
pp. 44-45 [50] Poscia che i miei piu chiari e lieti giorni (27) sestina
Di m. Giov. B. Agrippa
p. 46 [51] Ne' bei vostri occhi Donna, qualhor nega (1) sonetto
p. 46 [52] Io, che con questa man bagnai di sangue (2) sonetto
p. 47 [53] Quando a ritrare in carte l'alte et tante (3) sonetto
p. 47 [54] Quanto da gioir seco ha il secol nostro (4) sonetto
p. 48 [55] Non puo l'alma a schivar esser piu accorta (5) sonetto
pp. 48-49 [56] Sciogli Febo i destrier, lega i crin d'oro (6) ottava
Di m. Giuliano Gosellini
p. 50 [57] Siede tal'hor Madonna, et io d'intorno (1) sonetto
p. 50 [58] Hoggi vedrò la luce ardente et chiara (2) sonetto
p. 51 [59] Tra questi horridi Monti, e 'n questa valle (3) sonetto
p. 51 [60] Mentre, che col pensier chiuso in me stesso (4) sonetto
p. 52 [61] Volete voi vedere Anima mia (5) sonetto
p. 52 [62] Per far chiaro il valor del vostro ingegno (6) sonetto
p. 53 [63] L'oro, et le gemme, e' i gran thesori, ond'hanno (7) sonetto
Risposta
p. 53 [64] Ne la mia Donna, a cui gran pregio danno (7) sonetto
Dello illus. signor Giovan Vincenzo del Prato conte d'Anversa
p. 54 [65] Cingetemi le tempie d'ogni intorno (1) sonetto
p. 55 [66] Notte degna di marmi, e di metalli (2) sonetto
p. 55 [67] O d'ogni speme mia mortal veleno (3) sonetto
p. 56 [68] La casta Donna, che con forte mano (4) sonetto
p. 56 [69] Luce de l'alma mia vivo mio sole (5) sonetto
p. 57 [70] Sian pur colmi di sdegno i duo bei soli (6) sonetto
p. 57 [71] Bascia caro Sebetho quei rubini (7) sonetto
Dello illustre signor Ferrante Carrafa
p. 58 [72] Come tra le fredd'Alpi, che Lamagna (1) sonetto
p. 59 [73] De le gratie, et d'Amor gli alti thesori (2) sonetto
p. 59 [74] Il Sol, per cui perdei me stesso, e Amore (3) sonetto
p. 61 (sc. 60) [75] Quando da bei vostr'occhi il di vien fuori (4) sonetto
p. 61 (sc. 60) [76] Da l'una Hesperia il ceppo vostro antico (5) sonetto
p. 61 [77] Con gli occhi d'Argo, et non con benda o velo (6) sonetto
p. 61 [78] Mentre arbori Damone invesca, et tende (7) sonetto
p. 62 [79] Qual nome, qual trofeo, qual palma, et quale (8) sonetto
p. 62 [80] AVILA, che de l'Aquila piu altera (9) sonetto
p. 63 [81] Questa imagin, che in cielo, e qui nel mondo (10) sonetto
p. 63 [82] Da cento Re, da cento regie Dive (11) sonetto
p. 64 [83] L'alte piaghe infinite, che tanti anni (12) sonetto
p. 64 [84] Da la vorace Scilla il debol legno (13) sonetto
p. 65 [85] Se per illuminar l'antiche carte (14) sonetto
p. 65 [86] Duolsi del Tago il mar, poi che non vede (15) sonetto
p. 66 [87] Era fra il Sol, che vibra et spiega al cielo (16) sonetto
p. 66 [88] Non l'aria piu d'altero horribil grido (17) sonetto
p. 67 [89] Occhi miei, che in duo rapidi torrenti (18) sonetto
p. 67 [90] Humido d'acque, et di trionfi altero (19) sonetto
p. 68 [91] Sonno, ch'apporti a gli miei spirti frali (20) sonetto
p. 68 [92] Dolce mio caro antico et nobil foco (21) sonetto
p. 69 [93] Italia mia via piu di quel, che in carte (22) sonetto
p. 69 [94] DAVALO mio, la tua vittoria ha il mondo (23) sonetto
p. 70 [95] BEMBO, quando io credea, che 'l raro et santo (24) sonetto
p. 70 [96] Come per farsi una ghirlanda intorno (25) sonetto
p. 71 [97] S'oltra l'Alpe Signor, s'oltra Pirene (26) sonetto
p. 71 [98] La cara fe, che nel tuo petto fido (27) sonetto
p. 72 [99] Se di Pescara, et del gran Vasto havete (28) sonetto
p. 72 [100] Gli Angeli eletti, et gli altri spirti rari (29) sonetto
p. 73 [101] Voi, che non sol con alte et dotte carte (30) sonetto
p. 73 [102] Ruppi i metalli, i marmi, e i sacri tempi (31) sonetto
p. 74 [103] Non l'arte del nocchier, non il governo (32) sonetto
p. 74 [104] L'honorato desir, l'accesa voglia (33) sonetto
p. 75 [105] Questo tanto ad ogn'hor languendo darsi (34) sonetto
p. 75 [106] Padre del ciel poi che il dolor interno (35) sonetto
p. 76 [107] Tornando in vita da la morte ria (36) sonetto
pp. 76-77 [108] Signor dal bel sereno empireo cielo (37) sestina
Del signor Bernardino Rota al signor Ferrante Carrafa
p. 78 [109] A le spere il girarsi, al Sol la luce (1) sonetto
Risposta del signor Ferrante Carrafa
pp. 78-79 [110] A par de la divina altera luce (38) sonetto
Del signor Angelo di Costanzo al s. Ferrante Carrafa
p. 79 [111] Hor, che mercè del ciel dal giogo indegno (1) sonetto
Risposta del signor Ferrante Carrafa
pp. 79-80 [112] Se Febo gia nel vostro altero ingegno (39) sonetto
Del signor Luigi Tansillo al signor Ferrante Carrafa in morte del signor G. suo fratello
p. 80 [113] Se 'l vostro pie calcasse volgar strada (24) sonetto
Risposta del s. Ferrante
p. 81 [114] Se calcar potess'io l'altera strada (40) sonetto
Del s. Antonio Epicuro al s. Ferrante in morte del signor Gio. Gieronimo Carrafa suo fratello
pp. 81-82 [115] Cagion piu giusta mai di giusto pianto (1) sonetto
Risposta del signor Ferrante
p. 82 [116] Con l'ingegno et col suon, col dolce canto (41) sonetto
Del signor Bernardino Rota al s. Ferrante in morte del s. G.
pp. 82-83 [117] Siate a voi stesso voi conforto et vita (2) sonetto
Risposta del signor Ferrante
p. 83 [118] Il conforto voi foste, et voi la vita (42) sonetto
Del signor Angelo di Costanzo
p. 84 [119] Quella cetra gentil, che 'n su la riva (2) sonetto
p. 85 [120] Cigni felici, che le rive et l'acque (3) sonetto
p. 85 [121] Poi, ch'al vostro sparir oscura et priva (4) sonetto
p. 86 [122] L'Alpe inaccessa, che con grave affanno (5) sonetto
p. 86 [123] Gloria del Secol nostro, invitto et raro (6) sonetto
p. 87 [124] S'amate almo mio Sol, ch'io canti o scriva (7) sonetto
p. 87 [125] Novo pensier, che con si dolci accenti (8) sonetto
p. 88 [126] Il buon Poeta Hebreo scrisse, che i Cieli (9) sonetto
p. 88 [127] Ch'io viva, e spiri, et alcun tempo goda (10) sonetto
p. 89 [128] La fama in celebrar hor questa hor quella (11) sonetto
p. 89 [129] Poi ch'è gia ver, ch'ad intelletto humano (12) sonetto
p. 90 [130] Donna, a mostrar di DIO la gloria eletta (13) sonetto
p. 90 [131] Questa luce dal Ciel di novo uscita (14) sonetto
p. 91 [132] Mentre a mirar la vera et infinita (15) sonetto
p. 91 [133] Non con tanta ira sparse il fiero Herode (16) sonetto
p. 92 [134] Mentre io scrivo di voi dolce mia Morte (17) sonetto
p. 92 [135] Se talhor la ragion l'arme riprende (18) sonetto
p. 93 [136] Parto et non gia da voi, pero che unita (19) sonetto
p. 93 [137] Tra 'l vasto grembo, et la superba faccia (20) sonetto
p. 94 [138] Che m'habbia infin a qui l'intensa doglia (21) sonetto
p. 94 [139] Io piango in questo esilio, et non aspetto (22) sonetto
p. 95 [140] Con che nova arte Amor l'empia tua mano (23) sonetto
p. 95 [141] Tento, dolce mio ben, gia col pensiero (24) sonetto
p. 96 [142] Se non sete empia Tigre in volto humano (25) sonetto
p. 96 [143] Fatta contra se stessa iniqua et dura (26) sonetto
p. 97 [144] Quanto quel cieco desiderio ardente (27) sonetto
p. 97 [145] Chiamo la morte (ahi pensier cieco et stolto) (28) sonetto
p. 98 [146] Duro, et freddo mio marmo, in cui scolpio (29) sonetto
p. 98 [147] Ne la tua fronte o mia vera Fenice (30) sonetto
p. 99 [148] CARO, al cui canto angelico et divino (31) sonetto
Risposta di m. Annibal Caro
p. 99 [149] Giunto, ov'io son famoso pellegrino? (1) sonetto
Dello illustre signor Fabio Galeota
p. 100 [150] Corse presontuosa et destra mano (1) sonetto
p. 101 [151] Cosa di voi piu bella il Sol non vede (2) sonetto
p. 101 [152] Fura a i corpi crudel gli animi fura (3) sonetto
p. 102 [153] Ben andiamo ROBERTO incontro al giorno (4) sonetto
p. 102 [154] Hor, che vi son da lunge alma mia fiamma (5) ballata
p. 103 [155] O imagine mia, che sembri lei (6) sonetto
p. 103 [156] Sappi i giorni Signor ch'io meno et l'hore (7) sonetto
p. 104 [157] Fiumi, Nevi gelate, horridi monti (8) sonetto
p. 104 [158] Se con odio pensate Donna eterno (9) ballata
p. 105 [159] Cosi dunque mi scorgi o fiera Stella (10) sonetto
pp. 105-108 [160] Ecco loco deserto (11) canzone
p. 108 [161] Queste carte ti sacro o Dio del foco (12) sonetto
p. 108 (sc. 109) [162] Donna, che siate da le pietre nata (13) sonetto
p. 108 (sc. 109) [163] Se cio, che dentro al cor chiudo et ascondo (14) sonetto
p. 110 [164] Voi, ch'ancider me havete a grande honore (15) sonetto
p. 110 [165] Questa crudel assai piu che l'inferno (16) sonetto
p. 111 [166] Sagra nel tuo fiorito, et ricco seno (17) sonetto
p. 111 [167] CESARE se 'l pianeta, che mi sforza (18) sonetto
p. 112 [168] Occhi miei s'a Madonna piaccio o spiaccio (19) ballata
p. 112 [169] Veramente sei stata sogno et ombra (20) sonetto
p. 113 [170] Torbida notte et torbida speranza (21) sonetto
p. 113 [171] Sgombra l'aere d'intorno o mio bel Sole (22) sonetto
pp. 114-117 [172] Nol morir, non l'Inferno (23) canzone
p. 118 [173] Mentre a veder il viso, in cui si serra (24) sonetto
p. 118 [174] Quando piu perle fra due fresche rose (25) sonetto
p. 119 [175] Donna, che con la mente al ciel salita (26) sonetto
p. 119 [176] Saggio scrittor de l'honorate carte (27) sonetto
p. 120 [177] Figlia di Giove indomita et superba (28) sonetto
p. 120 [178] Febo dovunque sei in Cinto, o 'n Delo (29) sonetto
p. 121 [179] Hor come pace mia, come mia vita (30) sonetto
p. 121 [180] Oscurato è il mio Sol, ond'io vedea (31) sonetto
p. 122 [181] A che risorgi o ingrato Sol dal mare? (32) sonetto
p. 122 [182] Dolce sogno con quai dolci sembianze (33) sonetto
p. 123 [183] Quanto piu l'ale del pensiero spando (34) sonetto
p. 123 [184] Quel d'Amor vivo Sole, et d'honestate (35) sonetto
p. 124 [185] RICCI se 'l vostro ingegno alto et divino (36) sonetto
p. 124 [186] A quella dolce servitute antica (37) sonetto
p. 125 [187] Se per camparsi la tua bella greggia (38) sonetto
p. 125 [188] Tu luce, io scuro; io son mortal, tu vita (39) sonetto
p. 126 [189] O del mio navigar fidata scorta (40) sonetto
pp. 126-131 [190] Chiaro soave vetro (41) canzone
A Violante eleg. I
pp. 131-135 [191] Andrete senza me cara VIOLANTE (42) capitolo in terza rima
A Laura eleg. II
pp. 135-137 [192] LAURA se voi L'AURA gentil spirate (43) capitolo in terza rima
Al s. Antonio Caracciolo eleg. III
pp. 137-140 [193] Mentre, che voi vario piacer trastulla (44) capitolo in terza rima
Egloga Amarili Elpida
pp. 140-143 [194] Lunge dal mar a piedi al gran Vesuvio (45) endecasillabi sciolti
Alla signora D. Giovanna d'Aragona
pp. 143-147 [195] Donna gentil, che 'n questo ondoso mare (46) endecasillabi sciolti
p. 147 [196] O io, se mai al bello amato viso (47) sonetto
p. 148 [197] Mentre ama Alessi, e Aminta odia et disprezza (48) sonetto
Al s. Gio. Fabio Ricci
p. 148 [198] FABIO, che col dir vago et pellegrino (49) sonetto
Dello illustre signor Bernardino Rota
p. 149 [199] La fiamma, che per gli occhi apprese et bebbe (3) sonetto
p. 150 [200] Tutti gli altri pensier fuggon dinanzi (4) sonetto
p. 150 [201] Come di Libia le minute arene (5) sonetto
p. 151 [202] Quanto debbo al pensier, di cui nudrisco (6) sonetto
p. 151 [203] Da qual Scithia la neve, ond'Amor tolse (7) sonetto
p. 152 [204] Per far di me novello stratio Amore (8) sonetto
p. 152 [205] Vivo terren mio Sol, che lunge et presso (9) sonetto
p. 153 [206] La Dea di Pafo in cosi bel sembiante (10) sonetto
p. 153 [207] Piangea Vittoria, et piangea seco Amore (11) sonetto
p. 154 [208] Dentro 'l thesor de la memoria mia (12) sonetto
p. 154 [209] Pianse vedova Roma, et ben si dolse (13) sonetto
p. 155 [210] Lagrime dolci, che di mezzo il foco (14) sonetto
p. 155 [211] O due Muse, o due Gratie, o due Fenici (15) sonetto
p. 156 [212] Ne perch'ogn'hor mi stia qual veltro al fianco (16) sonetto
p. 156 [213] Lasso il regno d'Amor qual breve et frale (17) sonetto
p. 157 [214] Tu seconda Vittoria alta Colonna (18) sonetto
p. 157 [215] Chiara Angioletta da beati chori (19) sonetto
p. 158 [216] Se de l'occhio del ciel l'alma gran luce (20) sonetto
p. 158 [217] Non è d'esca mortal quel dolce ardore (21) sonetto
p. 159 [218] CARO, che con bel stil nobile et franco (22) sonetto
p. 159 [219] Ben è d'alpestra vena il duro scoglio (23) sonetto
p. 160 [220] L'oro, l'ostro, i robin, le perle, il Sole (24) sonetto
p. 160 [221] O di questo et quel mostro almo et sovrano (25) sonetto
p. 161 [222] Quando fece del cor dolce rapina (26) sonetto
p. 161 [223] Piansi del cor l'esilio lungo et grave (27) sonetto
p. 162 [224] Il quinto lustro Sol gia chiude et gira (28) sonetto
p. 162 [225] Punto d'acuto et d'amoroso chiodo (29) sonetto
p. 163 [226] Io ne vo mezzo, et mezzo in voi mi resto (30) sonetto
p. 163 [227] O d'alme illustri eletti incliti chori (31) sonetto
p. 164 [228] Si come per veder l'eterna vita (32) sonetto
p. 164 [229] Deh, ch'io non ho signor, qual dite, un stile (33) sonetto
Del s. Gio. Antonio Carrafa
p. 165 [230] ROTA, di cui lo stil raro et gentile (1) sonetto
Di m. Annibal Caro
p. 166 [231] ROTA, io mi son ben caro, hor ch'io son anco (2) sonetto
Dello ccellente Minturno
p. 167 [232] Quanti dal Tago Hispano a l'Indo Hidaspe (1) sonetto
p. 168 [233] Anima bella, che 'l bel petto reggi (2) sonetto
p. 168 [234] Quel, che l'eterno et infinito bene (3) sonetto
p. 169 [235] Quel sol, che dal piu chiaro e lieto seno (4) sonetto
p. 169 [236] L'almo splendor, che non deriva altronde (5) sonetto
p. 170 [237] Non son del sol, perche dal Sol si nome (6) sonetto
p. 170 [238] O gelosia d'ogni mio mal presaga (7) sonetto
p. 171 [239] Lasso ch'i moro; et lagrimando spesso (8) sonetto
p. 171 [240] Duo possenti nemici, o crudel guerra (9) sonetto
p. 172 [241] Stella del mar, lucente unica stella (10) sonetto
p. 172 [242] Almo mio mar, dal cui beato seno (11) sonetto
p. 173 [243] Felice pianta; in cui s'annida Amore (12) sonetto
pp. 173-178 [244] Alma Real ne' piu bei nodi avvolta (13) canzone
Dello illustriss. signor marchese del Vasto
p. 179 [245] Signor, che rivolgendo il gran pensiero (1) sonetto
p. 180 [246] Lungi da quelli amati cari lumi (2) sonetto
p. 180 [247] Prima ne' chiari, hor ne gli oscuri panni (3) sonetto
p. 181 [248] I' non son da voi Donna tanto assente (4) sonetto
p. 181 [249] Se voi sete il mio Sole, e se voi sete (5) sonetto
p. 182 [250] Poi che GIOVIO m'alzate à tanto honore (6) sonetto
Di m. Landolfo Pighini
pp. 182-184 [251] Seguendo il vano error del volgo stolto (1) canzone
p. 184 [252] D'ogni humano pensier l'alma disciolta (2) sonetto
p. 185 [253] Poi che d'Adamo il temerario ardire (3) sonetto
p. 185 [254] Se, mentre vissi in terra humana vita (4) sonetto
p. 186 [255] VARCHI, che de la mente i bei concetti (5) sonetto
p. 186 [256] Anime belle e sante, che di CHRISTO (6) sonetto
p. 187 [257] DORIA invitto il valor vostro soprano (7) sonetto
p. 187 [258] Voi, c'hoggi il rio terren già tanto amaro (8) sonetto
Del Tasso a m. Lelio Capilupo
pp. 188-192 [259] LELIO, qui dove il Sole (1) ode
Di m. Gioanbattista Baselli
p. 193 [260] Amor, che mi costringi a seguir l'orme (1) sonetto
pp. 193-194 [261] Nel mio fiero martir, che si mi preme (2) sonetto
p. 194 [262] Se 'l biondo Apollo, poi che fu dal saggio (3) sonetto
pp. 194-195 [263] Dapoi che 'l fiero mio destin vi cinse (4) sonetto
p. 195 [264] S'Amor per mia salute non vi spoglia (5) sonetto
pp. 195-196 [265] Uscir vorrei de l'amoroso laccio (6) sonetto
p. 196 [266] Sia maledetto il di, che gli occhi apersi (7) sonetto
pp. 196-197 [267] Per una Donna in amorosa fiamma (8) sonetto
p. 197 [268] Dolce nemica mia, se 'l fier destino (9) sonetto
pp. 197-198 [269] Cosi grave Madonna è 'l mio tormento (10) sonetto
p. 198 [270] Qualhor Madonna la mia bocca insieme (11) sonetto
pp. 198-199 [271] Le treccie d'oro, et la serena fronte (12) sonetto
p. 199 [272] Havea l'Aurora gia de l'Oriente (13) sonetto
pp. 199-200 [273] Non dimostrò giamai il lieto aprile (14) sonetto
Di m. Alessandro Flaminio
p. 200 [274] Se col girne lontan piu si rinfresca (1) sonetto
p. 201 [275] Poi che la Musa mia negletta humile (2) sonetto
p. 201 [276] ROTA, che di tua saggia e nobil mente (3) sonetto
p. 202 [277] Morte, l'estremo di con veloc'ale (4) sonetto
p. 202 [278] D'involar disiosa a gli anni il vanto (5) sonetto
p. 203 [279] Se, quando io chiusi ambe due gli occhi in terra (6) sonetto
p. 203 [280] Se calcar Scipio i bei vestigi cure (7) sonetto
Di m. Lelio Capilupi
p. 204 [281] Tanto alto è il monte, ove 'l cor lasso aspira (1) sonetto
p. 204 [282] Chi estinguerà il mio foco (2) ballata
p. 205 [283] L'alte bellezze, pellegrine, et nove (3) sonetto
p. 205 [284] Quando da noi ne brevi giorni il Sole (4) sonetto
p. 206 [285] O se fia mai, che nel mio ingegno asciutto (5) ballata
p. 206 [286] Lasso, quand'io credea (6) ballata
pp. 206-208 [287] Al nascer suo cosi maligne stelle (7) sestina
p. 208 [288] Donna bella et gentile (8) ballata
p. 208 [289] Alma gentil, che da tuoi lacci sciolta (9) sonetto
p. 209 [290] Spirto gentil, che con soavi accenti (10) sonetto
p. 209 [291] Poi che 'l ciel, et natura, e' i merti vostri (11) sonetto
p. 210 [292] Per quel fermo desir, ch'al cor ti nacque (12) sonetto
p. 210 [293] Donna real, che la citta di Manto (13) sonetto
p. 211 [294] Se di tanto trofeo, se d'honor tanto (14) sonetto
Della signora Isabella di Morra
p. 212 [295] I fieri assalti di crudel fortuna (1) sonetto
p. 213 [296] Sacra Giunone, s'i volgari Amori (2) sonetto
p. 213 [297] D'un'alto monte, onde si scorge il mare (3) sonetto
p. 214 [298] Quanto pregiar ti puoi SIRI mio amato (4) sonetto
p. 214 [299] Non sol il ciel vi fu largo, et cortese (5) sonetto
p. 215 [300] Fortuna, che sollevi in alto stato (6) sonetto
p. 215 [301] Ecco ch'una altra volta o valle inferna (7) sonetto
p. 216 [302] Torbido Siri del mio mal superbo (8) sonetto
pp. 216-218 [303] Signor, ch'insino a qui tua gran mercede (9) canzone
Di m. Cesare Alberti
pp. 218-219 [304] Hor, ch'è piu vago e temperato il cielo (1) sonetto
p. 219 [305] Viva dolcezza inusitata e nova (2) sonetto
pp. 219-220 [306] Qual Pianeta Signor, qual ciel vi sforza (3) sonetto
p. 220 [307] Poi che 'l vostro superbo invitto core (4) sonetto
pp. 220-221 [308] Viva fiamma del cielo, Angel di Dio (5) sonetto
p. 221 [309] Legge non devria haver qui loco, o patto (6) sonetto
pp. 221-222 [310] Dunque sempre vorrà nemica sorte (7) sonetto
p. 222 [311] Valli sole, riposte ombre, antri oscuri (8) sonetto
pp. 222-223 [312] Come fu presta la tua santa mano (9) sonetto
D'incerto autore
p. 223 [313] Ben mi scorgea quel di crudele Stella (1) sonetto
pp. 223-224 [314] Vivo mio scoglio, et salce alpestre, et dura (2) sonetto
p. 224 [315] Quella che lieta del mortal mio duolo (3) sonetto
pp. 224-225 [316] Già non potrete voi per fuggir lunge (4) sonetto
In lode della signora Vittoria marchesana di Pescara
pp. 225-228 [317] Dolce pensier, che mi ritorni al canto (5) canzone
Del Merlo
p. 229 [318] Oltra il bel fiammeggiar de' marmi sculti (1) sonetto
p. 229 [319] In questa amena et fertile contrada (2) sonetto
p. 230 [320] Beati colli, aventurose rive (3) sonetto
p. 230 [321] Colei, che 'l ciel notturno piu serena (4) sonetto
p. 231 [322] O cameretta; che gia fosti un segno (5) sonetto
p. 231 [323] La spada al fianco, e i rari biondi peli (6) sonetto
p. 232 [324] Del Calidonio Re la figlia antica (7) sonetto
p. 232 [325] Dal vivo raggio; che risplende in voi (8) sonetto
p. 233 [326] O scesa ad insegnar da vere scole (9) sonetto
p. 233 [327] Segui spirto gentil la degna impresa (10) sonetto
p. 234 [328] Tal de l'animo vostro è la virtute (11) sonetto
p. 234 [329] Se 'l cor v'aprio con dolorosa chiave (12) sonetto
p. 235 [330] Le pietre sparse; che 'l soave canto (13) sonetto
pp. 235-236 [331] Le piu belle sembianze (14) ballata
p. 237 [332] Tu del piu ricco mar l'argento invole (15) sonetto
p. 237 [333] Tu sei pur MOSTO il piu soave et caro (16) sonetto
p. 238 [334] Da l'esempio de i chori piu vicini (17) sonetto
p. 238 [335] Ben so Madonna, che l'acerba sorte (18) sonetto
Del magnifico signor Pietro Gradinico
p. 239 [336] Voi, che dal cieco errante volgo tolto (1) sonetto
p. 240 [337] Perche 'l fero destin del viso adorno (2) sonetto
p. 240 [338] Nova donna fra noi dal ciel discese (3) sonetto
p. 241 [339] Se col basso mio stile alzarmi a volo (4) sonetto
p. 241 [340] Quando la chiara et amorosa stella (5) sonetto
p. 242 [341] Sonno caro riposo de gli affanni (6) sonetto
p. 242 [342] Non quella, per cui Troia arse e cadeo (7) sonetto
p. 243 [343] Solo e doglioso meco ragionando (8) sonetto
p. 243 [344] Desir ardente, e gelata paura (9) sonetto
p. 244 [345] Se per lungo servir con pura fede (10) sonetto
p. 244 [346] Sento 'l desir, ch'a morte mi trasporta (11) sonetto
p. 245 [347] La divina beltà, ch'in corpo humano (12) sonetto
p. 245 [348] Qual d'Eurota a le rive, o ne be monti (13) sonetto
p. 246 [349] Fera stella crudel, che 'l viver mio (14) sonetto
pp. 246-249 [350] Poi, che lasso m'è tolto (15) canzone
pp. 249-252 [351] Poscia, ch'al ricco bel nostro oriente (16) capitolo in terza rima
pp. 252-253 [352] O cara luce mia, dove sei gita (17) sonetto
p. 253 [353] Qual Rosignuol sovra l'amato faggio (18) sonetto
pp. 253-254 [354] Carco di ricche spoglie, e di trofei (19) sonetto
Di m. Giovanmaria dalla Valle
pp. 254-257 [355] Poscia, che l'empia inesorabil morte (1) canzone
Di m. Thomaso Spica
pp. 257-258 [356] Quel Sol, che gia con glorioso raggio (1) sonetto
p. 258 [357] Mentre passava a l'altra vita altiero (2) sonetto
pp. 258-259 [358] S'haveste voi con quella nobil'alma (3) sonetto
p. 259 [359] Morta giacea su la funeste bara (4) sonetto
pp. 259-260 [360] Messaggiera di DIO, c'hoggi ritorni (5) sonetto
p. 260 [361] Conosco hor ben, perche sdegnosa tuona (6) sonetto
pp. 260-261 [362] Mentre fra noi con si Real costume (7) sonetto
p. 261 [363] Al rovinar di quella pianta altiera (8) sonetto
pp. 261-262 [364] Dritto è ch'io pianga, e 'l cor di doglia amanti (9) sonetto
p. 262 [365] Poi che da queste d'ornamento prive (10) sonetto
Del s. Alfonso Mantegna Egloga. Mantenio Pastor Solo
pp. 262-271 [366] Havea tre volte il natural viaggio (1) endecasillabi sciolti
p. 271 [367] A l'error de le crespe treccie bionde (2) sonetto
p. 272 [368] Donna a che tante prove (3) madrigale
p. 272 [369] S'un ghiaccio interno è, che vi chiude 'l core (4) sonetto
p. 273 [370] Amor che fai ne bei pensier soggiorno (5) sonetto
p. 273 [371] Se 'n te si trova il solito valore (6) sonetto
p. 274 [372] Se la tanta pietà ti strinse il core (7) sonetto
p. 274 [373] Madre a i figli crudele avara terra (8) sonetto
p. 275 [374] Mentre Natura con piu bel dissegno (9) sonetto
p. 275 [375] De la Citta, la qual Lepido honora (10) sonetto
p. 276 [376] Quando di quella 'l chiaro lume ardente (11) sonetto
p. 276 [377] Qual l'alba vaga matutina suole (12) sonetto
p. 277 [378] Se 'l viso, per cui gode la natura (13) sonetto
p. 277 [379] Qual suggetto piu grave (14) madrigale
p. 278 [380] Una fiamma, ch'eccede ogni gran fiamma (15) sonetto
p. 278 [381] O troppo dure, o troppo invide stelle (16) sonetto
p. 279 [382] Almo Sol, che ne i miseri mortali (17) sonetto
p. 279 [383] Un bel lume, ch'illumina ogni lume (18) sonetto
p. 280 [384] Se de chiar lumi vostri un dolce sguardo (19) sonetto
p. 280 [385] Alba mia vaga la mia stanca vita (20) sonetto
p. 281 [386] Mentre con lunghi et frettolosi passi (21) sonetto
p. 281 [387] Luce non fu giamai bramata tanto (22) sonetto
p. 282 [388] Mentre il padre Tirrhen con quel furore (23) sonetto
p. 282 [389] Ove fra l'Appennino e 'l mar Tirrheno (24) sonetto
p. 283 [390] Quella, che 'n vago et honorato velo (25) sonetto
p. 283 [391] Son questi ahime que' crin, son questi i lumi (26) sonetto
p. 284 [392] Quando da la terrena spoglia frale (27) sonetto
p. 284 [393] Ecco o mio nido quella, che l'aurora (28) sonetto
p. 285 [394] Era ne la stagion, che 'n libra 'l sole (29) sonetto
p. 285 [395] Donna si come 'l sole (30) madrigale
p. 286 [396] Quand'i volgo 'l pensiero in quella parte (31) sonetto
p. 286 [397] L'alma, che sotto il nome bianco e 'l velo (32) sonetto
p. 287 [398] Quando sotto d'un pur crespo aureo crine (33) sonetto
p. 287 [399] Ove è la rete, ove è la face accesa (34) sonetto
p. 288 [400] Pien d'ardir folle a rimirar per gioco (35) sonetto
p. 288 [401] Febo s'anchor del vago amato alloro (36) sonetto
p. 289 [402] Di voi m'incresce amanti (37) madrigale
p. 289 [403] Mentre in solingo errore (38) ballata
p. 290 [404] Il foco, che gia m'arse insin a gli ossi (39) madrigale
p. 290 [405] Occhi, se ben mirate (40) madrigale
pp. 290-291 [406] Dolce, acceso, amoroso pensier mio (41) sonetto
p. 291 [407] Donna, sotto il cui sacro animo altiero (42) sonetto
pp. 291-292 [408] Se pur mai furon da le genti intese (43) sonetto
p. 292 [409] Cantava Coridon con dolci accenti (44) sonetto
pp. 292-293 [410] Cantando Filli in dolci alti concenti (45) sonetto
p. 293 [411] Fortuna per cennarmi un breve riso (46) sonetto
pp. 293-294 [412] Eccoti Re de gli altri altiero fiume (47) endecasillabi sciolti
Dello illustre signor Hercole Bentivoglio
p. 295 [413] Fortunato Troian, che penetrasti (1) sonetto
p. 296 [414] ELPIN non è fra l'herbe si soave (2) sonetto
A monsignor Alciato
p. 296 [415] Cerere a i campi tuoi di grosse spiche (3) sonetto
Del magnifico signor Domenico Veniero
p. 297 [416] Non punse, arse, o legò stral, fiamma, o laccio (1) sonetto
p. 298 [417] Si m'è dolce l'amaro (2) madrigale
pp. 298-299 [418] O mia morte, et mia vita esca del core (3) sonetto
p. 299 [419] M'arde, impiaga, ritien, squarcia, urta, et preme (4) sonetto
p. 300 [420] Maladetto sia 'l dardo, il foco, e 'l laccio (5) sonetto
p. 300 [421] Si come scoglio a l'impeto de l'onde (6) sonetto
p. 301 [422] Mentre misera Italia in te divisa (7) sonetto
p. 301 [423] MOLIN, tu, ch'a di nostri al ben rivolto (8) sonetto
Dello illustre signor Ferrante Carrafa
p. 302 [424] Ecco il mio foco: al suo gran lume venga (43) sonetto
p. 303 [425] Era homai per restar vinto fra l'onde (44) sonetto
p. 303 [426] Come la pace, che concesse al mondo (45) sonetto
p. 304 [427] Se a le cocenti fiamme a tutte l'hore (46) sonetto
p. 304 [428] Se per beltà gia Troia arse et caddeo (47) sonetto
p. 305 [429] Quando odo il suon de tuoi celesti accenti (48) sonetto
p. 305 [430] Per l'Oceano maggior di quel, ch'aggira (49) sonetto
p. 306 [431] Quando l'alma beltà del Re del cielo (50) sonetto
p. 306 [432] Sferza i sensi ad ogn'hor, la ragion frena (51) sonetto
p. 307 [433] La tromba, che d'Arpin famosa uscio (52) sonetto
p. 307 [434] Portia oprando in se stessa il foco ardente (53) sonetto
p. 308 [435] Quando l'herbe, le brine, e i vaghi fiori (54) sonetto
p. 308 [436] Quando il vostro divin spirto discese (55) sonetto
p. 309 [437] Quando dinanzi a i bei vostr'occhi Amore (56) sonetto
p. 309 [438] Madre di tanti et si famosi Heroi (57) sonetto
p. 310 [439] Chi al vasto mar ne l'altrui nave o legno (58) sonetto
p. 310 [440] Con doppio mal si stempra et si consuma (59) sonetto
p. 311 [441] Leda, Europa, Calisto, Danae, et Io (60) sonetto
p. 311 [442] Nascendo il Sol dal mar sorge su l'onde (61) sonetto
p. 312 [443] Questi sproni, che spinsero il mio core (62) sonetto
Del Ferrino al s. Hercole Bentivoglio
p. 313 [444] O d'antichi poeti Imagin vera (1) sonetto
Risposta
pp. 313-314 [445] Se tolle a noi la Parca invida et fera (4) sonetto
Del s. Ferrante Carrafa al s. Girolamo Ruscelli
p. 314 [446] Se Pattolo, Hermo, Idaspe, e le ricche onde (63) sonetto
Risposta
p. 315 [447] Empian del bel Sebeto altere l'onde (1) sonetto
Altra risposta
pp. 315-316 [448] Signor, cui solo, in questa età, la fronde (2) sonetto
Del s. Girolamo Ruscelli
p. 316 [449] ATTIO, quel dolce vostro foco ardente (3) sonetto
pp. 316-317 [450] Voi col frutto miglior di si lodate (4) sonetto
p. 317 [451] COSTANZO, sì felice, e chiaro ingegno (5) sonetto
D'incerti autori
pp. 317-318 [452] Se l'alma, che fu dono a voi celeste (1) sonetto
p. 318 [453] Scrivan di Grecia i studi, e 'l vago seno (2) sonetto
p. 319 [454] Alto Signor, le cui famose prove (3) sonetto
p. 319 [455] Giulia grida la fama, e intera fede (4) sonetto
p. 320 [456] O Dea, pel cui valor chiara risplende (5) sonetto
p. 320 [457] Per darvi Donna il vostro primo honore (6) sonetto
p. 321 [458] I cocenti sospir, l'ardente fuoco (7) sonetto
p. 321 [459] Donna con gli occhi miei, se i lumi santi (8) sonetto
p. 322 [460] Spirto gentil, che pur riguardi in vano (9) sonetto
p. 322 [461] Pommi di remi privo, et di nocchiero (10) sonetto
p. 323 [462] Chi pon tanta virtù, tanto valore (11) sonetto
Del s. Pietro Aretino
p. 323 [463] E Iulio, et Carlo, et Cesare, e 'l Pastore (1) sonetto
p. 324 [464] Iddio, che hor calchi il Sole, hora la Luna (2) sonetto
De diversi
p. 324 [465] Ne tanto pianse mai novella Sposa (12) sonetto
p. 325 [466] Che piu, lasso, di ben frà noi si vede (13) sonetto
p. 325 [467] Torna BEMBO beato, che qual vivo (14) sonetto
A m. Bernardo Capello
p. 326 [468] Qual fia ragion, che 'l duol misure, o tempre (15) sonetto
Risposta del Capello
pp. 326-327 [469] Ne cosa chiedo, che 'l dolor mio tempre (1) sonetto
p. 327 [470] Alma gentil, che mentre anchor vestita (16) sonetto
pp. 327-328 [471] Quella chiara Phenice ch'a di nostri (17) sonetto
p. 328 [472] Donna, ch'ogn'hor vittoriosa palma (18) sonetto
pp. 328-329 [473] Lassa hor Metauro il verde serto, e 'l manto (19) sonetto
p. 329 [474] Pon freno homai ò dispietata Dea (20) sonetto
pp. 329-330 [475] Cosi mi taccio, et piu lodati versi (21) sonetto
p. 330 [476] La, dove 'l Ganno, e 'l bel Metauro insieme (22) sonetto
pp. 330-331 [477] Sperai poter col mio debil ingegno (23) sonetto
p. 331 [478] Diva, che 'n foco di speranza viva (24) sonetto
p. 332 [479] Spettacolo apparea d'amara vista (25) sonetto
p. 332 [480] Di casta oliva, et d'honorati lauri (26) sonetto
p. 333 [481] Se con horribil suon da l'alta loggia (27) sonetto
p. 333 [482] Hor ha pur morte da quest'aurea testa (28) sonetto
p. 334 [483] Al cader d'un'illustre pianta altera (29) sonetto
p. 334 [484] Tre son le morti, due son date a sorte (30) sonetto
p. 335 [485] Intorno, ove giaceva al casto letto (31) sonetto
p. 335 [486] Signor io veggio, che vostra alma venta (32) sonetto
p. 336 [487] Svelta l'Arbore, sotto a la cui ombra (33) sonetto
p. 336 [488] Come fiamma per fiamma non si smorza (34) sonetto
p. 337 [489] Fra i Regi d'Alba, e i gran Duci di Roma (35) sonetto
p. 337 [490] Piu non lice ascoltar chi non ragiona (36) sonetto
p. 338 [491] Giace il gran BEMBO in questa pietra angusta (37) sonetto
p. 338 [492] Da la Idea; che contien tutte le forme (38) sonetto
p. 339 [493] A Dio colmo d'honori, et d'anni illustri (39) sonetto
p. 339 [494] Come luce; che mostra in parte oscura (40) sonetto
p. 340 [495] Il Bembo è morto il volgo grida, et piange (41) sonetto
p. 340 [496] Alte piaghe, et patenti, o CARLO havemo (42) sonetto
p. 341 [497] Diamo hor Sperone, al pianto ampia la via (43) sonetto
p. 341 [498] Degno Signor, cui vien dal Ciel promesso (44) sonetto
p. 342 [499] BEMBO, che me d'invidia et d'alto duolo (45) sonetto
p. 342 [500] In dubbio di me stesso se dolermi (46) sonetto
p. 343 [501] BEMBO, dond'usciran le lodi, e 'l canto (47) sonetto
p. 343 [502] Tosto che giunse in Ciel l'alma gentile (48) sonetto
p. 344 [503] Qual fiera è si crudel, che non piangesse (49) sonetto
p. 344 [504] Poi che 'l famoso, et honorato BEMBO (50) sonetto
pp. 345-348 [505] Errai gran tempo, et del camino incerto (51) canzone
Del s. * : ..…
p. 349 [506] Voi, ch'a que' studi alzate l'intelletto (1) sonetto
p. 349 [507] Quel che mi piace piu, m'è piu tormento (2) sonetto
p. 350 [508] Hor, ch'io mi trovo pur pago e contento (3) sonetto
p. 350 [509] Chi nol sa ben, che sia la moglie putta (4) sonetto
Di m. Ascanio Presinace da Squillace
p. 351 [510] O fallace desir, ch'a poco a poco (1) sonetto
p. 351 [511] Donna, che spesso co soavi giri (2) sonetto
p. 352 [512] Perpetua noia, che da vena in vena (3) sonetto
p. 352 [513] Vero pastor di sommo Amor' acceso (4) sonetto
A m. Giovam Paolo Pascero
p. 353 [514] Pascer se miri le moderne carte (5) sonetto
Di m. Pietro Percoto
pp. 353-354 [515] Mentre la piaga mia non fu anchor tanto (1) sonetto
p. 354 [516] Quasi gemma su i lidi d'Oriente (2) sonetto
Del s. Fabio Galeota
pp. 354-355 [517] Mentre Navi apparecchia, e schiere armate (50) sonetto
p. 355 [518] Dio porti il meglio, e non sia vero il sogno (51) sonetto
pp. 355-356 [519] O de l'anima mia parte seconda (52) sonetto
p. 356 [520] Hor, che Scilla t'assorbe avara Scilla (53) sonetto
Del cavalier Gandolfo
pp. 356-357 [521] Qual Pellegrin dal camin tritto e lasso (1) sonetto
Di m. Lelio Capilupi
p. 357 [522] Sovra l'alta colonna, onde sovente (15) sonetto
p. 358 [523] Se mai qua giu ne le miserie humane (16) sonetto
p. 358 [524] Quando io torsi da voi Madonna il piede (17) sonetto
p. 359 [525] Quante volte Madonna ho preso in mano (18) sonetto
p. 359 [526] Si dolce è il canto, et si soave il viso (19) madrigale
p. 360 [527] Ridono i colli et le campagne et l'onde (20) sonetto
p. 360 [528] Vadan pur gli altri oro et favor mercando (21) sonetto
p. 361 [529] TILESIO voi, che col veloce ingegno (22) sonetto
p. 361 [530] Quest'occhi miei, occhi non gia, ma fiumi (23) sonetto
p. 362 [531] Signor, che con tua morte (24) ballata
p. 362 [532] Perche cerchi Signor io non ritrovo (25) ballata
p. 363 [533] Mentre i begli occhi, che de gli occhi miei (26) sonetto
p. 363 [534] Corra il Mincio al suo fonte, e 'l Re de i fiumi (27) sonetto
p. 364 [535] Tendi pur l'arco Amor, raccendi il foco (28) ballata
p. 364 [536] Quella fera crudel, che si possente (29) sonetto
Del conte Vinciguerra
pp. 365-368 [537] Fortunata Citta, Beato Mare (1) canzone
D'incerto autore
pp. 368-371 [538] Poi che Silvina mia (1) canzone
Di m. Marco Vasio
p. 371 [539] Tra piu odorate et vive rose, ond'hora (1) sonetto
p. 372 [540] Se nel partir di que be lumi ardenti (2) sonetto
Del Frangipane
p. 372 [541] Queste pietose lagrime t'invia (1) sonetto
Del s. Sperone Speroni
p. 373 [542] Amor gia, che tu vuoi pur ch'io m'arrischi (1) ballata
Di m. Cornelio Frangipane
pp. 373-374 [543] L'opra ammiranda, che formò natura (2) sonetto
Di m. Marino de Nordi
p. 374 [544] Verdi et fioriti colli, ove il bel viso (1) sonetto
Di m. Nicolo Spadaro
pp. 374-375 [545] Ahi Costanza d'Amor bella e pudica (1) sonetto
Di m. Antonio Gerardo
p. 375 [546] Qui meco, o bell'Adone a l'ombre estive (1) sonetto
Di m. Antonio Gerardo
p. 376 [547] Messer Thomaso, se la cruda et bella (2) sonetto
p. 376 [548] Nel fiammeggiar de la vermiglia Aurora (3) sonetto
Del Doni, al s. Giuliano Soldati, cavalliere illustre risposta
p. 377 [549] Ben che sovente il mio bell'Arno a paro (1) sonetto
Del s. Annibal Caro
pp. 377-379 [550] Amor, che fia di noi; se non si sface (3) canzone
Del s. Giovambattista Amaltheo
pp. 80 (sc. 380)-382 [551] Dunque fia ver, che la mia verde spoglia (1) canzone
pp. 382-383 [552] Hor, che de miei pensier la notte aggiorna (2) sonetto
p. 383 [553] Veggio del vostro honor si lunge il segno (3) sonetto
pp. 383-384 [554] Su l'ale del pensier caldo, e pungente (4) sonetto
Del magnifico s. Giacomo Mocenico
p. 384 [555] Ne la stagion, che fanno il ciel adorno (1) sonetto
p. 385 [556] Nasce un'herba gentil, ch'a i lumi ardenti (2) sonetto
p. 385 [557] Biondo crin d'ambra tersa, e di fin oro (3) sonetto
p. 386 [558] Perche vivi cor mio da me lontano (4) sonetto
p. 386 [559] Donna, se de vostr'occhi il raggio ardente (5) sonetto
p. 387 [560] Dunque fatal mio Sol a me non splende (6) sonetto
p. 387 [561] O dolci miei pensier, di nebbia oscura (7) sonetto
p. 388 [562] Tu pur mia viva stella a me rivolta (8) sonetto
Del magnifico s. Giacomo Zane
p. 388 [563] Se di freddi pensier mai sempre il core (1) sonetto
p. 389 [564] Cosi vago augellin di fronda in fronda (2) sonetto
p. 389 [565] Bella nimica mia, perche vi armate (3) sonetto
Del magnifico s. Domenico Veniero
p. 390 [566] Perche l'immensa gioia (9) canzonetta